Social & Smartphone:
ENG
ITA
ENG
THE FORTUNE OF THE SIBYL'S TALE
LA FORTUNA DEL RACCONTO SIBILLINO
29 Mar 2019
Mount Sibyl and the Lake of Norcia in a seventeenth-century map by Giovanni Antonio Magini
In 1620, Fabio Magini, the son of Giovanni Antonio Magini, the great Italian astronomer and cartographer, published “Italy - A General Description”, the last work completed by his father, who had passed away three years earlier.

The book contained a bounty of detailed maps depicting seventeenth-century Italy, and Giovanni Antonio Magini had not missed the chance to outline the exact position of Mount Sibyl and the Lake of Norcia (also known as the Lake of Pilatus) in two maps: a first one which depicted the Duchy of Spoletium and another one dedicated to the Marches of Ancona.

In the first map, we see Norcia with its multitude of small castles lying in the vicinity: S. Pellegrino, Frascaro, Paganelli, Valcaldara, Notoria, S. Marco, Pescia, Castel S. Maria, Santa Maria della Neve, Ancaiano, Rocca Anolfi, Castelluccio, all featuring almost the same spelling as the names we use today.

In the upper portion of the map, the Sibyl's Cave (“Grotta della Sibilla”) opens its gloomy jaws on a mount raising beside Mount Vettore (“Vittore”). Nearby, the Lake of Norcia (“Lago di Norcia”) is drawn as a single large water surface.

In the second map, the same magical places appear again, with the small hamlet of Castelluccio guarding the plain and the trails leading to the two sites.

In a different work, “Antique and Modern Geography” (“Geographiae, tum veteris tum novae”), a commentary to Ptolemy's classical book on the geography and maps of the antique world, Giovanni Antonio Magini had written the following words:

«Furthermore, in a peak set amid the Apennines, called 'Mount Vettore', lies the Lake of Norcia, whose waters raise with a perennial motion, and then in turn they are seen fall down again, not without the utter astonishment by the onlookers; there evil demons reside, and the illiterate populace believes that they provide answers when summoned. And in the Apennines there is also a huge and frightful cavern which people calls the 'Sibyl's cave', about which many fairy tales are told by liars and shams; according to which many Sorcerers and necromancers were once frequently seen flock to those places, so much so that the inhabitants of Norcia were forced to seal that sibilline cave or hollow, and in addition they put watchful guards by the lake».

[In the original Latin text: «Est in jugo quoque Apennini montis, quod 'Mons Victor' vocatur, Lacus Nursinus, cujus aquae perpetuis motibus salire, vicissimque subsidere cernuntur, non sine magna admiratione, unde ibi Cacodaemones inhabitare, vocatosque responsa dare imperitum vulgus putat. Est etiam in Apennino immane horribileque antrum, quod 'Sybillae caverna' vulgo dicitur, de qua multa fabulosa a mendacibus, ac impostoribus recitantur; quamobrem cum Nursini frequentem olim Magorum, et maleficorum hominum numerum ad haec loca continuo concurrere conspexissent, speculam seu cavernam illam Sybillinam operire coacti fuerunt, ac praeterea custodes ad lacum circumspectos ponere»].
Il Monte Sibilla e il Lago di Norcia in una mappa seicentesca di Giovanni Antonio Magini
Nel 1620, Fabio Magini, figlio di Giovanni Antonio Magini, il grande astronomo e cartografo padovano, pubblicò "L'Italia Descritta in Generale", l'ultima opera completata dal padre, scomparso tre anni prima.

Il volume contiene preziose e dettagliate mappe raffiguranti l'Italia del diciassettesimo secolo, e Giovanni Antonio Magini non si è lasciato certo sfuggire l'occasione per rappresentare l'esatta posizione del Monte Sibilla e del Lago di Norcia (noto anche come Lago di Pilato) all'interno di due mappe differenti: la prima raffigurante il Ducato di Spoleto, la seconda la Marca d'Ancona.

Nella prima mappa, possiamo vedere Norcia accompagnata dalla sua moltitudine di piccoli castelli posti nelle vicinanze: S. Pellegrino, Frascaro, Paganelli, Valcaldara, Notoria, S. Marco, Pescia, Castel S. Maria, Santa Maria della Neve, Ancaiano, Rocca Anolfi, Castelluccio, tutti caratterizzati grosso modo dal medesimo appellativo utilizzato ancora oggi.

Nella parte superiore della mappa, la "Grotta della Sibilla" apre le proprie fauci tenebrose sulla cima di una montagna che si erge accanto al "Monte Vittore". Poco lontano, il "Lago di Norcia" è raffigurato come un singolo, vasto specchio d'acqua.

Nella seconda mappa, gli stessi luoghi dal magico fascino vengono riproposti nuovamente, con il piccolo villaggio di Castelluccio posto a guardia dell'altipiano e dei sentieri che conducono ai due siti.

In una differente opera, "Geografia antica e moderna" (“Geographiae, tum veteris tum novae”), un commento ai classici volumi di Claudio Tolomeo contenenti la geografia e le mappe di tutto il mondo conosciuto nell'antichità, Giovanni Antonio Magini ebbe così a scrivere:

«Inoltre, presso una vetta posta tra i monti Appennini, chiamata 'Monte Vittore', si trova il Lago di Norcia, le cui acque si innalzano in perenne movimento, per poi successivamente essere viste ricadere, non senza grande meraviglia; là risiedono malvagi dèmoni, che il volgo ignorante crede possano rispondere quando evocati. C'è anche, nell'Appennino, un grandissimo e orribile antro, che il popolo chiama 'Caverna della Sibilla', in merito alla quale molte favole vengono narrate da bugiardi e truffatori; per cui un gran numero di maghi e negromanti furono visti recarsi un tempo presso questi luoghi, dimodoché i Nursini furono costretti a chiudere quell'antro o caverna sibillina, e inoltre a porre attenti guardiani presso il lago».

[Nel testo originale latino: «Est in jugo quoque Apennini montis, quod 'Mons Victor' vocatur, Lacus Nursinus, cujus aquae perpetuis motibus salire, vicissimque subsidere cernuntur, non sine magna admiratione, unde ibi Cacodaemones inhabitare, vocatosque responsa dare imperitum vulgus putat. Est etiam in Apennino immane horribileque antrum, quod 'Sybillae caverna' vulgo dicitur, de qua multa fabulosa a mendacibus, ac impostoribus recitantur; quamobrem cum Nursini frequentem olim Magorum, et maleficorum hominum numerum ad haec loca continuo concurrere conspexissent, speculam seu cavernam illam Sybillinam operire coacti fuerunt, ac praeterea custodes ad lacum circumspectos ponere»].




















































8 Mar 2018
The Apennine Sibyl / Pope Pius II Piccolomini's original letter on the Sibyl's cave published for the first time ever (with new findings) /3
A cardinal, Silvio Enea Piccolomini, who in 1458 became Pope with the regnal name Pius II. A letter, which he wrote when he received a visit from a herald sent to him by an illustrious personage who was the physician and chief astronomer of a German duke. The gloomy fame of Mount Sibyl, in Italy, with a cave and a nearby lake, where many knew that necromacy was being practiced. An astounding piece of evidence that the Italian mountain was everything but an ordinary place: not just one of the innumerable peaks that made up the Apennine mountain ridge, which runs across the spine of Italy.

But when was Piccolomini's letter written, and where, and to whom was it addressed?

The scholars, who in recent years have considered Piccolomini's text in their studies on the legend and lore of the Apennine Sibyl, have made a number of mistakes.

At present, the common belief is that the letter was written by Silvio Enea in 1431, on his way to the Council of Basel, which was being held in that same year; and, according to this belief, the note was addressed to Piccolomini's brother, George.

All the previous bits of information are wrong.

This misconception was originated by the fact that all scholars had not the chance to access the original manuscripted version of the letter, which we are presenting in this article; instead, they all took into consideration the printed version published in Basel by Henrichum Petri in 1551 (see figure), which contains a number of omissions and inaccuracies.

Let's consider the year and place in which the letter was written down: the printed version does not contain any reference to such details; instead, the date and place are clearly set out in the final part of the original manuscripted version (see figure):

«[...] Do as if you were me: and what you wish, I will do accordingly. Be well, my dear. Written in Sankt Veit, Carinthia, on January, 15th 1444»

[In the original Latin text: «[...] Finge te esse me: et quid tunc velles, id facito. Vale optime. Ex sancto vito carinthia die XV ianuarii M.CCCC.XXXX.IIII»].

In 1444, Piccolomini was actually a secretary to Frederick III, the Duke of Styria, Carinthia and Carniola, in Austria, and King of the Romans, the title that preceded the formal coronation as Holy Roman Emperor. This fact is further confirmed by the heading of the letter, where Piccolomini declares to hold a post as «Imperialis Secretarius», a position he actually did not hold in year 1431.

The 1551 printed version contains another error as well: in the heading, it reads «to jurist George, his brother» («Georgio Iuriconsulto fratri suo», in Latin). But Enea Silvia had no such brother. For the manuscripted versions tells the reader a different story:

«... to jurist Gregory, his brother» («...Gregorio iuriconsulto fratri suo»).

The right name is not 'George', but 'Gregory', and the latter is Gregorio Lolli, a young cousin of Silvio Enea. Lolli was born in Siena and became a close friend of Silvio Enea Piccolomini when the future Pope was eightheen and decided to settle in the Tuscan town to attend the local University. The two friends shared the same love for the study of Latin authors and classical history. Lolli took his law degree in Siena in 1441, and he was still living there when Piccolomini wrote to him his letter about the 'Venusberg' in 1444. They used to write letters to each other, and owing to their friendship and mutual respect they often addressed each other as 'my brother'.

So what does this letter tell to us? From the text of the message, we know that in 1444 Silvio Enea Piccolomini entrusted the servant of an important personage, a prominent member of the court of the Duke of Saxony, to a close friend in Siena, for the arrangement of a meeting with an old jurist, Savinus, who had a specific knowledge on the dark fame which enshrouded a mountain and a lake lying in the vicinity of Norcia. Mount Sibyl and the Lake of Pilatus.

We are now left with the difficult task to unveil the identity of the unknown Saxon astronomer, the personal physician of a Duke of Saxony. Who was he?

We could not pinpoint his name, even though the available clues are of high significance.

We know that in 1444 Saxony, a territory in northern Germany ('Sachsen' in German), was split in two areas: the Saxe-Wittenberg, ruled by Frederick II The Gentle ('Friedrich der Sanftmütige'); and Saxe-Lauenburg, ruled by Bernhard II. But they were not the only existing Dukes of Saxony, as other relatives of theirs bore the same title (for instance, Wilhelm III, Frederick's younger brother).

Did they have a personal physician and astronomer? Of course they did, just like all other upper-rank ruling aristocrats of their historical age. We have lots of names of scholars, astronomers and physicians, who lived around that period in Germany and Austria: from Johann Schindel to Johannes Müller 'The Regiomontanus', from Bernhard Walther to Georg von Peuerbach, and many others. However, none seems to have been active in that exact years, of having been of Saxon origin, or having acted as personal physicians to any Saxon duke.

And the most promising name, that of Nicholas of Kues (Nicolaus Cusanus), the great German philosopher, diplomat, astronomer and physician, who was a close acquaintance of Silvio Enea Piccolomini and would have surely addressed his friend to retrieve information on a Venusberg in Italy, unfortunately seems to have nothing to do with Saxony and the dukes of Saxony.

So we have to leave to professional scholars, proficient in the history of ancient German Saxony, the impervious task of searching amid the antique papers for the identity of the Saxon Astronomer referred to by Piccolomini.

However, one fact is certain: in 1444 Mount Sibyl and its nearby lake were already notorious for being a place where necromancy was being performed. With no specific reference to any Sibyls.

This is a most important clue to a deeper understanding of the true nature of a magical mountain and lake that, in the fifteenth century, were being considered as very special places. Places worth a visit if you had a fancy for summoning demons.

Places that were possibly known for such peculiar use since much earlier times.
Sibilla Appenninica / La lettera originale di Papa Pio II Piccolomini sulla grotta della Sibilla pubblicata oggi per la prima volta (con nuove informazioni) /3
Un cardinale, Silvio Enea Piccolomini, che nel 1458 diventerà Papa con il nome di Pio II. Una lettera, che egli scriverà dopo avere ricevuto la visita di un messaggero a lui inviato da un illustre personaggio, astronomo e medico personale di un duca germanico. La fama tenebrosa del Monte Sibilla, in Italia, con la sua caverna e il vicino lago, presso i quali molti ritenevano che fosse praticata la negromanzia. Un'impressionante testimonianza in merito al fatto che quella montagna italiana rappresentava tutto fuorché un luogo ordinario: non si trattava affatto, semplicemente, di uno degli innumerevoli picchi che costellavano la catena dell'Appennino, lungo la spina dorsale dell'Italia.

Ma quando fu scritta quella lettera di Piccolomini, e dove, e a chi fu indirizzata?

Gli studiosi che, in anni recenti, si sono interessati al testo di Piccolomini nell'ambito dei propri studi sulla leggenda e sulle tradizioni relative alla Sibilla Appenninica, hanno commesso una serie di errori.

Attualmente, sussiste la convinzione che la lettera sia stata redatta da Silvio Enea nel 1431, nel corso del suo viaggio verso il Concilio di Basilea, che si sarebbe tenuto in quel medesimo anno, e che il messaggio sia stato indirizzato a Giorgio, suo fratello.

Ma tutti questi elementi risultano essere errati.

L'equivoco nasce dal fatto che i predetti studiosi non hanno avuto la possibilità di visionare il manoscritto originale della lettera, che noi stiamo invece presentando in questo articolo; essi poterono prendere in considerazione solamente la versione a stampa del messaggio, pubblicata a Basilea da Henrichum Petri nel 1551 (vedere figura), la quale contiene un certo numero di omissioni e imprecisioni.

Andiamo a considerare l'anno e il luogo in cui la lettera fu scritta: la versione a stampa non contiene alcun riferimento a tali dettagli; al contrario, la data e il luogo di redazione sono chiaramente indicati nella parte finale della versione originale manoscritta (vedere figura):

«[...] Fai pure come se tu fossi me: e ciò che tu desideri, io eseguirò. Stammi bene, mio caro. Scritto a San Vito di Carinzia nel giorno XV gennaio 1444».

[Nel testo originale latino: «[...] Finge te esse me: et quid tunc velles, id facito. Vale optime. Ex sancto vito carinthia die XV ianuarii M.CCCC.XXXX.IIII»].

Nel 1444, Piccolomini era infatti segretario di Federico III, Duca di Stiria, Carinzia e Carniola, in Austria, e Re dei Romani, titolo che precedeva la formale incoronazione a Imperatore del Sacro Romano Impero. Questo fatto è ulteriormente confermato dall'intestazione della lettera, nella quale Piccolomini dichiara di rivestire il ruolo di «Imperialis Secretarius», una posizione che egli non occupava affatto nel 1431.

La versione a stampa del 1551 contiene anche un ulteriore errore: nell'intestazione, si legge «a Giorgio giureconsulto, suo fratello» («Georgio Iuriconsulto fratri suo», in Latino). Ma Enea Silvio non aveva un tale fratello. In effetti, la versione manoscritta ci racconta una storia differente:

«a Gregorio giureconsulto, suo fratello» («...Gregorio iuriconsulto fratri suo»).

Il nome giusto non è 'Giorgio', ma 'Gregorio', e quest'ultimo è Gregorio Lolli, un giovane cugino di Silvio Enea. Lolli, originario di Siena, divenne intimo amico di Silvio Enea Piccolomini quando questi compì diciotto anni e decise di trasferirsi nella città toscana per frequentare la locale Università. I due amici condividevano la stessa passione per lo studio degli autori latini e per la storia classica. Lolli si laureò in legge nel 1441, e viveva ancora in Siena quando Piccolomini gli indirizzò quella lettera a proposito del 'Venusberg' nel 1444. Essi intrattenevano un frequente scambio epistolare, e proprio a causa dell'amicizia e del mutuo rispetto che li legava essi si apostrofavano, l'uno con l'altro, con l'epiteto di 'fratello'.

E dunque, cosa ci racconta, oggi, questa lettera? Da questo testo, veniamo a conoscenza del fatto che, nel 1444, Silvio Enea Piccolomini decise di affidare l'assistente di un importante personaggio, un membro eminente della corte del Duca di Sassonia, ad un proprio stretto conoscente di Siena, affinché fosse organizzato un incontro con un anziano giureconsulto, Savino, il quale disponeva di specifiche informazioni a proposito della fama oscura che avvolgeva una montagna e un lago che giacevano vicino alla città di Norcia. Il Monte Sibilla e il Lago di Pilato.

Ci rimane ora il difficile compito di svelare l'identità dello sconosciuto astronomo sassone, il medico personale del Duca di Sassonia. Chi era costui?

Non siamo stati purtroppo in grado di rintracciare il suo nome, benché gli indizi disponibili non siano certo insufficienti.

Sappiamo che nel 1444 la Sassonia, un territorio della Germania settentrionale ('Sachsen' in tedesco), era suddivisa in due aree: il Saxe-Wittenberg, governato da Federico II il Mansueto ('Friedrich, der Sanftmütige'); e il Saxe-Lauenburg, retto da Bernardo II. Ma non erano solo questi personaggi a potersi chiamare Duchi di Sassonia, in quanto altri parenti potevano fregiarsi del medesimo titolo (ad esempio, Wilhelm III, un fratello minore di Federico).

Chi di loro disponeva di un medico personale e di un astronomo? Praticamente tutti, come tutti gli aristocratici di elevata estrazione al governo in quegli anni. Conosciamo molti nomi di studiosi, astronomi e medici vissuti in quel periodo storico in Germania e in Austria: da Johann Schindel a Johannes Müller 'il Regiomontano', da Bernhard Walther a Georg von Peuerbach, e molti altri. Eppure, nessuno di questi sembra essere stato operativo esattamente in quegli anni, o essere stato di origine sassone, o avere operato in qualità di medico personale di un duca sassone.

E il nome maggiormente promettente, quella di Nicola Cusano (Nicolaus Cusanus), il grande filosofo, diplomatico, astronomo e medico tedesco, che fu una stretta conoscenza di Silvio Enea Piccolomini e che certamente si sarebbe rivolto al suo grande amico per ottenere informazioni su di un Venusberg italiano, sfortunatamente non sembra avere avuto nulla a che fare con la Sassonia o con i duchi sassoni.

E così, siamo costretti a lasciare agli studiosi professionisti, esperti nella storia dell'antica Sassonia germanica, l'arduo compito di ricercare, tra gli antichi documenti, l'identità dell'astronomo sassone al quale si riferiva il Piccolomini.

In ogni caso, un fatto risulta essere assolutamente indubitabile: nel 1444 il Monte Sibilla e il suo lago erano già un luogo famigerato, dove si diceva venisse praticata la negromanzia. Senza specifici riferimenti ad alcuna Sibilla.

Si tratta di un indizio di grande importanza per una più approfondita conoscenza della vera natura della magica montagna e del lago che, nel quindicesimo secolo, erano considerati quali luoghi estremamente speciali. Luoghi che valeva la pena di visitare, nel caso qualcuno fosse stato interessato all'evocazione di dèmoni.

Luoghi che erano forse già noti, per questo uso così peculiare, sin da tempi molto più antichi.







































2 Mar 2018
The Apennine Sibyl / Pope Pius II Piccolomini's original letter on the Sibyl's cave published for the first time ever (with new findings) /2
When, in the first half of the fifteenth century, Silvio Enea Piccolomini, a prominent member of an illustrious Italian family from Tuscany, a cardinal of the Roman Church and a learned scholar, received a visit of a person who asked him for information on black magic, he became cautious to the greatest degree. In his position, this might have turned into an explosive matter, should the letter he was putting down fall into the wrong hands.

So, when we read his words today, we can sense all his circumspection in writing his letter to 'his brother' Gregory. He knows how to help his visitor, he knows about the gloomy fame of Mount Sibyl and the Lakes of Pilatus, the places where sorcery is practiced through the summoning of evil entities; yet he says he has a mere 'reminiscence' of it, he just 'once heard' about all that. And, for good measure, he adds the following words (see figure):

«I have never witnessed facts of that sort, nor have I ever cared to; since what is apprehended only through sin, it is much safer not to know at all».

[In the original Latin text: «haec non vidi, nec vidisse curavi. Nam quod peccato discitur melius est ignorasse»].

All that said, it is clear that cardinal Piccolomini does not want to simply dismiss his important visitor, the servant of an illustrious personage, sent to him by «a prominent Saxon astronomer» who is «craving for magic». He is so eager to please the scholar's assistant that he entrusts him to his correspondent, jurist Gregory, by sending the distinguished astronomer's servant from Carinthia, Austria to Siena in Italy (we will see later in this article for what reason Silvio Enea is in Austria, and the true personal details of Gregory), together with his own letter and a few stringent recommendations:

«In fact in this matter your kindness would be highly appreciated by myself too, because the man who sent this herald to me is the physician of the Duke of Saxony, a person as illustrious as powerful».

[In the original Latin text: «Nam et ipse mihi et tu in hoc rem gratissimam facietis, is enim qui nuntium hunc mittit medicus est ducis Saxoniae, homo tum dives tum potens»].

But why should the astronomer's and physician's assistant travel to Siena? Piccolomini intends to arrange a rendezvous between the astronomer's herald and another man from Siena, possibly an elderly scholar, who may possibly provide further information on the magical cavern and lake:

«Despite my scarce knowledge of the topic, Savinus, the man proficient in civil law who owns a house amid the public lodging houses in the district of the Porta Camollia [editor's note: a gate in the walls of Siena], he assured me that all such things are true, he once mentioned to me the name of the lake and also provided a description of the place; however, the whole matter has now long vanished from my memory, which is slicker than eels: so I kindly ask you, if Savinus is still alive, to take this man to his presence and entrust him to Savinus».

[In the original Latin text: «Sed Savinus iuris civilis peritus qui apud Camillinam inter publica diversoria domum habuit, haec mihi vera esse asseveravit, lacum nominavit et locum descripsit, sed ista ex memoria fugerunt, quae labilior est anguillis: ideo te rogo, si Savinus vivit, hunc virum ut ad se ducas sibique eum commendes»].

The future Pope, in his letter, openly professes his ignorance on the Italian mountain where black magic is practiced and claims he has no interest neither in knowing nor in remembering.

But let's think it over: would you ever tell an important person to travel from Austria to Italy and meet an elderly man just for the sake of a mere fairy tale? Would you really send a guy, who works for a distinguished scholar, a physician of a Duke, into a futile, unproductive journey? Would you play such a trick to the trustworthy servant of «a person as illustrious as powerful»?

Of course, no chance. Silvio Enea Piccolomini, at that time an Imperial secretary and a clever diplomat, knew perfectly well what he claimed he could but hardly remember, the information that seemed to be «slicker than eels» in his memory. He was more than certain that the tale about the cavern and lake was true. He believed in the story of Mount Sibyl.

On a mountain in the vicinity of Norcia, there were a cave and a lake where evil magic was employed. And that was no mere rumour. It was well worth a journey.

Piccolomini does not mention the noun “Sibyl”. Yet, it is clear that the place is the same described by Antoine de la Sale and Andrea da Barberino in their fifteenth-century works. And Silvio Enea stresses the point that, in that place, the main role is played by black magic. A primary, most important consideration, that we will expand in future articles.

But our research on Pius II's letter is not over yet. We still have to introduce a few additional remarks. Because many earlier scholars, who quoted from this letter with relation to the Apennine Sibyl, made a number of mistakes: first, Silvio's actual whereabouts when he wrote the letter; secondly, the letter's date; and, finally, the identity of Gregory, the 'brother' to whom the letter is addressed.

So we will provide all the correct information on Piccolomini's letter. In the next article.
Sibilla Appenninica / La lettera originale di Papa Pio II Piccolomini sulla grotta della Sibilla pubblicata oggi per la prima volta (con nuove informazioni) /2
Quando, nella prima metà del quindicesimo secolo, Silvio Enea Piccolomini, illustre esponente di una eminente famiglia italiana originaria della Toscana, cardinale di Santa Romana Chiesa, studioso ed erudito, fu oggetto della visita di una persona interessata alla magia e alle arti oscure, egli assunse un atteggiamento estremamente cauto. Nella sua posizione, la questione sarebbe potuta diventare esplosiva, nel caso la sua lettera fosse caduta nelle mani sbagliate.

Così, leggendo oggi le sue parole, possiamo percepire tutta la circospezione da lui utilizzata nel redigere la lettera indirizzata a 'suo fratello' Gregorio. Egli sa come potere aiutare il suo visitatore, conosce la tenebrosa fama del Monte Sibilla e del Lago di Pilato, luoghi presso i quali viene praticata la stregoneria, tramite l'evocazione di entità maligne; eppure, egli scrive di averne solo un labile ricordo, di averne solamente udito parlare. E, per buona misura, il futuro Papa non dimentica di aggiungere le seguenti parole (vedere figura):

«Queste cose io non le vidi mai, né mai mi curai di vederle. Perché ciò che si apprende a mezzo di peccato, è molto meglio ignorare del tutto».

[Nel testo originale latino: «haec non vidi, nec vidisse curavi. Nam quod peccato discitur melius est ignorasse»].

Detto ciò, è chiaro però come il cardinal Piccolomini non intenda semplicemente licenziare il suo importante visitatore, il servitore di un illustre personaggio, inviato presso di lui «da un eminente astronomo Sassone» che è «assetato» di arti magiche. Egli è così desideroso di compiacere l'assistente dello studioso da affidarlo nelle mani del proprio corrispondente, il giurista Gregorio, inviando il servitore dell'illustre astronomo dalla Carinzia, in Austria, fino a Siena in Italia (vedremo successivamente, in questo articolo, per quale ragione Silvio Enea si trovi in Carinzia e quale sia l'esatta identità di Gregorio), insieme con la lettera da lui stesso vergata e alcune pressanti raccomandazioni:

«Ora, in questa faccenda faresti anche a me cosa gratissima, perché la persona che mi ha inviato questo messaggero è il Duca di Sassonia, uomo tanto eminente quanto potente».

[Nel testo originale latino: «Nam et ipse mihi et tu in hoc rem gratissimam facietis, is enim qui nuntium hunc mittit medicus est ducis Saxoniae, homo tum dives tum potens»].

Ma perché l'assistente del medico e astronomo avrebbe dovuto intraprendere un viaggio fino a Siena? Piccolomini ha intenzione di organizzare un abboccamento tra l'inviato dell'astronomo e un altro personaggio senese, probabilmente un anziano erudito, il quale potrebbe essere in grado di fornire ulteriori informazioni sulla magica caverna e sul lago:

«Malgrado la mia scarsa conoscenza della materia, Savino, il grande conoscitore del diritto civile che possiede un'abitazione tra le pubbliche locande situate in prossimità di Porta Camollia [una delle porte della città di Siena n.d.r.], mi assicurò che tutte queste cose sono vere, mi fece menzione del lago e mi descrisse il luogo; tutto questo, però, mi è sfuggito dalla memoria, la quale è più scivolosa di un'anguilla; così ti prego, se Savino fosse ancora vivente, di condurre quest'uomo a lui, e di raccomandarglielo».

[Nel testo originale latino: «Sed Savinus iuris civilis peritus qui apud Camillinam inter publica diversoria domum habuit, haec mihi vera esse asseveravit, lacum nominavit et locum descripsit, sed ista ex memoria fugerunt, quae labilior est anguillis: ideo te rogo, si Savinus vivit, hunc virum ut ad se ducas sibique eum commendes»].

Il futuro Papa, nella sua lettera, professa apertamente la propria ignoranza in merito a quella montagna italiana presso la quale sarebbe praticata la magia nera e protesta di non avere interesse alcuno né a conoscere oltre, né a ricordare di più.

Ma pensiamoci bene: chi consiglierebbe mai, ad un uomo importante, di viaggiare dall'Austria all'Italia al mero scopo di incontrare un anziano signore, solo per la narrazione di una favoletta? Chi invierebbe mai una persona, che opera per conto di un illustre studioso, il medico personale di un Duca, verso un viaggio futile e improduttivo? Giochereste realmente un tale scherzo al servitore di un «uomo tanto eminente quanto potente»?

Ovviamente, tutto questo è impossibile. Silvio Enea Piccolomini, a quel tempo segretario imperiale ed esperto diplomatico, ben conosceva ciò di cui egli dichiarava di non ricordarsi affatto, ben rammentava quelle informazioni che sembravano essere, nella sua memoria, «più scivolose di un'anguilla». Egli era più che sicuro che tutto ciò fosse assolutamente vero. Egli credeva nella storia del Monte Sibilla.

Sulla cima di una montagna, vicino alla città di Norcia, esistevano una caverna e un lago dove veniva utilizzata la magia nera. E non si trattava di una semplice voce. Si trattava di qualcosa per la quale valeva la pena mettersi in viaggio.

Piccolomini non menziona mai la parola "Sibilla". È chiaro, comunque, come questo sia il medesimo luogo descritto anche da Antoine de la Sale e Andrea da Barberino nelle loro opere risalenti al quindicesimo secolo. E Silvio Enea pone l'accento sul fatto che, in quel luogo, il ruolo principale sia giocato dalla magia nera. Una considerazione fondamentale, di primaria importanza, che torneremo ad approfondire in futuri articoli.

Ma la nostra ricerca sulla lettera di Pio II non è ancora finita. Dobbiamo menzionare alcune ulteriori informazioni. Perché molti studiosi, che in precedenza hanno citato questa lettera in relazione alla Sibilla Appenninica, hanno compiuto in realtà un certo numero di errori: in primis, il luogo dal quale Silvio vergò la propria missiva; in secondo luogo, la data di redazione della lettera; e, infine, l'identità di Gregorio, il 'fratello' al quale la missiva è indirizzata.

Così, avremo modo di fornire tutte le corrette informazioni sulla lettera di Piccolomini. Nel prossimo articolo.
































27 Feb 2018
The Apennine Sibyl / Pope Pius II Piccolomini's original letter on the Sibyl's cave published for the first time ever (with new findings) /1
It is with the greatest pleasure that “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” is proud to present to the research community and the general public the most famous letter written by a great Pope, Pius II Piccolomini, on the subject of Mount Sibyl in the first decades of the fifteenth century.

It is the first time ever that the letter is shown in his original manuscripted version, preserved at the Bibliothèque Nationale de France (Département des Manuscrits, Latin 8578). The fine script is by the hand of the Pope himself, Enea Silvio Piccolomini, a learned scholar, poet and writer, who decided to copy into a single manuscripted volume all the letters written during the period which preceded his election to Papacy. The volume also contains an elegant miniature showing the Pope as he sits at a scribe's desk of his time (see figure).

But the most interesting aspect is that Letter n. LXXIII in the manuscript contains the original version of the renowned text written by the then thirty-nine-year-old Piccolomini on the Apennine Sibyl. The letter was previoulsy known only from the printed version published in 1551 in Basel.

And we will see that a couple of new remarkable findings will unexpectedly pop up from the perusal of this original version, never published before.

The Apennine Sibyl. Her mountain and cave, in Italy. A mystery that, during the fifteenth century, was being brought to the attention of a wider audience by the literary works of Andrea da Barberino and Antoine de la Sale. An enigma that, according to Felix Hemmerlin, a cleric and essayist who lived in the same period, seemed to have a strong connection with the German legendary tale of Tannhäuser and the Venusberg, the mountain which housed the magical realm of Goddess Venus.

In the first half of the fifteenth century, when his Papacy wall still to come, Silvio Enea Piccolomini received a visit from a person who asked him very peculiar questions. And he decided to write to his beloved brother Gregory to ask for further information. The following is the text of the letter sent by Silvio Enea to his brother on the day of January, 15 1444.

The title of the letter leaves no space for doubts: it's «De Monte Veneris», a direct reference to the legend of Tannhäuser. And to the Italian Sibyl:

«Imperial Secretary Enea Silvio sends many greetings to jurist Gregory, his brother. The bearer of this letter came to me in this very hour asking me a question: whether I know any Mount of Venus be in our land of Italy. In fact he said that knowledge is imparted there of magical arts, of which his master is eager to know, a prominent Saxon astronomer».

[In the original Latin text: «Aeneas Silvius Imperialis Secretarius S.P.D. (salutem plurimam dicit) Gregorio iuriconsulto fratri suo. venit ad me hac hora lator presentium ex me quesitum: an veneris montem apud italiam scirem. Nam ibi magicas artes tradi dicebat, cuius avidus esset herus suus qui Saxo est summus astronomus»].

So somebody, an assistant to an eminent German scholar of the time, was looking for information about a magical mountain that seemed to raise its peak in Italy and was known as the 'Venusberg', which was the very name of the mount that appears in the legend of Tannhäuser.

And here is the remarkable reply provided by Piccolomini. In the beginning, he is doubftul and perplexed:

«I replied to him that I knew a Harbour of Venus, also called of Venerius, which is near Luni amidst the mountains of Liguria, where I spent three nights when I was on my journey to Basel. Furthermore, I know a mount in Sicily named Erice, which is consecrated to Venus; however I have never heard that in those places magical arts are taught».

[In the original Latin text: «Dixi me scire portum Veneris. Alii venerii dicunt qui est prope lunam inter Ligusticos montes, quo in loco tres noctes egi dum Basileam peterem. Inveni etiam apud siculos montem fore, qui Herix appellatur, Veneri sacer. Sed in his locis nihil accepi magicum tradi»].

But then the learned Italian scholar is striken by a reminiscence:

«In discussing the subject, it came to my mind that there is a lake, in Umbria - which is known as the province of the Duchy - not far from the town of Norcia, where a craggy mountain opens into a huge cavern, through which the running waters flow. I remember I once heard that witches are found there and fiends and nocturnal wraiths; there those who house a bold heart can hear the voices of fiendish spirits, and talk to them and learn from them the magical arts».

[In the original Latin text: « Inter conferendum autem venit in mentem lacum esse in umbria, quae provincia ducatus dicitur, non longe ab Urbe Nursia ubi preruptus mons ingentem speluncam facit per quam aquae fluunt. Illic memini audisse me striges esse et demones ac nocturnas umbras, ubi qui audaces animo sunt, spiritus nequam audiunt, alloquunturque et artes ediscunt magicas»].

This letter provides an independent confirmation of the fact that in the fifteenth century the Lake of Pilatus and the Sibyl's Cave were known within a distiguished milieu of highly-educated scholars and men of letters. And the renown was not founded only on the presence of an oracular Sibyl: that was a place where black magic was being practiced, and the rumours about this peculiar feature were already running, at that time, throughout Europe.

This text is no new finding: Pio II's letter has been published more than once, and in modern times it was presented by Giuseppe Santarelli in his book “Legends of the Sibillini Mountain Range” (1974 - 1979).

However, Santarelli could not rely on the text contained in the manuscripted version: he could only quote from the version printed in 1551 in Basel. And this printed version contains a few errors.

So, by continuing our perusal of the original manuscript of Pope Pius II's letter, we will find a few fresh new findings, that only “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” is able to present to a wider audience with the next article.

Stay tuned!
Sibilla Appenninica / La lettera originale di Papa Pio II Piccolomini sulla grotta della Sibilla pubblicata oggi per la prima volta (con nuove informazioni) /1
È con grande piacere che il sito "Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda" è orgoglioso di presentare alla comunità dei ricercatori e al grande pubblico la famosa lettera scritta nella prima metà del secolo quindicesimo da un granda Papa, Pio II Piccolomini, nella quale si parla del Monte Sibilla.

È infatti la prima volta che questa lettera viene mostrata nella sua versione originale manoscritta, conservata presso la Bibliothèque Nationale de France (Département des Manuscrits, Latin 8578). L'elegante calligrafia è di mano dello stesso Papa, Enea Silvio Piccolomini, erudito, poeta e scrittore, il quale aveva deciso all'epoca di copiare in un unico volume manoscritto tutto il proprio epistolario relativo al periodo precedente l'elezione al soglio pontificio. Il volume contiene anche un'elegante miniatura che mostra Papa Piccolomini seduto al banco da copista tipico del suo tempo (vedere figura).

Ma l'aspetto più interessante di tutto ciò è che la Lettera n. LXXIII presente nel manoscritto contiene la versione originale del celebre testo redatto dall'allora trentanovenne Piccolomini a proposito della Sibilla Appenninica. Fino ad oggi, questa lettera era nota solamente grazie alla versione a stampa pubblicata a Basilea nel 1551.

E vedremo che, dalla lettura di questa versione originale, mai pubblicata in precedenza, sarà possibile rilevare almeno un paio di nuove significative informazioni.

La Sibilla Appenninica. La sua montagna e la caverna sulla cima, in Italia. Un mistero che, proprio durante il secolo quindicesimo, veniva portato all'attenzione di un pubblico più vasto tramite le opere letterarie di Andrea da Barberino e Antoine de la Sale. Un enigma che, secondo Felix Hemmerlin, canonico e polemista zurighese, pareva presentare una stretta connessione con il leggendario racconto tedesco relativo a Tannhäuser e al Venusberg, la montagna che nascondeva al proprio interno il magico regno della Dea Venere.

Nella prima metà del quindicesimo secolo, quando il suo papato non ha ancora avuto inizio, Silvio Enea Piccolomini riceve la visita di una persona che pone al futuro pontefice domande molto particolari. E così egli decide di scrivere al proprio amato fratello Gregorio, allo scopo di reperire ulteriori informazioni. Quello che segue è il testo della lettera inviata da Silvio Enea a suo fratello il giorno 15 gennaio 1444.

Il titolo della lettera non lascia spazio a dubbi: è «De Monte Veneris», un riferimento diretto alla leggenda di Tannhäuser. E alla Sibilla italiana:

«Enea Silvio Segretario Imperiale invia i propri cari saluti a Gregorio giureconsulto, suo fratello. È venuto da me proprio ora il latore della presente il quale mi ha posto questa domanda: se io fossi a conoscenza dell'esistenza di un Monte di Venere in Italia. Infatti, afferma il mio visitatore che qui si possano apprendere le arti magiche, delle quali è assetato il suo signore, un eminente astronomo Sassone».

[Nel testo originale latino: «Aeneas Silvius Imperialis Secretarius S.P.D. (salutem plurimam dicit) Gregorio iuriconsulto fratri suo. venit ad me hac hora lator presentium ex me quesitum: an veneris montem apud italiam scirem. Nam ibi magicas artes tradi dicebat, cuius avidus esset herus suus qui Saxo est summus astronomus»].

Dunque qualcuno, assistente presso un illustre studioso tedesco di quel tempo, era in cerca di informazioni a proposito della magica montagna che pareva levarsi in Italia ed era conosciuta come 'Venusberg', il nome del monte che appare nella leggenda di Tannhäuser.

Ed ecco la notevole risposta fornita da Piccolomini. All'inizio, egli appare dubbioso e perplesso:

«Gli ho risposto che ero a conoscenza di un Porto di Venere, che qualcuno chiama Venerio, il quale si trova vicino a Luni, tra i monti della Liguria, dove io trascorsi tre notti mentre mi trovavo in viaggio per Basilea. So anche che esiste un monte, in Sicilia, che si chiama Erice, sacro a Venere. Ma non ho mai avuto contezza che in questi luoghi si insegni alcunché di magico».

[Nel testo originale latino: «Dixi me scire portum Veneris. Alii venerii dicunt qui est prope lunam inter Ligusticos montes, quo in loco tres noctes egi dum Basileam peterem. Inveni etiam apud siculos montem fore, qui Herix appellatur, Veneri sacer. Sed in his locis nihil accepi magicum tradi»].

Poi, però, il grande erudito italiano pare ricordare qualcosa:

«Mentre parlavamo, mi venne in mente che esiste un lago, in Umbria, detta anche provincia del Ducato, non lontano dalla città di Norcia, dove un'impervia montagna ospita una immane caverna, attraverso la quale scorrono le acque. Mi ricordo di aver sentito dire che lì si trovano streghe e demoni e ombre notturne, un luogo nel quale coloro che posseggono un animo audace possono ascoltare le voci degli spiriti malvagi, parlare con loro ed apprendere le arti magiche».

[Nel testo originale latino: « Inter conferendum autem venit in mentem lacum esse in umbria, quae provincia ducatus dicitur, non longe ab Urbe Nursia ubi preruptus mons ingentem speluncam facit per quam aquae fluunt. Illic memini audisse me striges esse et demones ac nocturnas umbras, ubi qui audaces animo sunt, spiritus nequam audiunt, alloquunturque et artes ediscunt magicas»].

Questa lettera fornisce una conferma indipendente del fatto che, nel quindicesimo secolo, il Lago di Pilato e la Grotta della Sibilla erano conosciute nel contesto di un raffinato ambiente composto da uomini di lettere e studiosi di grande erudizione. E questa fama non era fondata solamente sulla presenza di una Sibilla oracolare: si trattava di un luogo dove ad essere praticata era la magia nera, e la nomea di questa particolare caratteristica si stava diffondendo, a quel tempo, in tutta Europa.

Il testo qui presentato non costituisce affatto una novità: la lettera di Pio II è stata pubblicata più volte in passato, e in tempi più recenti era stata presentata da Giuseppe Santarelli nel volume "Le Leggende dei Monti Sibillini" (1974 - 1979).

Eppure, Santarelli non poté accedere alla lettera contenuta nel nostro manoscritto: egli fu in grado di riportare solamente il testo contenuto nella versione stampata nel 1551 a Basilea. E questa versione a stampa contiene alcuni errori.

E così, nel continuare la nostra analisi della versione originale manoscritta della lettera di Papa Pio II, potremo reperire alcuni nuovi elementi mai notati prima, che solo "Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda" sarà in grado di proporre all'attenzione del pubblico con il prossimo articolo.

Restate in ascolto!












































1 Nov 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /8 “Morons of the 21st century”
We are about to conclude our series of posts on the Apennine Sibyl's bright side and dark side with an unexpected plunge into our present time, the 21st century. And you will be surprised of what can still occur in the days of science, technology and rational knowledge.

In the latest weeks, we have described the ancient tradition of a dark side marking the legend of the Apennine Sibyl, with its colourful parade of implausible demons and would-be necromancers: picturesque shadows belonging to an antique past, a suitable subject for study by modern historians interested in both folk lore and literary heritage.

Nonetheless, what would you think if you were told that someone, in our present days, still believe in such tall tales?

Incredibly enough, this is no joke: there are morons that obtusely think that the Sibillini Mountain Range is an evil place. They also believe that fiendish messages are sculpted on its largest masses of rock.

When I found it on the web, I could not believe my eyes.

These clever guys belong to a traditional catholic group, based in Brescia (northern Italy): a bunch of narrow-minded fundamentalists who are convinced that the Catholic Church is currently under attack by a coalition made up by the Enemy himself and double-dealer Popes, including Paul VI, Benedict XIV and Francis, who would be member of a covert worldwide Freemason cult determined to destroy the message of Jesus Christ on earth: as you can see, there is enough material to fill up the rooms of a dozen of asylums for mentally deranged people.

Well, the lunatics appear to hold a sort of fixation for the Sibillini Mountain Range: in their official house organ (we are not going to mention nor its title neither their website, as they do not deserve to benefit of any publicity), within issues published at the beginning of 2017, they unveil «a terrible secret that has found on the Sibillini Mountains the favourable references to be imprinted on these beautiful mountains», because - they are pretty sure of that - «the last battle Our Lady is calling on us to fight, has as a battle-ground the chain of the Sibillini Mountains and the surrounding areas».

First, they retrace the whole set of traditional mysteries connected to the Sibillini area, Guerrin Meschino, the Sibyl, the Lakes of Pilatus, the sorcerers and so on: «since ancient times», they write, «the Sibillini Mountains, have been considered magical, mysterious, occultic, and considered a destination for secret pilgrimages and blasphemous meetings between sorcerers and demons». And now it comes the moronic part: a special message from the Fiend would be inscribed in the very rock of the mountains, «the deepest and closely guarded secret of the Secret Heads of Freemasonry world-wide».

To prove their looney point, they publish a processed picture of Mount Vettore featuring superimposed satanic triangles which link the “Cima del Redentore” and the Vettore's mountain-top. They also outline a face and a body with open arms which would be 'sculpted' right on the mountain-side (see image). Additional considerations follow based on further evil triangles drawn on a map of the Sibillini Range, just as silly as the former ones.

Now a question naturally pops up in our minds: are they really stupid, or do they just pretend to be?

Because not only the whole subject is so preposterous as to be utterly ludicrous, but - in addition to that - they are so awkward as to found their crazy assumptions on the wrong picture!

In their strenuous intellectual exertion to corroborate their idiotic fancy - an unworkable task for their inadequate brain - they actually incur a clumsy blunder: their picture DOES NOT portray the «eastern side» of Mount Vettore, as they naïvely think; instead, they unknowingly use an image of the Mount Bove North, as it can be seen when looking south-east from the area of Ussita (see image from GoogleEarth).

Of course, on the mountain-side (enlarged and zoomed in with Google Image) there is no sculpted face at all to be seen. It was just an artifact produced by their defective brain.

So their whole cogitation is mere rubbish.

We think that this is the best way to end our ride into the dark side of the Apennine Sibyl's legend: with a comparison between the historian's fascination for the ancient tales, and the asinine foolishness of Catholic fundamentalist groups (which are actually out of the Church itself).

At the very end, there is one thing we can rely upon: the Sibillini Mountain Range is an astounding, awe-striking creation of God, a breathtaking masterwork of Nature created by Him. And a reminder for all human beings that we are but small, fallible creatures. (And sometimes, as in the above case, even stupid).
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /8 “Mentecatti del ventunesimo secolo”
Stiamo per concludere questa serie di post a proposito del lato luminoso e del lato oscuro della Sibilla Appenninica con un inaspettato tuffo nel nostro tempo presente, il 21° secolo. E sarà sorprendente vedere cosa può ancora oggi accadere in un'epoca di scienza, tecnologia e saperi razionali.

Nelle ultime settimane, abbiamo ripercorso l'antica tradizione relativa ad un lato oscuro connotante la leggenda della Sibilla Appenninica, con tutto il relativo corteggio di improbabili dèmoni e autoproclamati negromanti: ombre pittoresche appartenenti ad un remoto passato, oggi argomento di studio per il moderno storiografo interessato ad approfondire le tradizioni popolari e una lunga catena di opere letterarie.

Eppure, cosa pensereste se vi dicessero che qualcuno, nel nostro tempo attuale, crede ancora in questi assurdi racconti?

Pare incredibile, ma non si tratta affatto di uno scherzo: vi sono alcuni citrulli che ancora ritengono stupidamente che il massiccio dei Monti Sibillini sia un luogo maligno. Non solo: essi credono anche che sulle grandi masse rocciose siano inscritti messaggi diabolici.

Quando mi è capitato di reperire queste affermazioni sul web, quasi non ho potuto credere ai miei occhi.

Questi grandi intelligentoni fanno parte di un gruppo cattolico tradizionalista, con sede a Brescia: una comitiva di bigotti fondamentalisti i quali sono convinti che la Chiesa Cattolica sia attualmente oggetto di un attacco concertato da parte di una coalizione formata nientedimeno che dal Nemico in persona e da Papi doppiogiochisti, tra i quali Paolo VI, Benedetto XVI e lo stesso Francesco, i quali sarebbero tutti membri di una loggia massonica mondiale segreta determinata a cancellare il messaggio di Cristo dalla faccia della terra: come si può notare, c'è abbastanza materiale da riempire le camere di una dozzina di manicomi per gente altamente disturbata.

Bene, questi lunatici sembrano avere una sorta di fissazione per i Monti Sibillini: nella loro rivista ufficiale (non menzioneremo né il titolo né il relativo sito web, in quanto questa gente non merita il beneficio di alcuna pubblicità), tra i numeri pubblicati all'inizio del 2017, essi rivelano «un segreto terribile che ha trovato, sulla catena dei Monti Sibillini, i riferimenti favorevoli per essere impresso su queste stupende montagne», perché - loro ne sono fermamente convinti - «l’ultima battaglia alla quale ci chiama la Madonna trova come terreno di scontro la catena dei Monti Sibillini e le aree circostanti».

Per iniziare essi citano l'intera collezione di tradizionali misteri connessi al territorio dei Sibillini, Guerrin Meschino, la Sibilla, i Laghi di Pilato, i maghi, e così via: «la catena dei Monti Sibillini», scrivono, «sin da tempi antichissimi, è luogo magico, misterioso, considerato meta di pellegrinaggi occulti e di incontri blasfemi tra stregoni e demoni». E poi comincia la parte a maggiore concentrazione di idiozia: uno speciale messaggio del Maligno sarebbe scolpito nella viva roccia della montagna, «il segreto più profondo e gelosamente custodito dai Capi Incogniti della Massoneria mondiale».

Al fine di provare la loro balorda ipotesi, essi pubblicano un'immagine elaborata del Monte Vettore, al quale sono stati graficamente sovrapposti dei triangoli satanici che collegano la "Cima del Redentore" con la cima del Vettore. Inoltre, essi pongono in evidenza una faccia e un corpo con le braccia aperte che sarebbe 'scolpito' direttamente sul fianco della montagna (vedere immagine). Seguono poi ulteriori considerazioni, basate su nuovi triangoli tracciati su di una mappa del massiccio dei Monti Sibillini, strampalati come i precedenti.

A questo punto, sorge spontanea una domanda: ma ci sono, oppure ci fanno?

Perché non solo l'intera ipotesi è così balzana da risultare totalmente ridicola, ma - in aggiunta a ciò - i bravi ragazzi sono così goffi da fondare le loro pazzesche elucubrazioni sulla fotografia sbagliata!

Nell'inane sforzo intellettuale da essi compiuto per tentare di confermare la loro bislacca fantasia - un compito impossibile per i loro cervelli assolutamente non all'altezza - essi incorrono in un errore alquanto imbarazzante: la fotografia da loro utilizzata NON ritrae affatto il «versante orientale» del Monte Vettore, come essi ingenuamente ritengono; invece, essi stanno usando, senza saperlo, un'immagine del Monte Bove Nord, così come esso appare guardando verso sud-est dalla zona di Ussita (vedere immagine GoogleEarth).

Naturalmente, sul versante della montagna (allargato ed ingrandito usando GoogleEarth) non c'è nessuna faccia "scolpita" da osservare: si trattava solamente di un effetto ottico, generato dal loro cervellino limitato e del tutto inadeguato alla bisogna.

E così, l'intera congettura da loro elaborata risulta essere spazzatura del tipo più puro.

Pensiamo che sia proprio questo il modo migliore per concludere la nostra cavalcata attraverso il lato oscuro della leggenda della Sibilla Appenninica: con un confronto tra l'affascinato interesse dello storico per gli antichi racconti, e la sconclusionata imbecillità di un gruppo di cattolici fondamentalisti (che, comunque, sono fuori dalla Chiesa).

Alla fine di tutto, c'è una cosa della quale possiamo dirci assolutamente sicuri: il massiccio dei Monti Sibillini è una meravigliosa, stupefacente creazione di Dio, un capolavoro della Natura da Lui realizzato che ci lascia senza fiato. E un modo per ricordare a tutti gli esseri umani che siamo solo piccole, fallibili creature. (E talvolta, come nel caso qui illustrato, anche particolarmente stupide).












































31 Oct 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /7 “The beast from deep underneath”
During our long ride through the Apennine Sibyl's dark side, we have come into half-forgotten works written by Johannes Trithemius (1540), Pierre Crespet (1590) and Martino Delrio (1599): according to them, the Sibyl was a sort of subterranean demon, an evil and treacherous spirit looking for souls to snatch and luring men into unknown underground recesses by the use of beguiling illusions.

What more can we say about this highly-literary “demon”?

First, we may recall another passage from Crespetus, where he says that «it seems that the said Sibyls enjoy themselves tending sheep and lambs, and talking to herds, this being the reason for shepherds to be more acquainted with them than others»: a confirmation of the rustic character of the sibilline tradition, possibly rooted into pre-Roman times and ancient pre-Christian lore.

In the second place, Crespetus provides a further confirmation of a most remarkable fact described by a number of other authors: the cave's entrance was watched over to prevent necromancers from creeping in. Here is what Pierre Crespet reports in his book: «he [Domenico Mirabelli] added that the Pope has the cavern, where the said Sibyl lives, scrupulously guarded so at to hamper any attempt to get in contact with her; thus only sorcerers who are able to make themselves invisible can reach her». This is an official corroboration, reported by a member of the Church, that the Church itself feared the long, seemingly uninterrupted row of necromancers trying to attain the cave on the mountain-top. And we saw - from the excerpts we have read - that there were substantial reasons for concern.

However, the third and most important consideration is that «when a necromancer or other person talks to the Sibyl», says Crespetus, «storms and lightnings are stirred frightfully across the whole land». Because this sort of “subterranean demon”, as Trithemius says, «can cause wind and flames to erupt from holes in the ground. And they can shake the foundations of buildings».

They can shake the buildings from below.

Now it is clear the direct connection, or more fittingly the exact superposition, of the two legendary tales, the Sibyl's and the tradition of the Lake of Pilatus, the latter raising devastating storms when spellbooks are consecrated by its shore, as reported by Antoine de La Sale and Arnold of Harff: the cave or the lake, there is no difference between them, as in both cases the waters, the skies and the ground seem to take part in a same violent disturbance.

And such violent disturbance, such furious convulsion, which «shakes the foundations of the buildings» in a loathsome writhing of the gigantic body of the earth, a punishment for men when unholy attempts are made to address fiendish entities and attain forbidden powers - this convulsion has a name.

Its name is earthquake.

In this view, this is a further confirmation that the Apennine Sibyl's lore is nothing else than the terror dwelling in men's souls for the abominable, sudden destruction coming sometimes from deep underneath: from the mysterious, unfathomable darkness that lies beneath the Apennines.

[in Crespetus' original text: «Il dist aussi que lesdictes Sibylles prennent plaisir à garder les brebis & agneaux, & à converser aux troupeaux, qui est la raison pourquoi les bergers en ont plustot cognoissance que les autres, si est-ce que le berger qui accusa ledictes magiciens apprehendé avec eux fut estouffé par le diable en prison & trainé avec eux au supplice sur une claye tout mort pour servir de spectacle ou on devroit mettre tous ceux qui gastent & perdent les hommes, les bestes, & les champs par leurs charmes & magie.»

«Dit davantage que le Pape fait soigneusement garder la ditte carriere où est la ditte Sibylle, pour empescher la communication avec elle, & n'y a que ceux qui sont magiciens, & y peuvent invisiblement entrer qui la puissent aborder, à cause que quand on communique avec elle, soyt magicien ou autre, les tempestes & foudres s'esmouvent horriblement par tout le païs, & afin qu'on ne pense ceci estre fabuleux.»]
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /7 “La belva dalle profondità della terra”
Nel corso del nostro lungo viaggio attraverso il lato oscuro della Sibilla Appenninica, ci siamo imbattuti nelle opere semidimenticate di Giovanni Tritemio (1540), Pierre Crespet (1590) e Martino Delrio (1599): secondo questi autori, la Sibilla era una sorta di dèmone sotterraneo, uno spirito malvagio e infido in cerca di anime da catturare e intento ad adescare gli uomini all'interno di sconosciuti recessi sotterranei, facendo uso di affascinanti illusioni.

Cosa possiamo dunque aggiungere in merito a questo "demone" così profondamente letterario?

In primo luogo, possiamo rammentare quell'ulteriore passaggio tratto da Crespeto, nel quale egli afferma che «si dice anche che le dette Sibille prendano piacere a custodire pecore ed agnelli, e a conversare con le greggi, e questa è la ragione per la quale i pastori ne avrebbero maggiore conoscenza rispetto ad altri»: una conferma del carattere pastorale della tradizione sibillina, probabilmente originatasi già in età preromana nel contesto di un sapere tradizionale precristiano.

In secondo luogo, Crespeto ci fornisce un'ulteriore conferma a proposito di un fatto di particolare importanza, già a noi noto tramite brani reperiti in altri autori: l'ingresso della caverna era sorvegliato, proprio per impedire ai negromanti di penetrare al suo interno. Ecco cosa scrive Pierre Crespet nel suo volume: «egli [Domenico Mirabelli] disse inoltre che il Papa fa attentamente sorvegliare la detta caverna dove si trova la citata Sibilla, al fine di impedire ogni comunicazione con essa, e dunque non ci sono che quei maghi in grado di rendersi invisibili che possano entrare in contatto con essa». Si tratta di una conferma ufficiale, riferitaci da un membro della Chiesa, che la Chiesa stessa temeva quella lunga ed apparentemente ininterrotta teoria di negromanti che tentavano di raggiungere la caverna sulla cima. E abbiamo visto - a giudicare dai brani che abbiamo reperito - che avevano buone ragioni per albergare tali timori.

Ma, oltre a quanto sopra menzionato, la terza e più importante considerazione è che «quando un negromante o chiunque altro entra in contatto con la Sibilla», afferma ancora Crespeto, «tempeste e fulmini si sollevano orribilmente per tutta la contrada». Perché questa tipologia di "demone sotterraneo", come aggiunge Tritemio, è «in grado di suscitare dalle fenditure della terra venti e fiamme. E scuotono le fondamenta degli edifici».

Essi possono scuotere gli edifici dal cuore della terra.

Ora è dunque chiara la connessione diretta, o più esattamente la perfetta sovrapposizione, tra i due leggendari racconti, quello relativo alla Sibilla e la tradizione concernente il Lago di Pilato, secondo la quale tempeste devastanti si sollevano quando i libri magici sono consacrati presso le sue rive, come narrato da Antoine de La Sale e Arnold di Harff: la caverna o il lago, non c'è differenza tra i due luoghi, in quanto in entrambi i casi le acque, i cieli e la terra sembrano partecipare della medesima, violentissima convulsione.

E questa terribile convulsione, questa furiosa agitazione, che «scuote le fondamenta degli edifici» con orribili contorcimenti del corpo titanico della terra - una punizione per gli uomini quando sono messi in atto empi tentativi di entrare in comunicazione con entità maligne per conseguire poteri proibiti - queste convulsioni hanno un nome.

Quel nome è terremoto.

In questo scenario, tutto ciò sembra confermare ulteriormente il fatto che il mito della Sibilla Appenninica non è niente altro che il terrore che vive nel cuore degli uomini per l'abominevole, improvvisa distruzione che risale talvolta dalle profondità degli abissi: dalla misteriosa, insondabile tenebra che giace al di sotto degli Appennini.

[nel testo originale di Crespeto: «Il dist aussi que lesdictes Sibylles prennent plaisir à garder les brebis & agneaux, & à converser aux troupeaux, qui est la raison pourquoi les bergers en ont plustot cognoissance que les autres, si est-ce que le berger qui accusa ledictes magiciens apprehendé avec eux fut estouffé par le diable en prison & trainé avec eux au supplice sur une claye tout mort pour servir de spectacle ou on devroit mettre tous ceux qui gastent & perdent les hommes, les bestes, & les champs par leurs charmes & magie.»

«Dit davantage que le Pape fait soigneusement garder la ditte carriere où est la ditte Sibylle, pour empescher la communication avec elle, & n'y a que ceux qui sont magiciens, & y peuvent invisiblement entrer qui la puissent aborder, à cause que quand on communique avec elle, soyt magicien ou autre, les tempestes & foudres s'esmouvent horriblement par tout le païs, & afin qu'on ne pense ceci estre fabuleux.»]























29 Oct 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /6 "Crespetus and the semblance of the Sibyl"
We are now entering the gloomiest side of the legend of the Apennine Sibyl. We are approaching the dark core of it, as it has been perceived throughout hundreds of years within a contemptible milieu of soi-disant magicians and wizards, in search of an unholy entry point to personal power, riches and success, bedazzled by the lure of evil and looking for an impossible, nightmarish help to be found amid the remote peaks of the Sibillini Range.

«We know through a testimony from some famed Magicians who were arrested in Mantua in the year 1586, in November, with their spellbooks that they were bringing to the Sibyl to consecrate them with the aim we mentioned before...».

This is the astounding beginning of a previously unpublished excerpt witten by Pierre Crespet, also known as “Crespetus”, a French Celestinian monk (1543 - 1594) who had travelled across Italy to visit the monasteries of the Celestines (possibly including the one in Norcia). In his 900-hundred page treatise “De la hayne de Satan et malins esprist contro l'homme”, published in Paris in 1590, he widely speaks about the Sibyl - not any Sibyl, but exactly the Apennine Sibyl from Norcia.

Crespetus recounts a sinister occurrence, a criminal trial held in Paris against a self-styled sorcerer, who had been to Mount Sibyl in Italy: a unique document which provides the historians with a bounty of information on what the Sibyl's cave's significance was at that time.

«I don't intend to overlook a remarkable testimony drawn from a criminal trial», says Crespetus, «held against a renowned magician whose name was Domenico Mirabelli, an Italian from Arpino, and his stepmother Marguerite Garnier, who were arrested in Mantua with their spellbooks that they were fetching to the Sibyls, the goddesses of sorcerers, to consecrate them so as to render their books more powerful. The said Mirabelli testified before the judges that another associate of him, named the Scottish, who for longtime had played in France as a famed Necromancer, and used to hold tours about his craft before the Princes and Lords who had received his teachings and had learned no good lessons from them, that he went to take advice from the renowned Sibyl about whom the travellers to Italy maintain she is to be found in a cave near the town of Norcia in Italy».

Italy, Norcia, the Sibyl, the magical books, the sorcerers: all this was subject to debate before a French judge, in Paris, in 1586, under the rule of King Henri III. Seemingly, the legend of the Apennine Sibyl was being considered as an utterly sensitive issue, at least from a religious point of view, and not the least as a mere fairy tale.

Let's continue with our reading from Crespetus. The judges are questioning the Italian sorcerer. Sure enough, he is enduring excruciating tortures. The court intends to thoroughly scrutinize him so as to apprehend everything about his sinister story. And here are the words of Domenico Mirabelli, the man who said he saw the Sibyl:

«... He [Mirabelli] said she was short in stature, she was sitting in a small chair, her long hair hanging down to the ground».

The Sibyl. As she appeared to a tortured, agonizing witness, while she was sitting in her cave set amid the Italian Apennines, in the year 1586. These are the only words we can trace in centuries of literary works and essays as to the known semblance of the Apennine Sibyl.

But why sorceres and wizards were so eager to travel as far as the Sibillini Range in Italy to meet the Sibyl? Crespetus provides the answer, based on the fact that the sorcerers' wish list was right at hand, at the disposal of the judges, positively written on a sheet of paper to be handed over to the Sibyl:

«In the plea that was found on them addressed to the Sibyls who presided over Necromancy and Magic arts, the following requests were included, that they besought the Sibyls to consecrate their books so that the evil spirits shall fulfill their commanding spells without any harm for them, that they shall become visible in the form of a handsome man [...] and ready to appear at day or night, whenever conjured up. They also asked the Sibyls to mark their spellbooks, which were three in number, with their power, so that they would be able to summon the above spirits, and prevent any arrest by the Justice, and be lucky in all and every business, well received by Kings, Princes and Lords, always winners in games, and able to gather a rich wealth».

According to the testimony, Domenico Mirabelli's wishes were fulfilled: «the Sibyl gave to him a consecrated book, and into a ring he had on his finger she put a spirit; by means of these book and spirit he would be able to travel any place he wished to be transferred to, provided the wind was not blowing against him».

Thus, that's why Mount Sibyl was so renowned all across Europe. The fairy tale of a magical Sibyl, both a seer as in the romance “Guerrino the Wretch” and a powerful demon as in this gloomy report from a criminal trial, was widely known and attracted all sorts of travellers to the high peaks of the Sibillini Mountain Range.

Did the Sibyl bring luck to her visitors? Not always, and not at all in the present case. Often the applicant's personal fate did not match his own expectation, as it actually happened to Domenico Mirabelli from Arpino and his stepmother Marguerite Garnier:

«They also asked the Sibyl that the evil spirits shall not lie to them; however, they were all the same convicted and sent to the stake and burnt in Paris together with their books, so that everyone shall know that the devil is a true cheater & enchanter, & all who associate with him are heathens, and sentenced».

How many of such self-appointed wizards have been coming to Mount Sibyl, across many centuries, to ask for the same forbidden services? In the next post, we will probe furher into Crespetus' words and find many significant connections to the legend of the Lake of Pilatus and other legendary tales.

[In the original Latin text (Livre I, Discours 15): «Toutesfois on sait par la deposition de quelques fameux Magiciens qui furent saisis à Mante l'an 1586, au mois de Novembre, avec leurs livres qu'ils portoient à la Sibylle pour consacrer aux fins que nous dirons ailleurs, que les cercles se font, afin que le diable n'ait entree ou force sur ceux qui l'invoquent & appellent à leur secours, & sont munis de croix & autres expiations que le diable redoubte. Car en la requeste qu'on leur trouva pour presenter au Sibylles qui president sur la Necromance, & Magie, ces choses estoient contenues, qu'ils supplioient les Sibylles de consacrer leur livres à tels effects que les mauvais esprits fissent tout ce que leur seroit enjoint par leur coniuration sans faire aucun mal, apparoissans en forme de bel homme, & qu'on ne fust contrainst de faire aucun cercle n'y en leurs maisons, ny aux champs, & qu'ils fussent prompts à venir de nuist & de jour, quand ils seroient evoquez. Les supplioient aussi d'apposer à leurs dits livres de Magie, qui estoient trois en nombre, leur caractere, afin qu'ils eussent plus de puissance pour appeller lesdits esprits, & qu'ils ne fussent repris de Iustice, ains qu'ils fussent fortunez en toutes leurs entreprises, bien aymez des Roys Princes, & grands Seigneurs, ne perdissent jamais aux jeux, ains fussent chanceux & gaignassent quand ils voudroient, que leurs ennemis ne pourtassent nuysance [...] à la charge aussi que les mauvais esprits ne seroient point menteurs, mais ils furent condamnez, au feu & bruslez à Paris avec leurs livres, afin qu'on sache que le diable est vrai trompeur & seducter, & tous ceux qui luy adherent sont Idoatres & reprouvez.»]

[In the original Latin text (Livre I, Discours 6): «Je ne veux obmettre un notable discours tiré d'un procés qui a esté fait d'un insigne magicien nommé Dominique Mirabille Italien natif d'Arpine & à sa belle mere Marguerite Garnier, qui furent apprehendez à Mante avec leur livres de magie qu'ils portoient aux Sibylles deesses des magiciens pour etre consacrez, à fin d'avoir plus d'effet comme j'ay dit ailleurs, ledit Mirabille deposa devant les juges qu'un autre sien compagnon nommé l'Escot qui a long temps rodéen France fameux Necromantie, & a joué des tours de son mestier devant les Princes & Seigneurs qui ont esté à son escole & n'y ont rien appris de bon, qu'il avoit esté consulter la Sibylle fameuse que les voyageurs d'Italie asseurent etre en une grotte ou carriere proche de la ville de Nurse en Italie la quelle il dit estre de basse stature assise en une petite chaise les cheveux pendans jusque à terre, laquelle luy donna un livre consacré, & luy meit dans un agneau qu'il avoit au doigt un esprit, par le moyen desquels livre & esprit il eust la puissance d'aller en tous lieux où il souhaittoit estre transporté moyenant que le vent ne fust contraire.»]
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /6 "Crespeto e le sembianze della Sibilla"
Stiamo per fare ingresso negli aspetti più oscuri della leggenda della Sibilla Appenninica. Ci stiamo approssimando sempre di più al cuore tenebroso del mito, così come recepito lungo centinaia e centinaia di anni in un contesto poco raccomandabile composto da sedicenti maghi e incantatori, alla ricerca di un sacrilego punto di accesso al potere personale, alla ricchezza e al successo, abbagliati dalle seduzioni del male e in cerca di un aiuto impossibile, da reperirsi, come in un incubo, tra i picchi remoti dei Monti Sibillini.

«Sappiamo attraverso la testimonianza di alcuni famosi Incantatori i quali furono catturati a Mantova nell'anno 1586, nel mese di Novembre, con i loro libri magici che essi stavano portando alla Sibilla per consacrarli per i fini che abbiamo in precedenza illustrato...».

È questo l'incredibile principio di un brano mai pubblicato in precedenza, scritto da Pierre Crespet, conosciuto anche come "Crespetus", un monaco celestiniano di origine francese (1534 - 1594) che aveva viaggiato attraverso l'Italia per visitare i monasteri appartenenti alla Congregazione dei Celestini (incluso forse quello situato a Norcia). Nel suo trattato "De la hayne de Satan et malins esprist contro l'homme", lungo ben 900 pagine e pubblicato a Parigi nel 1590, egli ci parla estesamente della Sibilla - e non di una Sibilla qualsiasi, ma proprio della Sibilla Appenninica di Norcia.

Crespeto ci presenta una narrazione alquanto sinistra: un processo penale tenuto a Parigi contro un sedicente incantatore, che si era recato in Italia al Monte della Sibilla: un documento unico, in grado di fornire allo storico una significativa messe di informazioni sull'importanza della Grotta della Sibilla a quell'epoca.

«Non ometterò di riferire a proposito di un significativo discorso tratto da un processo che fu fatto contro un famoso mago chiamato Domenico Mirabello, italiano nativo di Arpino, e contro la sua matrigna Marguerite Garnier, i quali furono entrambi arrestati a Mantova con i loro libri di magia, che essi stavano portando alle Sibille, divinità dei maghi, per essere consacrati, al fine di potenziarli come ho già spiegato. Il detto Mirabello depose innanzi ai giudici affermando che un altro suo compagno chiamato lo Scotto, che aveva per lungo tempo agito in Francia come famoso Negromante, e aveva posto in scena delle dimostrazioni della sua arte davanti a Principi & Signori che erano stati alla sua scuola, e nulla di buono ne avevano appreso, che egli era stato a consultare la famosa Sibilla che i viaggiatori in Italia affermavano trovarsi in una grotta o cava in prossimità della città di Norcia in Italia».

L'Italia, Norcia, la Sibilla, i libri magici, gli incantatori: tutto questo è stato oggetto di dibattito innanzi ad un giudice francese, a Parigi, nel 1586, regnante il Re Enrico III. Il mito leggendario della Sibilla Appenninica era evidentemente considerato come un argomento estremamente sensibile, quantomeno da un punto di vista religioso, e per nulla da derubricarsi come una mera, vuota favola.

Continuiamo con la nostra lettura tratta da Crespeto. I Giudici stanno interrogando il mago di origine italiana. Certamente, egli è sottoposto a terribili torture. La Corte ha intenzione di esaminarlo approfonditamente per verificare ogni dettaglio di questa sinistra vicenda. Ed ecco dunque le parole di Domenico Mirabelli, l'uomo che afferma di avere veduto la Sibilla:

«... Egli [Mirabelli] disse che la Sibilla era di bassa statura, seduta su di una piccola sedia, i lunghi capelli sciolti fino a terra».

La Sibilla. Così come era apparsa ad un testimone torturato, forse agonizzante; la Sibilla, seduta nella sua caverna posta tra le cime dell'Appennino italiano, nell'anno 1586. Sono queste le sole parole, pervenuteci attraverso secoli di saggi e opere letterarie, che descrivano le sembianze osservate della Sibilla Appenninica.

Ma perché maghi e incantatori si mostravano così bramosi di recarsi fino ai lontani Monti Sibillini, in Italia, per incontrare la Sibilla? Crespeto ci fornisce la risposta, grazie al fatto che la lista dei desideri di quei negromanti era lì a portata di mano, a disposizione dei giudici, vergata in modo manifesto su di un foglio di carta destinato ad essere consegnato alla stessa Sibilla:

«Nella richiesta che venne loro trovata indosso, da presentarsi alle Sibille che presiedevano alla Negromanzia e alla Magia, erano contenute queste cose, che essi supplicavano le Sibille di consacrare i loro libri in modo tale che gli spiriti maligni facessero tutto ciò che fosse loro ingiunto nel corso dell'evocazione senza loro nuocere, apparendo in piacevole forma di uomo [...] e che fossero pronti a venire di notte come di giorno, quando fossero stati evocati. Le supplicavano inoltre di apporre ai loro libri magici, che erano in numero di tre, il proprio marchio, affinché essi risultassero più potenti al fine di poter richiamare i detti spiriti, e che essi non fossero mai arrestati dalla Giustizia, e anche che risultassero favoriti in tutte le loro imprese, amati sommamente da Re, Principi e grandi Signori, che non perdessero mai ai giochi d'azzardo, e potessero anche godere della fortuna e guadagnare quanto volessero».

Secondo il testimone, i desideri di Domenico Mirabelli furono effettivamente esauditi: «la Sibilla gli diede un libro consacrato, & mise in un anello che egli aveva al dito uno spirito, per mezzo dei quali libro e spirito egli avrebbe avuto il potere di recarsi in ogni luogo egli avesse desiderato di essere trasportato, a condizione che il vento non gli fosse contrario».

Dunque, ecco perché il Monte della Sibilla raggiunse una fama di tale portata attraverso l'Europa intera. Il racconto fiabesco di una Sibilla magica, una veggente, come nel romanzo "Guerrin Meschino", ma anche un potente dèmone come in questo fosco resoconto tratto da un processo penale, era ampiamente noto ed in grado di attrarre ogni sorta di viaggiatori fino agli elevati picchi del Massiccio dei Monti Sibillini.

Era capace, la Sibilla, di donare fortuna ai propri visitatori? Non sempre, e di certo non nel presente caso. Spesso, il destino personale del supplice non si conformava alle aspettative che il medesimo desiderava, come in effetti accadde a Domenico Mirabelli da Arpino e alla sua matrigna Marguerite Garnier:

«Essi chiesero anche alla Sibilla che gli spiriti non mentissero loro; ma essi furono comunque condannati, gettati nel rogo & bruciati a Parigi assieme ai loro libri, affinché si sappia che il demonio è il vero ingannatore e seduttore, e che tutti coloro che si associano ad esso sono Idolatri, e saranno puniti».

Quanti di questi sedicenti maghi si sono recati fino al Monte Sibilla, nel corso di così tanti secoli, per implorare gli stessi, proibiti servigi? Nel prossimo post, analizzeremo più approfonditamente le parole di Crespeto, rilevando alcune significative connessioni con il mito del Lago di Pilato e altri racconti leggendari.

[Nel testo originale francese (Livre I, Discours 15): «Toutesfois on sait par la deposition de quelques fameux Magiciens qui furent saisis à Mante l'an 1586, au mois de Novembre, avec leurs livres qu'ils portoient à la Sibylle pour consacrer aux fins que nous dirons ailleurs, que les cercles se font, afin que le diable n'ait entree ou force sur ceux qui l'invoquent & appellent à leur secours, & sont munis de croix & autres expiations que le diable redoubte. Car en la requeste qu'on leur trouva pour presenter au Sibylles qui president sur la Necromance, & Magie, ces choses estoient contenues, qu'ils supplioient les Sibylles de consacrer leur livres à tels effects que les mauvais esprits fissent tout ce que leur seroit enjoint par leur coniuration sans faire aucun mal, apparoissans en forme de bel homme, & qu'on ne fust contrainst de faire aucun cercle n'y en leurs maisons, ny aux champs, & qu'ils fussent prompts à venir de nuist & de jour, quand ils seroient evoquez. Les supplioient aussi d'apposer à leurs dits livres de Magie, qui estoient trois en nombre, leur caractere, afin qu'ils eussent plus de puissance pour appeller lesdits esprits, & qu'ils ne fussent repris de Iustice, ains qu'ils fussent fortunez en toutes leurs entreprises, bien aymez des Roys Princes, & grands Seigneurs, ne perdissent jamais aux jeux, ains fussent chanceux & gaignassent quand ils voudroient, que leurs ennemis ne pourtassent nuysance [...] à la charge aussi que les mauvais esprits ne seroient point menteurs, mais ils furent condamnez, au feu & bruslez à Paris avec leurs livres, afin qu'on sache que le diable est vrai trompeur & seducter, & tous ceux qui luy adherent sont Idoatres & reprouvez.»]

[Nel testo originale francese (Livre I, Discours 6): «Je ne veux obmettre un notable discours tiré d'un procés qui a esté fait d'un insigne magicien nommé Dominique Mirabille Italien natif d'Arpine & à sa belle mere Marguerite Garnier, qui furent apprehendez à Mante avec leur livres de magie qu'ils portoient aux Sibylles deesses des magiciens pour etre consacrez, à fin d'avoir plus d'effet comme j'ay dit ailleurs, ledit Mirabille deposa devant les juges qu'un autre sien compagnon nommé l'Escot qui a long temps rodéen France fameux Necromantie, & a joué des tours de son mestier devant les Princes & Seigneurs qui ont esté à son escole & n'y ont rien appris de bon, qu'il avoit esté consulter la Sibylle fameuse que les voyageurs d'Italie asseurent etre en une grotte ou carriere proche de la ville de Nurse en Italie la quelle il dit estre de basse stature assise en une petite chaise les cheveux pendans jusque à terre, laquelle luy donna un livre consacré, & luy meit dans un agneau qu'il avoit au doigt un esprit, par le moyen desquels livre & esprit il eust la puissance d'aller en tous lieux où il souhaittoit estre transporté moyenant que le vent ne fust contraire.»]

































27 Oct 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /5 "Martino Delrio and the illusions de Specu Nursino"
Let's continue our journey into the dark side of the Apennine Sibyl's legend and lore: the black heart of a tradition which for centuries has conveyed European sorcerers and necromancers all the way to a remote mountainous land in Italy, the Sibillini Range.

In a previous post, we saw that in 1540 Johannes Trithemius introduced a ranking of evil spirits, among which he defined a class of mean “subterranean demons”.

Anything to do with the Apennine Sibyl? Yes indeed. It will be Martino Delrio, a Flemish priest who lived in the second half of the sixteenth century and was member of the Society of Jesus, who will place our Sibyl right into Trithemius' fifth category dedicated to underground fiends.

Delrio wrote a ponderous treatise on black magic and sorcery, the “Disquisitionum magicarum libri sex”, published in 1599. In Book II, under Question 27 relating to evil apparitions, he reviews in detail the classification set by Trithemius. When it comes to the fifth class, he quotes Trithemius's words about the malicious habit of subterraean demons to lure people «down into their hidden recesses under the mounts to show them splendid illusory images». And here is what he writes next:

«It is from such guiles that the fairy tales about Mount Venus arise, which is mentioned in a letter written by Pope Pius II and in the description of a Sibyl's Cavern placed in the region of Ancona as reported by Antoine de la Sale; in addition to that, we also have a mount of the White women near Kempenfent and the “She-Elf mount” in the Netherlands; and in Italy the cave lying near Norcia with a Sibyl living in it, as recorded by Pius II in his letter n. 46».

So the Apennine Sibyl - the same entity described by Antoine de la Sale in his “Paradise of Queen Sibyl” and whose cave was also referred in a letter written by a fifteenth-century Pope (we will see it in a subsequent post) - became officially enrolled in a not-so-glorious troop of malicious demons: an evil spirit of the netherworld, associated to the fabled “mountains of Goddess Venus”, the mounts of enchanted love, of which a number of tales were told in many northern-European countries (one of those tales was that of Tannhäuser).

With Martino Delrio, the dark side of the Apennine Sibyl, dating back at least to two centuries earlier, was becoming apparent in the cultural debate on magic between the sixteenth and the seventeenth centuries.

Everybody - including disreputable people interested in black arts, and the Church as well - now knew that in the mountains of Norcia was to be found a cave which was the abode of some kind of supernatural being: a "hot spot", where a crevice in our material world afforded an entry point to an eerie, unearthly, uncanny world.

And Martino Delrio provides further information on that. He quotes from another author, whose name is “Crespetus”. And this Crespetus, as referred by Delrio, says that someone had actually the incredible, extraordinary chance to meet the Sibyl: a personal, direct encounter with the Apennine Sibyl of Norcia. This person had seen the actual semblance of the fiendish Sibyl.

Who was Crespetus? What did he wrote exactly? And who was the mortal man who met the legendary Apennine Sibyl?

The answers to such astonishing questions will be presented in the next post of “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend”. Stay tuned!

[in the original Latin text: «Ex huiusmodi ludibriis natae sunt fabulae de monte Veneris, cuius mentio apud Pium II in epistola et Speluncae Sibyllae quam in Ancona decsribit Antonius de la Sale; et montis Albarum foeminarum apud Kempenfent, et in Branbantia 'den Alvinnen berch'; et in Italia de Specu Nursino et de Sibylla illic degente, cuius meminit D. Pius II [in] epistola 46...»]
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /5 "Martino Delrio e le illusioni de Specu Nursino"
Continuiamo il nostro viaggio attraverso il lato oscuro della leggenda della Sibilla Appenninica: il cuore tenebroso di una tradizione che, per secoli, ha esercitato una incredibile capacità di attrazione su maghi e negromanti di tutta Europa, fino ad una remota regione montuosa situata al centro dell'Italia, i Monti Sibillini.

In un precedente post, abbiamo visto come nel 1540 Giovanni Tritemio avesse introdotto una classificazione degli spiriti maligni, tra i quali egli aveva definito uno specifico sottogruppo di malvagi "demoni del sottosuolo".

Che relazione poteva avere tutto questo con la Sibilla Appenninica? Un legame, in effetti, molto stretto. Sarà infatti Martino Delrio, un sacerdote fiammingo vissuto nella seconda metà del sedicesimo secolo, membro della Compagnia di Gesù, che posizionerà la nostra Sibilla direttamente all'interno della quinta classe di Tritemio dedicata ai demoni sotterranei.

Delrio aveva compilato un ponderoso trattato sulla magia nera, il “Disquisitionum magicarum libri sex”, pubblicato nel 1599. Nel Libro II, alla Questione 27 relativa alle maligne apparizioni, egli ripercorre in dettaglio la classificazione definita da Tritemio. Giunto alla quinta classe, Delrio riporta il passo di Tritemio nel quale si parla della sinistra abitudine dei demoni sotterranei di adescare gli uomini «fino ai segreti recessi delle loro montagne, mostrando loro meravigliose illusioni». Ed ecco cosa scrive subito dopo:

«È proprio da questi inganni che sono si sono originate le favole a proposito del monte di Venere, di cui si fa menzione nella lettera di Papa Pio II e nella descrizione della Grotta della Sibilla nella regione di Ancona riportata da Antoine de la Sale; e anche della montagna delle femmine Bianche vicino Kempenfent, e del 'monte delle Donne elfiche' nel Brabante; e in Italia a proposito della Caverna di Norcia e della Sibilla che lì risiederebbe, della quale fece menzione Pio II nell'epistola 46».

E così, la Sibilla Appenninica - la stessa entità descritta da Antoine de la Sale nel suo "Paradiso della Regina Sibilla", la cui caverna era stata menzionata anche in una lettera quattrocentesca scritta da Papa Pio II (la vedremo in un prossimo post) - era stata ufficialmente arruolata tra i ranghi ingloriosi di un esercito di malvagi dèmoni: uno spirito maligno dell'oltretomba, associato alle favolose "montagne della dèa Venere", i monti dell'amore incantato, in merito ai quali venivano raccontate molte storie soprattutto nei Paesi del nord Europa (e uno di questi racconti era quello di Tannhäuser).

Con Martino Delrio, il lato oscuro della Sibilla Appenninica, già resosi apparente almeno due secoli prima, diviene manifesto nell'ambito del dibattito culturale in corso sulla magia tra i secoli sedicesimo e diciassettesimo.

Tutti, ma proprio tutti - compresi certi equivoci personaggi interessati alle arti magiche, e la stessa Chiesa - sono ora informati del fatto che tra le montagne di Norcia si trova una caverna, nella quale abiterebbe un qualche genere di essere soprannaturale: un "punto caldo", dove una fessurazione nel nostro mondo materiale rende possibile il passaggio verso un mondo spirituale sinistro e terrifico.

E Martino Delrio non si trattiene dal fornirci ulteriori informazioni su questo tema. Egli cita da un altro autore, il cui nome è "Crespeto". E questo Crespeto, come riferitoci da Delrio, afferma che qualcuno avrebbe avuto l'incredibile, straordinaria possibilità di incontrare la Sibilla: un incontro diretto e personale con la Sibilla Appenninica di Norcia. Questa persona avrebbe addirittura potuto contemplare le sembianze della demoniaca Sibilla.

Chi era Crespeto? Che cosa aveva scritto esattamente? E chi era quell'uomo mortale che aveva potuto incontrare la leggendaria Sibilla Appenninica?

Le risposte a queste stupefacenti domande saranno presentate nel prossimo post di "Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda". Restate collegati!

[nel testo originale latino: «Ex huiusmodi ludibriis natae sunt fabulae de monte Veneris, cuius mentio apud Pium II in epistola et Speluncae Sibyllae quam in Ancona decsribit Antonius de la Sale; et montis Albarum foeminarum apud Kempenfent, et in Branbantia 'den Alvinnen berch'; et in Italia de Specu Nursino et de Sibylla illic degente, cuius meminit D. Pius II [in] epistola 46...»]








































21 Oct 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /4 "Johannes Trithemius and the subterranean demon"
The legend of the Apennine Sibyl: a fairy tale, a mysterious journey, a chivalric dream of adventure and bravery, or even a silly narrative for simpletons and dupes. That's the bright side of it.

However, there is also a dark side. A tale of magic and witchcraft, deceptive illusions and black arts. Ever since the tales of Guerrino the Wretch and Antoine de La Sale were told, the Apennine Sibyl has presented herself as an evil spirit, in search of souls to snatch and capable of transforming herself into loathsome snakes.

The Sibyl's dark side was actually well known all across Europe, as attested in many quotes drawn from all centuries and countries.

To understand the reason for the Sibyl's dark renown, we have to go to back to the roots of magical culture in the Renaissance age, and namely to Johannes Trithemius, a German Benedictine abbot who lived between the fifteenth and sixteenth centuries and became a leading figure within a long-lasting tradition in the mysterious and the occult.

In his work “Liber octo questionum ad Maximilianum Cesarem”, a series of answers to questions put to him by Emperor Maximilian I, published in 1540, he dedicates the sixth answer (“Questio sexta”) to the power of black magic (“De potestate maleficarum”). In this section he provides a ranking scheme of fiendish demons according to the very spots where they originally happened to fall from heaven at the beginning of the world.

A specific class is devoted to the “genus subterraneum”, the evil spirits who fell into the underground regions of the earth:

«The fifth kind is called subterranean: they are the ones who reside in caverns and caves and hollows placed under remote peaks. The power of such demons is utterly evil: they especially seize those who dig tunnels to search metallic ore, and those who look for treasures hidden under the ground. They are most willing to harm human beings. They can cause wind and flames to erupt from holes in the ground. And they can shake the foundations of buildings».

What has it to do with the Apennine Sibyl? Let's see the subsequent excerpt and we will find further resemblances to our legend:

«At night, multitudes of them use to leave their dens in the mountains to perform the most amazing, spectacular dances in the fields: they vanish at once under the command of one of them whose authority they fear, and rush back into their subterranean trails. Sometimes small bells can be heard tinkling among their ranks».

This strongly reminds us of the dancing fairies with goat-like feet that descended at night from Mount Vettore, according to local traditional lore in the Sibillini area. And there is more to it:

«They ask for nothing more than raise terror and awe in the heart of men», continues Trithemius. «We know that at times they lead simple, gullible people down into their hidden recesses under the mountains to show them splendid illusory images, as if down there would lie the abode of blessed souls. [...]

This is the most striking correspondence with the legend of the Apennine Sibyl: the magical, underground kingdom full of palaces and treasures, in the perfect bliss of an eternal life and the love of handsome damsels. Yet it is just an evil illusion, a deceptive trick played on men by a subterranean demon.

Just a groundless misinterpretation of the Apennine Sibyl's lore? Not at all. Because we can retrieve a further mention to all this in a book written in the subsequent century.

And this book, whose author is Martino Delrio, a Flemish Jesuit, will explicitly enroll the Apennine Sibyl within Trithemius' fifth class: nothing more and nothing less than a recognized “subterranean demon”.

[in the original Latin text: «Quintum genus subterraneum dicitur: quod in speluncis et cavernis montiumque remotis concavitatibus demorant. Et isti daemones affectione sunt pessimi: eosque invadunt maxime qui puteos & metalla fodunt, & qui thesauros in terra latentes querunt: in pernicie humani generis paratissimi. Hiatus efficiunt terrae ventosque flaminomos suscitant: & fundamenta edificiorum concutiunt. Noctibus aliquu de montibus turmatim egressi mirandas stupendasue in campis ducunt choreas: & quali uni ducis metuentes imperium, subito evanescunt ad signum: & ad sua diverticula revertuntur. Interdum nolarum inter eos auditur sonit [...] Nihil magis querunt quam metum hominum & admirationem. Unde habemus compertum quod simpliciores hominum quosdam nonnumquam in sua latibula montium duxerunt stupenda mirantibus ostendentes spectacula: et quasi beatorum ibi sint mansiones amicos se virorum mentiuntur.»]
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /4 "Giovanni Tritemio e il demone sotterraneo"
La leggenda della Sibilla Appenninica: un racconto fiabesco, un viaggio nel mistero, un sogno cavalleresco di avventura e ardimento, o anche una sciocca narrazione per sempliciotti e creduloni. Questo è il lato luminoso del mito.

Esiste, però, anche un lato oscuro. Un racconto di magia e incantesimi, di ingannevoli illusioni e arti tenebrose. Fin da quando furono narrati per la prima volta i racconti di Guerrin Meschino e Antoine de La Sale, la Sibilla Appenninica si è presentata come uno spirito maligno, in cerca di anime delle quali impossessarsi e capace di trasformare se stessa in disgustosi serpenti.

Questo lato oscuro della Sibilla era ben conosciuto in tutta Europa, come attestato dalle numerose citazioni rinvenibili in tutti i secoli e presso tutti i paesi.

Per comprendere la ragione di questa fosca nomea, dobbiamo ritornare alle radici della cultura magica rinascimentale, e in particolare a Giovanni Tritemio, un abate benedettino di origine tedesca vissuto a cavallo tra il quindicesimo e il sedicesimo secolo, divenuto uno dei più importanti esponenti di una lunga tradizione connessa allo studio dell'occulto e del mistero.

Nella sua opera "Liber octo questionum ad Maximilianum Cesarem”, una serie di risposte a domande postegli dall'Imperatore Massimiliano I, pubblicata nel 1540, Tritemio dedica la sesta risposta ("Questio sexta") al potere della magia nera (“De potestate maleficarum”), definendo una classificazione dei dèmoni sulla base dei luoghi presso i quali essi si trovarono a cadere originariamente dal cielo al principio del mondo.

Una classe specifica è dedicata al “genus subterraneum”, e cioè a quegli spiriti maligni che, dal cielo, sprofondarono fino alle regioni sotterranee della terra:

«Il quinto genere è chiamato sotterraneo: coloro che dimorano nelle spelonche e caverne e cavità delle remote montagne. E questi dèmoni sono estremamente pericolosi: si impadroniscono specialmente di coloro che scavano gallerie e cercano metalli, e di chi è alla ricerca di tesori nascosti sotto la terra: sono particolarmente desiderosi di nuocere al genere umano. Essi sono inoltre in grado di suscitare venti e fiamme dalle fenditure della terra. E scuotono le fondamenta degli edifici».

Ma cosa ha a che fare, tutto questo, con la Sibilla Appenninica? Andiamo a leggere il passo successivo, andando a trovare nuove interessanti corrispondenze con la nostra leggenda:

«Talvolta, di notte, escono in moltitudini dalle montagne e inscenano danze meravigliose e spettacolari nei campi, per poi subitamente sparire al comando di uno di loro, di cui temono l'imperio, ritornando così nei loro nascondigli sotterranei. Qualche volta è anche possibile udire, tra le loro schiere, il suono tintinnante di campanelli».

Tutto ciò non può non riportarci alla mente le fate danzanti con piedi caprini che scendevano di notte dal Monte Vettore, secondo la nota tradizione locale viva nell'area dei Monti Sibillini. Ma c'è ancora qualcosa di più:

«Essi non chiedono di meglio che suscitare terrore e stupefazione nel cuore degli uomini. È noto inoltre che in alcuni casi essi abbiano condotto uomini tra i più semplici fino ai segreti recessi delle loro montagne, mostrando loro meravigliose illusioni: come se ivi fossero da trovarsi le aule degli uomini beati».

Si tratta di un'interessantissima corrispondenza con la leggenda della Sibilla Appenninica: il magico regno sotterraneo, ricolmo di palazzi e tesori, nella gioia perfetta di una vita eterna da viversi nell'amore di affascinanti damigelle. Ma è solo un'illusione malefica, un trucco ingannevole giocato agli uomini da un dèmone del sottosuolo.

Potrebbe trattarsi di un'infondata, equivoca interpretazione del mito della Sibilla Appenninica? La risposta è che non c'è nulla di infondato. Perché siamo in grado di reperire un'ulteriore menzione, riferita a quanto qui sopra illustrato, all'interno di un altro volume scritto nel secolo successivo.

E questo libro, il cui autore è Martino Delrio, un gesuita fiammingo, arruolerà esplicitamente la Sibilla Appenninica nella quinta classe di Tritemio: nulla di più e nulla di meno di un accreditato "demone sotterraneo".

[nel testo originale latino: «Quintum genus subterraneum dicitur: quod in speluncis et cavernis montiumque remotis concavitatibus demorant. Et isti daemones affectione sunt pessimi: eosque invadunt maxime qui puteos & metalla fodunt, & qui thesauros in terra latentes querunt: in pernicie humani generis paratissimi. Hiatus efficiunt terrae ventosque flaminomos suscitant: & fundamenta edificiorum concutiunt. Noctibus aliquu de montibus turmatim egressi mirandas stupendasue in campis ducunt choreas: & quali uni ducis metuentes imperium, subito evanescunt ad signum: & ad sua diverticula revertuntur. Interdum nolarum inter eos auditur sonit [...] Nihil magis querunt quam metum hominum & admirationem. Unde habemus compertum quod simpliciores hominum quosdam nonnumquam in sua latibula montium duxerunt stupenda mirantibus ostendentes spectacula: et quasi beatorum ibi sint mansiones amicos se virorum mentiuntur.»]











































20 Oct 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /3 "Flavio Biondo and such foolish thing as necromancy"
An author who did not express any appreciation for the legend of the Apennine Sibyl was Flavio Biondo, an Italian historian who lived in the first half of the fifteenth century and was a forerunner of modern archeology.

In his “Italia illustrata” (“Italy illustrated”), published in 1474 in Latin and subsequently translated into Italian in 1542, he dedicated a few words to our Sibyl, showing no inclination at all for what he seems to consider a dull tale:

«Up amid the towering mountains at the very centre of the Apennines, facing the land we've just been talking about, there is another land whose name is S. Mary in Gallo, in the vicinity of which - in the very heart of the Apennines - is a huge cavern called 'the Sibyl's cave” by the populace; further above, in the territory of Norcia, there is that renowned lake where according to false rumours the waters would be replete of evil spirits rather than fish; and the fame of both the cavern and the lake has attracted a great number of lunatics committed to such foolish thing as necromancy, in search of knowledge and understanding of those sorcerous teachings; and a lot more in past centuries, as is reported, they were lured up to those lofty, imposing mountains, with great exertion, and utterly in vain».

Thus, many prominent men of letters - though including the Sibyl's cave and lake in their literary works, for the mere sake of completeness - regarded the two legendary tales as silly accounts which might be of interest only for dummies and candid simpletons.

However, not all people in Europe thought the same. Some of them took the Sibyl's cave, and lake, very seriously. Dead seriously. For they did not disdain to practice what Biondo had marked with the words «such foolish thing as necromancy».

And - as we will see in the next post - they weren't people you would have liked to have business with.

[in the pictures, a unique collection of Flavio Biondo's “Italy illustrated” editions:
- a charming print of a Sibyl on the cover of 1542's Italian translation by Lucio Fauno
- the excerpt on the Apennine Sibyl from the 1542 Italian edition
- the excerpt on the Apennine Sibyl from the original 1474 Latin edition
- never published before: the same excerpt from the original manuscript written by Flavio Biondo (Ottobonian Latin n. 2369 from the Vatican Apostolic Library)]
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /3 "Flavio Biondo e le poltronarìe de la negromantia"
Un altro autore del tutto contrario ad esprimere apprezzamento nei confronti della leggenda della Sibilla Appenninica è Flavio Biondo, il grande storico, nonché antesignano della moderna archeologia, vissuto nella prima metà del quindicesimo secolo.

Nella sua "Italia illustrata", pubblicata in lingua latina nel 1474 e successivamente tradotta in italiano nel 1542, Biondo dedica poche righe alla nostra Sibilla, mostrando chiaramente di non provare alcuna inclinazione verso quella che egli reputava essere una sciocca dicerìa:

«Su nei monti altissimi nel colmo de l'Apennino, che è dirimpetto a queste terre, vi ha un'altra terra chiamata di S. Maria in Gallo, presso a la quale proprio ne l'Apennino è una gran caverna chiamata volgarmente la Grotta de la Sibilla, e poco più su è quel lago famoso nel territorio di Norcia, dove dicono falsamente, che in vece di pesci, è pieno di demoni, e la fama così de la grotta, come del lago ha ne di nostri tirati molti pazzi dati a queste poltronarìe de la negromantia, et avidi di sapere et intendere di queste novelle magiche, e più ne secoli passati, come si raggiona, gli ha tirati dico a sallire su questi altissimi monti, et alpestri, con gran fatica, e vana».

E così, molti rinomati uomini di lettere - benché disposti ad includere menzioni della caverna sibillina e del lago all'interno delle proprie opere letterarie, per mero scrupolo di completezza - consideravano i due racconti leggendari come stupide favole, tali da poter essere di interesse solamente per ignoranti e sempliciotti.

Eppure, non tutti, in Europa, la pensavano così. Alcuni personaggi prendevano la caverna della Sibilla e il lago molto sul serio. Tremendamente sul serio. Gente che non disdegnava di praticare quelle che il Biondo aveva definito le «poltronarìe de la negromantia».

E - come vedremo nel prossimo post - non si trattava certo di persone con il quale sarebbe stato piacevole avere a che fare.

[nelle immagini, una raccolta unica delle edizioni dell'”Italia illustrata” di Flavio Biondo:
- una pregevole stampa raffigurante una Sibilla sul frontespizio della traduzione in lingua italiana del 1542 curata da Lucio Fauno
- il brano sulla Sibilla Appenninica tratto dall'edizione in lingua italiana del 1542
- il brano sulla Sibilla Appenninica tratto dall'edizione in lingua latina del 1474
- mai pubblicato in precedenza: il medesimo brano tratto dal manoscritto originale scritto da Flavio Biondo (Ottoboniano Latino n. 2369 conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana)]

















































19 Oct 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /2 "When I was a small child"
If we look for an author of past centuries providing no endorsement to the Apennine Sibyl's lore, we need to address Dominican friar Leandro Alberti. As anticipated in our previous post, he shows no reluctance when it comes the time to demolish the illustrious myth. And his style of writing takes on a hue of playful mockery:

«It comes as a bit of a surprise that so many years have elapsed, from the time when this Cavern was discovered and saluted as the Sibyl's abode, and no mention of it has ever been recorded at all, neither in the works by Strabo nor in Pliny's nor in the writings of any other inquisitive Author, in search of oddities and rarities. And yet every reader can consider by himself how scrupulously Strabo has provided a full description of the Caves and hollows that are to be found in Cuma, and Baiae, and Naples; and Pliny, as well, has written most accurate reports of the many wonders of Nature; however, no one of them ever wrote a single word about that Cavern, nor provided any accounts as regards the cave's folk tale [...]. In conclusion, all such tales being told about the said Cavern must be regarded as fables, and mere lies, an enjoyable narrative to be delivered to a thrilled and delighted audience».

And that's not all. He reports the quite humorous tale of the «learned and pragmatic Germans» who journeyed as far as the renowned Lakes of Pilatus «at their own significative expense» to consecrate their spellbooks to the evil spirits - totally nonexistent - so that they found themselves «downright cheated» and were forced to retrace their own steps to Germany «cursing both themselves and their fellow-men, the latter for circulating such foolish tales, the former for having placed their trust in them so naively».

«I am convinced», finally writes Alberti, with a jeering, scornful understatement, «that not much time has passed since the rumour about that Cavern has spread […]. For if the cave had been really known in antiquity, there is no doubt that its finding would have been duly recorded, as actually was the case for the Oracle at Delphi, and Podalirius, and Avernus, and the Hollow and Cave of the said Cumæan Sibyl, and many other places likewise, as well as caverns, Lakes, Trees, Rivers, Springs, Woods, Temples, Altars and further Oracles of the same kind, where evil Spirits are said to utter deceitful words to beguile men».

That's how Leandro Alberti, a man of wit and experience, turns down the legend of a Sibyl in the Apennines. It is the year 1550 and Alberti has just stated the words that will become the fundamental, still unsettled historical issue in our contemporary research on the Apennine Sibyl: her obscure, enigmatic lineage from classical Sibyls and the lack of any literary reference in authors from ancient Rome.

However, the only concession made to the myth by the knowledgeable writer is not an insignificant one: it is actually a tribute to the might of the Sibyl's legend, to the power of a fairy tale.

Alberti, too, was fascinated and bewitched by the legendary tale. He was but a child, and we can imagine his eyes open wide as he used to listen to the timeless tale of the Apennine Sibyl:

«Such fairy tales, and the like are told by the peasants about the Sibyl's cave, as I myself happened to hear in my father's house, when I was a small child, for the thrilled entertainment of women».

Despite all his sharp, rational reasoning, he too had been enveloped by the magical spell of the Sibyl.
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /2 "Anchora essendo fanciullo"
Se fossimo in cerca di un autore dei secoli passati del tutto intenzionato a non sottoscrivere i racconti relativi alla Sibilla Appenninica, dovremmo rivolgerci al frate domenicano Leandro Alberti. Come anticipato nel nostro precedente post, infatti, il nostro storico e geografo non mostra di provare alcuna remora quando si tratta di demolire l'illustre leggenda. E il suo stile di scrittura diviene addirittura giocosamente ironico:

«In vero ella è cosa molto maravigliosa, che siano passati tanti anni, ne li quali si dice esser stata ritrovata questa Caverna, & esser quivi la Sibilla, & che mai non sia stato fatto alcuna memoria d'essa da Strabone, ne da Plinio, ne da altro curioso scrittore, & vestigatore delle cose rare. Vedemo pur esser stato molto diligente Strabone in discrivere le Grotti, & spelunche, che sono a Cuma, a Baia, & a Napoli, & parimente Plinio rammentando i miracoli della Natura, & mai pur una minima parola hanno scritto di quella Grotta, ò vero della favola volgare di essa [...] Et per tanto si deve tener essere favole & bugie tutte quelle cose narrate di detta Caverna, & Laghi, & cose da recitare per trastullo & piacere».

E questo non è tutto. L'Alberti riporta anche quel racconto, ridicolmente divertente, a proposito di quei «Thedeschi huomini dotti & pratici» che decidono di spingersi fino ai famosi Laghi di Pilato, «con gran spesa», per consacrare i loro libri magici ai dèmoni lacustri - del tutto immaginari - e ritrovandosi così «uccellati», e costretti a riprendere il cammino del ritorno verso la natìa Germania «maledicendo se & gli altri, questi per haver divolgate queste favole, & se per haverle tanto facilmente credute».

«Credo non esser molto tempo», prosegue ancora l’Alberti, con perfidia velata, dissacrante, «che siano state volgate queste favole di detta Caverna […]. Perché se fossero stati osservati dagli antiqui, non dubito che ne sarebbe stato fatto memoria, sicome e fatto dell’Oracolo di Delpho, di Podalirio, dell’Averno, & dell’Antro, & Spelunca della detta Sibilla Cumea, & parimente de molti altri luoghi, sicome di spelunche, Laghi, Alberi, Fiumi, Fontane, Selve, Tempii, Sacelli, & simili altri Oracoli, ove davano risposta i bugiardi Demonii per ingannare gli huomini».

Ecco dunque come Leandro Alberti, uomo di grandissima esperienza e intelligenza, distrugge infine la leggenda di una Sibilla tra gli Appennini. Correva l'anno 1550 e Alberti ha appena enunciato le parole che costituiranno il maggior problema storico, ancor oggi irrisolto, della ricerca contemporanea sulla Sibilla Appenninica: la sua oscura, enigmatica discendenza dalle Sibille classiche e la mancanza di qualsivoglia menzione letteraria negli autori di Roma antica.

Eppure, l'unica concessione che l'esperto scrittore si permette di accordare al mito non è di poco momento: si tratta, infatti, di un tributo alla potenza della leggenda sibillina, al potere del sogno e della favola.

Anche Leandro Alberti, in effetti, era rimasto colpito e affascinato da quel racconto leggendario. A quell'epoca non era che un bambino, e noi possiamo oggi immaginare i suoi occhi meravigliati e spalancati, mentre quel bimbo ascoltava ancora una volta il racconto senza tempo della Sibilla Appenninica:

«Queste & altre simil favole si sogliono narrare dal volgo, di questa caverna della Sibilla, si come io ricordo havere udito narrare in casa di mio padre alle donne, (anchora essendo fanciullo) per trastullo & piacere».

Malgrado tutta la sua fredda, logica razionalità, anche lui era stato reso prigioniero dal magico incanto della Sibilla.



































18 Oct 2017
Apennine Sibyl: the bright side and the dark side /1 "Leandro Alberti and the popular lore"
The myth of an Apennine Sibyl has crossed many centuries, arousing the interest and fascination of very different people all around Europe.

During its long journey, the legend has been the subject for a wide range of literary speculations. Among the plethora of quotes from a multitude of authors, we are going to highlight two special subsets of them: the excerpts written by those who scorned the accounts about the Apennine Sibyl as a silly tale for simpletons and morons; and - on the other side - the quotes from people we wouldn't like to meet at a solitary corner in the middle of the night: people who practised forbidden arts, and thought the Sibyl's legend was everything but a mockery.

Let's begin with one of the most skeptical descriptions of the Sibyl's lore ever written: an excerpt by Leandro Alberti, a Dominican friar who lived in the sixteenth century and was the author of a most renowned historical and geographical work, “The General description of Italy”, dating to year 1550.

Alberti starts his description by depicting the magnificent, imposing nature of the Sibillini Mountain Range:

«[...] where the Apennine is much elevated. Here is the area which divides the Picenum region from the mountains of Norcia: and in actual truth, above the place where Arquata lies, the Apennine raises to such a degree that it exceeds itself in elevation, in other words it overtakes all remaining adjacent peaks despite their considerable elevation. This is the reason why this mount is called Vettore».

The Dominican friar was a brilliant spirit, a man of learning and a talented preacher; so when it comes to the queer tales of the Sibyl's cave and the nearby lake, he is not easily convinced at all:

«On the portion of this towering mountain facing eastward, it can be seen that most famous Lake of which tales are told about the conjuring of devils summoned by sorcerers, who would speak to them. If such accounts were true, it would certainly deserve severe condemnation, and such witchcrafts should be hardly punished under both Canonical and Imperial laws: I believe those are but fairy tales and lies, as I will show later in my book when describing the Sibyl's Cave».

And here the cavern comes, a grim, forbidding place in its appearance, yet clad with what Leandro Alberti considered to be but silly tales:

«The lofty Apennine mountains are seen in this region, on one of those peaks stands the Castle of St. Mary in Gallo. Nearby, namely in the said Apennine, lies the huge, frightful, ghastly hollow which was named after the Sibyl: about which a popular lore (or rather a foolish rumour) maintains that it provides admittance to the realm of the Sibyl, who would be living in a beautiful Kingdom, adorned with magnificent Palaces, where many people would reside, enjoying themselves with lustful pleasures within the said Palaces and Gardens together with handsome maids...»

In the next post, we will see how the Dominican friar continues to depict the cavern and its fame: a renown which used to attract all sort of fools up to the very core of the Sibillini Range.
Sibilla Appenninica: il lato luminoso e il lato oscuro /1 "Leandro Alberti e la volgata fama"
Il mito della Sibilla Appenninica ha attraversato molti secoli, destando in tutta Europa l'affascinato interesse di personaggi estremamente differenti tra di loro.

Nel corso del suo lunghissimo viaggio, la leggenda è stata oggetto di una vasta molteplicità di speculazioni letterarie. Tra la grande varietà di citazioni rinvenibili in moltissimi autori, andremo a porre in evidenza due sottogruppi particolari: i brani scritti da coloro i quali respingevano e quasi deridevano i racconti che venivano narrati a proposito della Sibilla Appenninica, in quanto stupide favole per sempliciotti e creduloni; e - dall'altro lato - le citazioni tratte da personaggi che non gradiremmo incontrare in una strada poco frequentata nel bel mezzo della notte: gente che praticava arti proibite, e pensava che la leggenda della Sibilla potesse essere tutto tranne che uno scherzo.

Cominciamo allora con una delle descrizioni relative alla tradizione sibillina maggiormente improntata allo scetticismo: un brano tratto da Leandro Alberti, un frate dominicano vissuto nel sedicesimo secolo, autore di un'opera storico-geografica di grande fortuna, la "Descrittione di tutta l'Italia", pubblicata nel 1550.

Alberti comincia la propria descrizione illustrandoci tutta la magnificenza e l'imponenza dei Monti Sibillini:

«[...] ove è molto alto esso Appennino. Quivi si partisse questa parte de'l Piceno da i monti de i Norsini: Vero è che sopra quel luogo ove è Arquata, tanto si alza l'Apennino, che se istesso se supera in altezza, cioè che avanza tutti gli altri suoi continouati gioghi siano di quanta altezza possono. Et per tanto è addimandato questo monte Vettore. Quivi è partito il territorio Piceno da'l Norsino».

Il frate domenicano era un uomo brillante, un erudito e un predicatore di grande esperienza; così, quandi si tratta di considerare le strane favole che si narrano attorno alla Grotta della Sibilla e al vicino lago, egli non si lascia affatto convincere:

«Vedesi alla parte de quest'altissimo monte, (che riguarda all'oriente) quel tanto famoso Lago de'l quale se dice che vi appareno i demoni costretti dagli incantatori, & che qui vi parlano con essi. Che se così fusse sarebbe cosa molto biasimevole, & tali incantamenti meriterebbero gravissime punitioni secondo le leggi Canoniche & Imperiali: Io credo che siano tutte favole e menzogne, come poi dimostrerò descrivendo la Grotta della Sibilla».

Ed ecco la descrizione della grotta, luogo spaventevole nella sua oscura, formidabile apparenza, rivestita però di ciò che Leandro Alberti stigmatizzava come sciocche dicerìe:

«Veggionsi in questo paese gli altissimi monti dell'Appennino, sopra uno de li quali appare edificato il Castello de'l Monte di S. Maria in Gallo. A cui è vicina (però in detto Apennino) la larga, horrenda & spaventevole spelunca nominata Caverna della Sibilla: De la quale è volgata fama, (anzi pazzesca favola) esser quivi l'entrata per passare alla Sibilla, che dimora in un bel Reame, ornato di grandi & magnifici Palaggi, habitati da molti popoli, pigliando amorosi piaceri ne detti Palaggi, & Giardini con vaghe damigelle...».

Nel prossimo post, vedremo come Leandro Alberti continuerà a riportare notizia della grotta e della sua fama: una rinomanza che pareva attirare ogni sorta di sprovveduti sin lassù, fin nello sperduto cuore dei Monti Sibillini.




































2 Sep 2017
The Apennine Sibyl in a 1643 guidebook for travellers
When David Froelich, a Slovak geographer, mathematician and traveller, published his “Bibliothecae Sive Cynosurae Peregrinantium, hoc est, Viatorii Liber” in 1643, he intended to help the traveller ('peregrinantem', as he writes) in his journey, by providing clear directions as to which land the wayfarer was headed to ('versus quam Mundi plagam illi proficiscendum sit').

Among the descriptions of Gallia, Hispania, Helvetia, Hungaria and many other European and even remote, far-away lands, Italy has a primary position, ancient and illustrious as it was ('inter Europae regiones celeberrima'). And, at the very heart of Italy, the following lines are devoted to Norcia and its renowned Apennine Sibyl:

«NORCIA, which lies by the lake. Here many tales are told about the Sibyl, concealed in her cave. Publius Vergilius Maro calls the town “wintry”, owing to the elevation of the surrounding mountains (which are always capped with snow and engulf the neighbouring land with extreme cold)».

Norcia by a lake, a clear reference to the Lake of Pilatus, once known as the Lake of Norcia. Norcia as the land of the Sibyl. A match that will last for hundreds of years, up to the twentieth century.

[In the original Latin text: «NURSIA, sita ad lacum. Hic multae sunt fabulae de Sibylla, in antro recondita. Virgilius eam frigidam civitatem vocat, propter montium circumjectorum (qui nivibus perpetuo occupantur frigusque ingens propinquis locis conciliant) altitudinem.»]
La Sibilla Appenninica in una guida di viaggio del 1643
Quando David Froelich, geografo, matematico e viaggiatore originario della Slovacchia, pubblicò il suo “Bibliothecae Sive Cynosurae Peregrinantium, hoc est, Viatorii Liber” nel 1643, il suo intento era quello di assistere il viaggiatore ('peregrinantem', come egli stesso scrive) nel corso del suo cammino, rendendo disponibili indicazioni chiare a proposito delle terre verso le quali il viandante era diretto ('versus quam Mundi plagam illi proficiscendum sit').

Tra le descrizioni relative a Gallia, Hispania, Helvetia, Hungaria e a tante altre terre d'Europa, nonché ad ulteriori regioni ancor più remote ed esotiche, l'Italia ha una posizione preminente, a motivo della sua antica ed illustre storia ('inter Europae regiones celeberrima'). E, proprio al cuore dell'Italia, Froelich dedica le seguenti parole a Norcia e alla sua famosa Sibilla Appenninica:

«NORCIA, situata in prossimità del lago. Qui si narrano molte favole a proposito della Sibilla, nascosta nel suo antro. Virgilio definisce la città come 'gelida', a causa dell'elevazione delle circostanti montagne (che sempre sono ricoperte di neve perenne e inondano i luoghi vicini di freddo notevolissimo)».

Norcia in prossimità di un lago, un chiaro riferimento al Lago di Pilato, un tempo conosciuto proprio come il Lago di Norcia. Norcia come terra della Sibilla. Un accostamento che sarebbe durato per centinaia di anni, fino al ventesimo secolo.

[Nel testo originale latino: «NURSIA, sita ad lacum. Hic multae sunt fabulae de Sibylla, in antro recondita. Virgilius eam frigidam civitatem vocat, propter montium circumjectorum (qui nivibus perpetuo occupantur frigusque ingens propinquis locis conciliant) altitudinem.»]



























27 Jun 2017
Vincenzo Luchino: the earliest map of the Marche province (with Mount Sibyl)
The antecedent to all sixteenth-century maps published in the Flanders (Ortelius, De Jode) and showing the position of Mount Sibyl is the rare map issued in 1564 by Vincenzo Luchino, a bookseller who had set up his shop in Rome and edited a number of maps for the local market (in the so-called “Lafrerian Style”: Antoine Lafréry was the first engraver who used to publish single maps for specifically interested clients).

According to scholars, Luchino's map was well known to Oertelius who elaborated on it and published his own map of the “Marcha Anconae olim Picenum” in the 1573 edition of the “Theatrum Orbis terrarum”, based on the work by Luchino.

In the map, the “M. de la Sibilla” is clearly visible, in the vicinity of “Arquato”, “M.S. Maria in Galio”, “M. Monico” and the hamlet of “Cainuraza” (not easily identified in modern maps; the place is also present in Ortelius' cartography).

You can download a higher-resolution version of Luchino's map from here.
Vincenzo Luchino: la più antica mappa delle Marche (con Sibilla)
L'antesignana di tutte le mappe cinquecentesche pubblicate nelle Fiandre (Ortelius, De Jode), nelle quali è marcata la posizione del Monte Sibilla, è la rara cartografia predisposta da Vincenzo Luchino, un libraio romano che pubblicò varie mappe per il mercato locale (secondo lo stile delle cosiddette "Raccolte Lefreriane": Antoine Lafréry fu il primo incisore a pubblicare mappe sciolte sulla base degli interessi di specifici clienti).

Secondo gli studiosi, la mappa era ben nota a Ortelius, il quale in seguito pubblicò la propria mappa della "Marcha Anconae olim Picenum" nell'edizione del 1573 del “Theatrum Orbis Terrarum”, basandosi proprio sull'opera di Luchino.

Nella mappa, il "M. de la Sibilla" è chiaramente indicato, nelle vicinanze di "Arquato", "M.S. Maria in Galio", "M. Monico" e del villaggio di "Cainuraza" (di non facile identificazione nelle mappe moderne; il toponimo è presente anche nella cartografia di Ortelius).

È possibile visualizzare una versione a più elevata risoluzione della mappa di Luchino qui.








































23 Jun 2017
Who told the great geographer Ortelius of the Apennine Sibyl? A new line of investigation
In 1570, Abraham Ortelius published his “Theatrum Orbis Terrarum”, a collection of maps that is considered to be the forerunner of all world atlases. Ortelius dedicated much space to Mount Sibyl and its legendary tale. But who provided the illustrious Flemish geographer with so detailed a description of a legend pertaining to a remote Italian region?

Acting as contemporary detectives, let's try to probe into facts so as to provide an answer to this thrilling question.

First, let's consider Ortelius' map, showing the exact position of Mount Sibyl.

Ortelius did not create his maps all by himself, he had local contributors established in all European countries. In particular, according to researchers, the “Marcha Anconae olim Picenum” map designed by Ortelius was taken by an earlier map made by Vincenzo Luchino, a map publisher based in Rome (a letter dated 1572 esists in which a Roman librarian, Giovanni Orlandi, recommended Luchino's map to the attention of Ortelius). “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” will soon release this map in a high resolution version.

And now, the caption to Ortelius' map, which narrates the Sibyl's tale in detail.

As reported by Giorgio Mangani (a well-informed contemporary researcher), the info included by Ortelius in his maps was «mostly provided by extemporary local correspondents, enlisted from a milieu of men of letters, aristocrats and sometimes even people from military ranks, not always able to collect the geographical elements they were asked for with a reliable methodology; they were rarely men of science, more frequently they used to be engaged in different areas of studies».

A list of Ortelius' correspondents is presented in the initial sections of the “Theatrum”, including a biography of Ortelius written by Francis Sweert, an intimate of the illustrious scientist. Sweert says that Ortelius had many friends of great promincence and learning, «amicos coluit magni et nominis et eruditionis viros». The biographer continues by mentioning the names of the fellow-scholars residing in various European countries of that time. As for Italy, the list includes «Fulvium Ursinum, Franciscum Superantium & Ioannes Sambucum» (see figure).

Domenico Francesco Superantio was a geographer who lived and worked in Italy's Veneto province. Ioannes Sambucus - whose real name was János Zsámboky - was a Slovak historian who lived and studied in Italy. Actually it seems they have nothing to do with the Apennine Sibyl and its legend.

So the possible source for Ortelius' information on the Apennine Sibyl was perhaps Flavio Orsini. There are actually two of them, bearing the same name and active in the second half of the sixteenth century: the first was a most illustrious historian, archeologist, and one of the greatest collectors of antiquities of his time; the second was the bishop of Spoletium (and also of Norcia) from 1563 to 1581.

Both of them could have written the famous caption on the Apennine Sibyl published by Ortelius: for sure they both knew everything about the legend. Further research will be needed to ascertain who told Ortelius of Mount Sibyl, irrevocably consigning this thrilling fairy tale to the wider European lore.
Chi fu a raccontare al grande geografo Ortelius la leggenda della Sibilla? Una nuova linea di ricerca
Nel 1570, Abraham Ortelius pubblicò il suo "Theatrum Orbis Terrarum", un compendio di carte geografiche che costituisce l'antesignano di tutti i moderni atlanti. Ortelius dedicò un notevolissimo spazio al Monte Sibilla e alla sua leggenda. Ma chi fu a fornire all'illustre geografo fiammingo tutte quelle dettagliate informazioni relative ad una leggenda italiana così remota?

Come moderni investigatori, proveremo ad analizzare i fatti a noi noti per tentare di reperire una risposta a questa interessante domanda.

In primo luogo, consideriamo la mappa di Ortelius, la quale mostra con precisione la posizione del Monte Sibilla.

Ortelius non creava le proprie mappe in solitudine, egli si avvaleva di contributori locali che risiedevano in vari Paesi d'Europa. In particolare, secondo i moderni ricercatori, la mappa disegnata da Ortelius e denominata “Marcha Anconae olim Picenum” fu tratta da una precedente cartografia realizzata da Vincenzo Luchino, un editore di mappe operante in Roma (esiste una lettera datata 1572 nella quale un libraio romano, Giovanni Orlandi, raccomanda all'attenzione di Ortelius proprio la mappa di Luchino). "The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend" pubblicherà presto anche questa mappa in versione ad alta risoluzione.

In secondo luogo, consideriamo la didascalia che Ortelius ha affiancato alla mappa, contenente il racconto dettagliato della leggenda della Sibilla.

Come rilevato da Giorgio Mangani (un ricercatore contemporaneo di grande esperienza), i dati inclusi da Ortelius nelle proprie mappe erano «prevalentemente fornite da corrispondenze locali un po’ improvvisate, reclutate in un ambiente di letterati, aristocratici e a volte militari, piuttosto raramente capaci di raccogliere gli elementi geografici loro richiesti con una certa sistematicità; solo raramente di scienziati, ma comunque impegnati in ricerche diverse da quelle territoriali».

Una lista dei corrispondenti di Ortelius è presentata nelle sezioni iniziali del "Theatrum", all'interno della biografia di Ortelius redatta da Francis Sweert, stretto collaboratore dell'illustre scienziato. Sweert ci racconta di come Ortelius intrattenesse relazioni con personaggi di grande fama ed erudizione, «amicos coluit magni et nominis et eruditionis viros». Il biografo continua elencando i nomi dei colleghi eruditi residenti nelle varie regioni d'Europa dell'epoca. Per quanto riguarda l'Italia, la lista comprende «Fulvium Ursinum, Franciscum Superantium & Ioannes Sambucum» (vedere figura).

Domenico Francesco Superantio era un cartografo originario del Veneto. Ioannes Sambucus - il cui vero nome era János Zsámboky - era uno storico della Slovacchia che aveva vissuto e lavorato in Italia. Nessuno dei due sembrerebbe avere nulla a che fare con la Sibilla Appenninica e la sua leggenda.

Così, la possibile fonte delle informazioni pervenute ad Ortelius in merito alla Sibilla potrebbe essere costituita da Flavio Orsini. In effetti, sono noti due Orsini con questo nome, attivi nella seconda metà del sedicesimo secolo: il primo fu un noto storico e archeologo, nonché uno dei più grandi collezionisti di antichità del suo tempo; il secondo fu vescovo di Spoleto (e dunque anche di Norcia) dal 1563 al 1581.

Ognuno dei due avrebbe potuto suggerire la famosa didascalia sulla Sibilla Appenninica per Ortelius: sicuramente, entrambi conoscevano tutto di quella leggenda. Nuove e più approfondite ricerche saranno necessarie per accertare chi raccontò all'Ortelius del Monte Sibilla, consegnando irrevocabilmente questa emozionante leggenda al più ampio scenario delle grandi tradizioni europee.
















18 Jun 2017
Abraham Ortelius, the great geographer bewitched by Mount Sibyl
When Abraham Ortelius published his “Theatrum Orbis Terrarum” in 1570, he set a milestone in scientific geography, with the issue of the first modern atlas ever.

Mount Sibyl was there, its position being clearly marked in the map of the “Marcha Anconae” once known as “Picenum”, as we presented in a previous post.

And that was not all. To highlight the utter importance of the mysterious Italian mountain, Ortelius included a detailed caption, showing how his mind had been seized and striken by our amazing legend. The following is the English translation of his text (also see figure):

«In this place, looming over the mentioned territory, where the Apennine Mountain Range exceeds itself with the most elevated peaks, that ghastly Cavern is found whose name is Sibyl's (people calls it the “Sibyl's Cave”) and the Elysium is supposed to be there. The populace also likes to believe that in this Cave of the Sibyl a large kingdom exists, full of magnificent, kingly palaces and enchanting gardens, and sensual maidens and every kind of delightful pleasures in great abundance. And all these things would be available to those who dare to get into that cavern (whose entranceway is visible to all). According to what is reported, after a full year of stay the visitors are free to leave the cave (if they wish so) and are so blessed by the Sibyl that when they come back to the outside world they live the remaining time of their life in utter blissfulness.»

[in the original Latin text: «Apenninus mons hoc loco, ubi huic regioni imminent, editissimis iugis se ipsam superat, in quibus Antrum illud horribile est quod Sibyllae cognominant (Grotta de la Sibylla vulgo) atque Campos Elysios fingunt. Vulgus enim in hoc Antro Sibyllam quandam somniat, quae hic regnum amplum magnificis Regiisque palatiis plenum, hortis amoenissimis confitum, lascivientibusque puellis, et omnis generis deliciarum copia abundantem possideat. Atque haec omnia comunicari cum iis qui eam per hoc antru (quod omnibus pateat) adeunt. Postquam vero per annum in eo permanserint, liberam egrediendi facultatem (si velint) eis a Sibylla largiri praedicat, atque ex eo ad nos reversis, felicissimo deinceps toto vitae tempore uti asserit.»]

How could the Flemish geographer Ortelius know about the Sibyl? Who told him of Mount Sibyl and its incredibly fascinating legend, so that he could include such a detailed description in his “Theatrum Orbis Terrarum”?

“The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” is proud to provide another significant contribution to the research on the Sibyl's legend by publishing - for the first time ever - the name of the person who knew both the Sibyl's legend and Ortelius: the man who explained to the northern-European cartographer the secrets of the Apennine Sibyl.

[to be continued]
Abraham Ortelius, il grande geografo stregato dal Monte Sibilla
Quando Abraham Ortelius diede alle stampe il suo "Theatrum Orbis Terrarum" nel 1570, egli segnò una pietra miliare nel campo delle scienze geografiche, con la pubblicazione del primo moderno atlante della storia.

Il Monte Sibilla era lì, la sua posizione marcata con precisione all'interno della mappa della “Marcha Anconae” un tempo nota come “Picenum”, come abbiamo già avuto occasione di illustrare in un precedente post.

E questo non era tutto. Per rendere ancor più evidente la grandissima importanza della misteriosa montagna italiana, Ortelius inserì anche una dettagliata didascalia, la quale testimonia di come la sua fantasia fosse stata colpita e catturata dalla nostra affascinante leggenda. Quella che segue è la traduzione italiana delle sue parole (vedere anche la figura):

«In questo luogo, che incombe sui territori nominati, e dove la Catena degli Appennini supera se stessa con i picchi più elevati, si trova quell'Antro orribile intitolato alla Sibilla (chiamata dal volgo "Grotta della Sibilla"), dove si crede che si trovino i Campi Elisi. Al popolino infatti piace credere che in questa Grotta della Sibilla esista un grande regno, pieno di magnifici palazzi regali e incantevoli giardini, e sensuali fanciulle e ogni genere di delizie in grandissima copia. E tutte queste cose sarebbero alla portata di coloro che osassero penetrare in quella caverna (il cui ingresso è a tutti visibile). Secondo quanto si racconta, dopo un intero anno di permanenza i visitatori sono liberi di uscire dalla grotta (se così desiderano) e sono così munificati dalla Sibilla che, quando essi ritornano nel nostro mondo, trascorrono il resto della loro vita nella felicità più perfetta.»

[nel testo originale latino: «Apenninus mons hoc loco, ubi huic regioni imminent, editissimis iugis se ipsam superat, in quibus Antrum illud horribile est quod Sibyllae cognominant (Grotta de la Sibylla vulgo) atque Campos Elysios fingunt. Vulgus enim in hoc Antro Sibyllam quandam somniat, quae hic regnum amplum magnificis Regiisque palatiis plenum, hortis amoenissimis confitum, lascivientibusque puellis, et omnis generis deliciarum copia abundantem possideat. Atque haec omnia comunicari cum iis qui eam per hoc antru (quod omnibus pateat) adeunt. Postquam vero per annum in eo permanserint, liberam egrediendi facultatem (si velint) eis a Sibylla largiri praedicat, atque ex eo ad nos reversis, felicissimo deinceps toto vitae tempore uti asserit.»]

Ma come fu possibile per il geografo fiammingo Ortelius venire a conoscenza della Sibilla? Chi fu a raccontargli del Monte Sibilla e della sua incredibile leggenda, tanto da permettergli di inserire, nel suo “Theatrum Orbis Terrarum”, una descrizione così dettagliata?

“The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” è orgoglioso di fornire un ulteriore significativo contributo alla ricerca sulla leggenda della Sibilla, pubblicando oggi - per la prima volta - il nome del personaggio che ben conosceva sia la leggenda sibillina che lo stesso Ortelius: l'uomo che illustrò al cartografo nordeuropeo i segreti della Sibilla Appennica.

[continua]

















16 Jun 2017
From the Apennine to Flanders to the UK: the amazing journey of the Sibyl
In a previous post, we found that in 1586 the fame of the Apennine Sibyl had reached the British Islands, as attested in a quote from William Camden, the great sixteenth-century historian. But how Camden had come to know about the existence of an Apennine Sibyl in far-away Italy?

The answer - never published by anybody before - is clear to us: the legend travelled through Flanders.

Why? Because it is definitely known to scholars that William Camden wrote his work "Britannia" under the influence of Abraham Ortelius from Antwerp, the famous Flemish cartographer, and the author of the greatest geographical work of his age, the "Theatrum Orbis Terrarum".

Ortelius had a number of correspondents in various countries to help him in the design of country maps: as to the British Islands, he had established very close links precisely with William Camden. Letters used to come and go between the two on such learned matters as the antique names of Roman Britain and other scholarly topics.

No doubt it was Ortelius who first told Camden about the Apennine Sibyl: Ortelius, the man who purposedly marked the position of Mount Sibyl in his world-famous "Theatrum Orbis Terrarum", within the map of "Marcha Anconae olim Picenum" (see figure), and was so utterly fascinated by the story of the Apennine Sibyl as to accompany the map with a very long caption. Half of which was fully dedicated to the wondrous legend of the Sibyl of the Apennines.
Dall'Appennino alle Fiandre fino al Regno Unito: il fantastico viaggio della Sibilla
In un precedente post, abbiamo trovato come nel 1586 la fama della Sibilla Appenninica avesse raggiunto anche le Isole Britanniche, come testimoniato da una citazione tratta da William Camden, il grande storico inglese del sedicesimo secolo. Ma come è potuto accadere che Camden sia potuto venire a conoscenza dell'esistenza di una Sibilla Appenninica nella lontana Italia?

La risposta - mai pubblicata in precedenza da nessuno - è chiarissima ai nostri occhi: la leggenda ha viaggiato attraverso le Fiandre.

Perché? Perché è ben noto tra gli studiosi il fatto incontestabile che William Camden abbia scritto la propria opera "Britannia" sotto la profonda influenza di Abraham Ortelius di Anversa, il famoso cartografo fiammingo, nonché autore della più grande opera cartografica del proprio secolo, il "Theatrum Orbis Terrarum".

Ortelius disponeva di vari corrispondenti situati in diversi Paesi, i quali collaboravano con lui nella realizzazione delle differenti mappe geografiche nazionali: per quanto riguardava le Isole Britanniche, egli aveva stabilito una relazione molto stretta proprio con William Camden. Esisteva infatti tra i due studiosi un fitto scambio epistolare, nel quale venivano affrontati temi dottissimi quali gli antichi toponimi della Britannia Romana e altri argomenti di elevata erudizione.

Non ci può essere alcun dubbio: fu proprio Ortelius a narrare a Camden della Sibilla Appenninica. Ortelius, l'uomo che aveva deliberatamente marcato la posizione del Monte Sibilla nel suo illustre "Theatrum Orbis Terrarum", all'interno della mappa della "Marcha Anconae olim Picenum" (vedi figura), e che era così totalmente affascinato dal racconto della Sibilla Appenninica da corredare la mappa con una lunghissima didascalìa. Metà della quale era interamente dedicata alla fantastica leggenda della Sibilla degli Appennini.







































11 Jun 2017
“The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” discovers a previously unknown quote of the Sibyl's legend from Great Britain
Not many people know that the fame of the Apennine Sibyl has travelled, in past centuries, as far as the British Islands. Actually no scholar has ever highlighted this fact. “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” is proud to present today this unprecedented mark left by our unique Italian legend in a northern-European country: the Great Britain.

In 1586, the great British historian William Camden published his masterwork “Britannia”, a fundamental geographical description of the British Islands. In describing one of the few caverns existing in his homeland, near the town of Wells (the “Ochie-Hole”, known in our present days as the “Wookey Hole Caves”), he wrote the following words:

«In these Hills is a Cave of a vast length, wherein are Wells and Rivulets; they call it 'Ochie-hole'; of which the Inhabitants hereabouts have related as many idle Stories, as the Italians have of their Sibyl's Cave in the Apennine Mountains».

This is a major testimony to the far-reaching might of the Italian Sibyl's legend, and a brand new clue to the enthralling puzzle game we are playing to retrace the origin and development of the Apennine Sibyl's mithycal story.
"Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda" scopre una citazione in precedenza ignota proveniente dalla Gran Bretagna e relativa alla leggenda della Sibilla
Non molti studiosi sono al corrente del fatto che la fama della Sibilla Appenninica ha raggiunto, negli scorsi secoli, anche le lontane Isole Britanniche. "Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda" è orgogliosa oggi di presentare questa traccia, in precedenza sconosciuta, lasciata dalla nostra peculiare leggenda italiana in una landa nordeuropea: la Gran Bretagna.

Nel 1586, il grande storico inglese William Camden pubblicò la propria opera fondamentale "Britannia", una monumentale descrizione degli aspetti geografici delle Isole Britanniche. Nel descrivere una delle poche caverne esistenti nel proprio Paese d'origine, una cavità posta vicino alla città di Wells ("Ochie-Hole", oggi conosciuta come le "Wookey Hole Caves"), egli scrisse le seguenti parole:

«Tra queste Colline si trova una Grotta di estesa lunghezza, nella quale vi sono Pozzi e Acque scorrenti; essa è chiamata 'Ochie-hole'; a proposito della quale gli Abitanti delle zone limitrofe hanno raccontato molte storie fantasiose, tante quante gli Italiani ne hanno raccontate della loro Grotta della Sibilla posta tra le Montagne dell'Appennino».

[nel testo originale inglese: «In these Hills is a Cave of a vast length, wherein are Wells and Rivulets; they call it 'Ochie-hole'; of which the Inhabitants hereabouts have related as many idle Stories, as the Italians have of their Sibyl's Cave in the Apennine Mountains»]

Si tratta di un'importantissima testimonianza della potente capacità di espansione della leggenda italiana della Sibilla: un nuovo straordinario elemento appartenente a quel rompicapo affascinante che stiamo a mano a mano costruendo per scoprire l'origine e lo sviluppo della storia meravigliosa della Sibilla Appenninica.






















22 Apr 2017
Another astounding finding by Italian writer Michele Sanvico: unveiled the identity of the author of a sixteenth-century map of Mount Sibyl
Italian writer Michele Sanvico announces today an extraordinary, most remarkable finding concerning a famous sixteenth-century map depicting Norcia, Mount Sibyl and the Lakes of Pilatus, currently preserved at the Vatican Apostolic Library in Rome.

Following Sanvico's previous research success which established an unprecedented link between the map and the ancient enigma of the “Stone of Bologna”, now the Italian novelist and expert in the Apennine Sibyl's legend and lore is proud to make known publicly the name of the person who, in 1566, sketched in his collector's book of ancient Latin inscriptions the diagram of the Sibillini Range area, including the locations of the Sibyl's legend.

The previously unknown draftsman is Baldo Angelo Abbati from Gubbio (Italy), an illustrious physician and naturalist who lived in the sixteenth century.

The astounding finding is the outcome of a thorough analysis carried out by Michele Sanvico on the Vatican codex registered under the code “Vat Lat 5241”, including nearly eight hundred manuscripted pages, and featuring the mentioned map of the Sibillini area and a unique version of the inscription from the so-called “Stone of Bologna”.

«I really had the chance to conduct a thrilling search as if I were in an Indiana Jones' movie», said Michele Sanvico, «when you browse through the pages of ancient manuscripts you never know what you may stumble upon». The identity of the owner of the codex had been enshrouded in mystery ever since the discovery of the manuscript collection, in mid 1980s; and yet, according to Sanvico, the key to the riddle was hidden within the very pages of the codex.

«I went through hundreds of pages of manuscripted Latin inscriptions», added Mr. Sanvico, «I perused with careful attention every single mark left on the paper by that unknown hand... and finally I got it!». The answer was contained in pages 260v-261r, in which a handwritten letter stood out among the endless series of inscriptions. «It was an ancient letter written in Italian, possibly dated 11th February 1569, addressed to some illustrious person. And it was signed: 'Deditissimo [most faithful] Baldo Agnolo Abbati da Ugobbio'» (see figure). No doubt: the handwriting which is visible in the map of Mount Sibyl was exactly the same.

This outstanding finding opens a new promising research line that needs further study. Bagno Agnolo Abbati is known for being the author of an important antique book on venomous snakes, 'De admirabili viperae natura et de mirificis ejusdem facultatibus liber', first published in 1589 in Urbino (Italy) and other scholarly works dedicated to classical authors. His interest in the Apennine Sibyl's topic will require a specific investigation, both literary and historical.

«As the author of 'The Eleventh Sibyl', a novel on the Sibyl of the Apennines and her mystery, I am very happy to have succeeded in providing further contributions and an additional insight into this exciting enigma», said Michele Sanvico, «now I hope that professional researchers may go ahead into the new track I have opened».
Un'altra straordinaria scoperta dallo scrittore Michele Sanvico: svelata l'identità dell'autore di una mappa cinquecentesca raffigurante il Monte Sibilla
Lo scrittore Michele Sanvico ha annunciato oggi un'altra entusiasmante scoperta, di grande rilevanza, relativa ad una nota mappa del sedicesimo secolo nella quale sono rappresentati Norcia, il Monte Sibilla e i Laghi di Pilato, oggi custodita presso la Biblioteca Apostolica Vaticana a Roma.

A valle di un precedente ed interessantissimo risultato di ricerca, con il quale è stata stabilita una inedita correlazione tra la mappa e l'antico enigma della "Pietra di Bologna", ora lo scrittore appassionato della leggenda della Sibilla Appenninica è lieto di rendere pubblicamente noto il nome della persona che, nel 1566, disegnò di mano propria, nella propria collezione di antiche iscrizioni latine, il diagramma della regione dei Monti Sibillini, che include i luoghi della leggenda sibillina.

L'anonimo disegnatore ha oggi un nome: Baldo Angelo Abbati da Gubbio, illustre medico e naturalista vissuto nel sedicesimo secolo.

L'incredibile scoperta è il frutto di una dettagliata analisi condotta da Michele Sanvico sul codice vaticano registrato sotto la collocazione "Vat Lat 5241", comprendente circa ottocento pagine manoscritte, e che include al proprio interno anche la citata mappa dei Sibillini e una peculiarissima versione dell'iscrizione nota come "Pietra di Bologna".

«Ho avuto la possibilità di effettuare una ricerca veramente emozionante, proprio come in un film di Indiana Jones», ha dichiarato Michele Sanvico, «quando si sfogliano le pagine di un antico manoscritto non si può mai sapere cosa si possa rinvenire». L'identità del proprietario del codex è rimasta avvolta nel mistero sin dal momento della scoperta della collezione di manoscritti, a metà degli anni 1980; eppure, secondo Sanvico, la chiave dell'enigma era nascosta proprio tra le pagine dell'antico codice.

«Ho verificato centinaia e centinaia di pagine contenenti le copie manoscritte di antiche iscrizioni latine», ha aggiunto Michele Sanvico, «ho osservato con attenzione ogni singolo segno lasciato su quelle pagine da una mano fino a quel momento sconosciuta... e finalmente ho fatto centro!». La risposta era infatti contenuta alle pagine 260v-261r, nelle quali una lettera manoscritta campeggiava all'interno della serie infinita di iscrizioni. «Si trattava di un'antica missiva redatta in lingua italiana, apparentemente datata 11 febbraio 1569 e indirizzata a qualche personaggio di rango. Ed era sottoscritta: 'Deditissimo Baldo Agnolo Abbati da Ugobbio' (vedere figura). Non c'era dubbio: la mano che aveva scritto quelle parole era la stessa che aveva vergato alcune frasi sulla mappa raffigurante il Monte Sibilla.

Questo eccezionale ritrovamento apre le porte ad una nuova, promettente linea di ricerca per la quale saranno necessari ulteriori approfondimenti. Baldo Angelo Abbati è noto per essere l'autore di un importante libro antico sul tema dei serpenti velenosi, 'De admirabili viperae natura et de mirificis ejusdem facultatibus liber', pubblicato nel 1589 a Urbino, nonché di altre opere erudite dedicate agli autori classici. Il suo peculiare interesse verso i temi della Sibilla Appenninica richiederà una ricerca specifica e dettagliata, dal punto di vista sia letterario che storico.

«Come autore del romanzo 'L'Undicesima Sibilla', dedicato alla Sibilla degli Appennini e al suo mistero, sono veramente felice di essere riuscito a fornire un contributo importante in merito a questo appassionante enigma», ha dichiarato Michele Sanvico, «ora spero che la ricerca storica ufficiale possa percorrere fino in fondo la nuova strada da me aperta».
































5 Apr 2017
The Apennine Sibyl and the “Stone of Bologna”: a link between two antique enigmas? (Part III - The Sibyl's epigraph)
Following five centuries of studies and conjectures on two most celebrated Italian mysteries - the Apennine Sibyl and the inscription present on the “Stone of Bologna” - now for the first time ever we can establish a potential connection between them, urged by an extraordinary finding: their close proximity within the sixteenth-century vatican manuscript “Vat Lat 5241”.

If we try to follow the clue provided by the manuscript, what may we suppose this enigmatic text to be?

In antiquity, there was certainly a time when the Sibyl's cave was famous and attended by visitors, possibly as a safe sanctuary selected by worshippers of the Cumaean or Tiburtine Sibyl (hints to these illustrious lineages are present in the romance “Guerrino the Wretch” and in the legends about the Tiburtine oracle), confronting with the harsh hostility manifested by the new Early Christian environment against the classical gods and myths.

If the “Bologna” text (in the version reported by “Vat Lat 5241”) is really linked to the Apennine Sibyl and her cave, it might have been carved on a slate positioned at the entrance of the oracular cavern, welcoming the visitors in search of prophetical responses (see an artist's impression below in the picture).

The above conjecture is not totally deprived of rationale. We know that at Delphi, in ancient Greece, similar inscriptions were present in the Temple of Apollo where the Pythia vaticinated, as reported by many classical authors. In addition to that, there are reports about the excavations carried out on the Sibyl's mountain-top in 1953, when a fragment of an inscribed stone was found bearing on it “carved letters that looked like they were sculpted in Greek”.

Much work will have to be done on the subject; however, a new promising research field is now open on both the Apennine Sibyl's myth and the arcane words that occupied the minds of scores of scholars for centuries. The wording from the manuscript will have to be carefully scrutinized to confirm or discard our thrilling conjecture. For instance, professional research activity will be needed to identify that “Iacobus Culcellini” from whose books (“ex libris”) the unnamed author of the manuscript says he has drawn the enigmatic text, as written on top of the manuscripted sheet. So, the quest has just started; and we are sure that if all threads are investigated thoroughly and unswervingly, researchers might be able to find new exciting results, maybe giving eventually a name to the unknown collector and owner of manuscript “Vat Lat 5241” and possibly establishing once and for all the real meaning of the words carved on the “Stone of Bologna”.

For centuries, scholars have explained their arcane meaning with multifarious answers such as Niobe, the running water, love, the eternal soul, the matter, the philosopher's stone, the whole world. But the real answer was - possibly - much nearer than all that.

It was on the top of Mount Sibyl.
La Sibilla Appenninica e la “Pietra di Bologna”: esiste un legame tra due antichi misteri? (Parte III - L'epigrafe della Sibilla)
Dopo cinque secoli di studi e congetture dedicati a due dei più famosi misteri d'Italia - la Sibilla Appenninica e l'iscrizione presente sulla "Pietra di Bologna" - oggi possiamo stabilire, per la prima volta, un possibile collegamento tra i due enigmi, sospinti da una scoperta straordinaria: la loro stretta vicinanza all'interno di un manoscritto del sedicesimo secolo conservato in Vaticano, il "Vat Lat 5241".

Provando a seguire l'indizio fornitoci dal manoscritto, quale ipotesi può essere proposta in merito al testo enigmatico della "Pietra di Bologna"?

Nell'antichità, c'è stato certamente un tempo in cui la grotta della Sibilla era estremamente famosa e molto frequentata, forse in qualità di rifugio sicuro prescelto dai seguaci della Sibilla Cumana o Tiburtina (indizi di tali illustri ascendenze sono reperibili nel romanzo "Gurrin Meschino" e nelle leggende che riguardano l'oracolo tiburtino), i quali si trovavano a subire l'acre ostilità che li circondava nel nuovo contesto cristiano.

Se il testo della "Pietra di Bologna" (nella versione tramandataci dal "Vat Lat 5241") è realmente collegato alla Sibilla Appenninica e alla sua grotta, esso potrebbe essere stato inciso su di una lastra di pietra posizionata all'ingresso della caverna oracolare, costituendo così una sorta di benvenuto ai visitatori in cerca di responsi profetici (cfr. l'immagine illustrativa proposta in figura).

Questa congettura non è totalmente priva di basi. Sappiamo infatti che a Delfi, nell'antica Grecia, iscrizioni simili erano presenti all'interno del Tempio di Apollo, nel quale la Pizia emetteva i propri vaticini, così come attestato in numerosi autori classici. Oltre a ciò, esistono testimonianze che riguardano gli scavi effettuati sulla cima della Sibilla nel 1953, quando venne portato alla luce un frammento di pietra scolpita recante "lettere incise che parevano essere scritte in greco".

Sarà necessario molto lavoro per analizzare approfonditamente questi temi; in ogni caso, è stata oggi aperta una nuova e promettente direzione di ricerca, in relazione sia al mito della Sibilla Appenninica che alle misteriose parole che hanno occupato le menti di nutrite schiere di studiosi per molti secoli. Le frasi riportate nel manoscritto dovranno essere esaminate accuratamente al fine di potere confermare o smentire la nostra emozionante ipotesi. Ad esempio, sarà necessario un dettagliato approfondimento di ricerca per identificare chi sia "Iacobus Culcellini", dai cui libri ("ex libris") è stato tratto il testo enigmatico, così come affermato dall'ignoto autore del manoscritto con una nota apposta sulla parte superiore del foglio. Dunque, la ricerca è appena cominciata; e siamo sicuri che, investigando tutti gli indizi disponibili in modo completo e approfondito, gli studiosi saranno in grado di pervenire a nuovi e affascinanti risultati, riuscendo magari a dare anche un nome allo sconosciuto proprietario del manoscritto "Vat Lat 5241", collezionista di antiche iscrizioni, stabilendo forse una volta per tutte in reale significato delle parole scolpite sulla superficie della "Pietra di Bologna".

Per centinaia di anni, letterati e studiosi hanno tentato di dare una spiegazione a quelle arcane parole, proponendo risposte variegate e multiformi: Niobe, l'acqua corrente, l'amore, l'anima eterna, la materia, la pietra filosofale, l'intero cosmo. Ma la vera risposta - forse - si trovava molto più vicina a loro.

Era sulla cima del Monte Sibilla.




















3 Apr 2017
The Apennine Sibyl and the “Stone of Bologna”: a link between two antique enigmas? (Part II - An extraordinary finding)
With this post, “The Apennine Sibyl - A mystery and a legend” is proud to be the first in the world to publish an extraordinary original finding, which may provide fresh, unprecedented clues to the historical research in the Apennine Sibyl's legend and lore.

In my previous post we have confronted the sixteenth-century enigma of the “Stone of Bologna” and the sinister inscription engraved on that slate. Apparently, the Apennine Sibyl has absolutely nothing to do with it. Throughout five centuries, no scholar has ever established any connections between the two topics.

Yet the vatican codex “Vat Lat 5241”, dating to 1566, has a different story to tell.

In the initial sheets of the codex, scholars found the amazing diagram depicting the Sibyl's legend and the Sibillini Range (we have seen it in a number of preceding posts, published in high-resolution format for the first time ever). Then you turn a page (a blank one) in the codex, then turn a second page and... a manuscripted version of the “Stone of Bologna” inscription makes its totally unexpected appearance!

The Sibyl's legend and the Stone of Bologna in a same codex! The codex is full of hundreds and hundreds of pages bearing ancient Latin inscriptions: but the two eerie enigmas are both present, and they rest together in close proximity, one after the other, only one page apart!

The most remarkable aspect is that the “Bologna” text as reported in the vatican manuscript (see image) is NOT the same as contained in the most famous Stone of Bologna:

“Aelia Lelia Crispis neq. vir neq. foemina neq. androgyna
Neq. iuvenis neq. anus
Neq. casta neq. meretrix sed omnia
Neq. caelo, neq. terris, neq. aquis, sed ubiq. iacet
Sublata neq. ferro, neq. fame, neq. veneno, sed omnibus
Lelia Crispis [alias in cavo acuto] neq. vir, neq. amator, neq. flens, neq. ridens
Scit nescit cui posuerit
Hoc est sepulchrum cadaver intus no habens
Hoc est cadaver sepulchrum extra no habens
sed idem est cadaver et sepulchru sibi.”

The lines are slightly different from the well-known Bologna's version; some lines are missing; and there are also additional lines. As a matter of fact, the text is identical to the MOST ANCIENT SPECIMEN of the enigmatic riddle, published in 1548 in Venezia by Michelangelo Mari, up to now the only known instance. Thus “Vat Lat 5241” reports the oldest version available of the enigma, the one possibly more akin to the ORIGINAL VERSION OF THE INSCRIPTION.

In the vatican manuscript, there is no mention of a husband “Lucius Agatho Priscius”: the whole Vatican manuscripted version is about the sole “Aelia Lelia Crispis”, who is “neither man, nor woman, nor androgynus”.

Who is “Aelia Lelia Crispis”? Why the sixteenth-century anonymous collector of Roman inscriptions included the enigmatic text about this eerie being just a single page away from the map of the Apennine Sibyl's locations?

“Aelia Lelia Crispis” is “neither young, nor old” but both, like a being who lives an eternal, never-ending life. “Aelia Lelia Crispis” is “neither chaste, nor prostitute” but both, like one who presides over sacred, orgiastic rituals. Her abode is not “in heaven, water or ground”, because she is “everywhere” as a deity of nature. She was “sublata” (concealed) from the world, because of a threat of pursuit and persecution, like a pagan priestess when a new Christian era began to rule the classical world. “Lelia Crispis” is indicated as living “in cavo acuto”, in a hollow placed on a high, narrow peak. She “knows and yet doesn't know” to whom she will offer her replies, like it happens when an oracular response is given to visitors. Her abode of rock is “no grave”, and there is “no corpse” in it, yet she is confined forever in her hidden burial.

Could it be imagined that “Aelia Lelia Crispis” may refer to the Apennine Sibyl, prophetess and oracle of Cybele, living in a hidden cave on a high mountain and rendering propecies to believers?

As assumed in a 1838 work by an Italian scholar (Pietro Luigi Cocchi), could the meaning of the words “Aelia Lelia Crispis” be translated from Ancient Greek words eileos (den, hole) or eilar (shelter, defence), lailps (storm), krypto (buried, concealed) as “hidden cavern in the storms”? Could it refer to the Sibyl's cave on Mount Sibyl? Could the whole riddle refer to the Apennine Sibyl?

The universally-known inscription reported in the “Stone of Bologna” has undergone changes and modifications across the centuries. The original version is possibly the one contained in the vatican manuscript “Vat Lat 5241”, dating to 1566, also found in an ancient book published in 1548. The ancient text is about a single being or place, “Aelia Lelia Crispis”.

The unknown author of the vatican manuscript put the riddle just a page away from the Sibyl's diagram. Did he know something that we don't know? Did he think that the two enigmas were closely linked? Was he possibly aware of the fact that the two mysteries were just one?

A new exciting, unprecedented question follows: does the whole riddle in the original version of the “Stone of Bologna” refer to the Apennine Sibyl?
La Sibilla Appenninica e la “Pietra di Bologna”: esiste un legame tra due antichi misteri? (Parte II - Una scoperta straordinaria)
Con questo post il sito "Sibilla Appenninica - Il mistero e la leggenda" è fiero di essere il primo al mondo a pubblicare una scoperta straordinaria e originale, che può indicare nuovi ed inusitati percorsi di ricerca storica in relazione alla leggenda e alle tradizioni connesse alla Sibilla Appenninica.

Nei miei post precedenti, abbiamo descritto l'enigma della "Pietra di Bologna", risalente al sedicesimo secolo, recante una sinistra, inquietante iscrizione. In tutta apparenza, la Sibilla Appenninica nulla ha a che fare con questo particolare mistero. Nel corso di ben cinque secoli, nessuno studioso ha mai tentato di stabilire alcuna connessione tra i due argomenti.

Eppure il codice vaticano "Vat Lat 5241", rialente al 1566, ci racconta una storia differente.

Nella parte iniziale del codice, gli studiosi hanno trovato lo straordinario diagramma che illustra la leggenda della Sibilla e i Monti Sibillini (abbiamo analizzato la mappa in una serie di post precedenti, che per la prima volta nella storia rendono pubblico questo prezioso documento in un formato ad elevata risoluzione). Dopo la mappa, volgendo una pagina priva di annotazioni, e poi girando una seconda pagina del codex... ecco apparire, del tutto inaspettatamente, una versione manoscritta dell'iscrizione della "Pietra di Bologna"!

La leggenda della Sibilla e la Pietra di Bologna in uno stesso codex! Il codex contiene centinaia e centinaia di pagine raffiguranti antiche iscrizioni latine: eppure, i due sinistri enigmi sono entrambi presenti, e sono posizionati in stretta vicinanza, l'uno di seguito all'altro, separati da una sola pagina!

L'aspetto più interessante è costituito dal fatto che il testo dell'enigma così come riportato nel manoscritto vaticano (vedere immagine) NON è lo stesso scolpito nella famosissima Pietra di Bologna:

“Aelia Lelia Crispis neq. vir neq. foemina neq. androgyna
Neq. iuvenis neq. anus
Neq. casta neq. meretrix sed omnia
Neq. caelo, neq. terris, neq. aquis, sed ubiq. iacet
Sublata neq. ferro, neq. fame, neq. veneno, sed omnibus
Lelia Crispis [alias in cavo acuto] neq. vir, neq. amator, neq. flens, neq. ridens
Scit nescit cui posuerit
Hoc est sepulchrum cadaver intus no habens
Hoc est cadaver sepulchrum extra no habens
sed idem est cadaver et sepulchru sibi.”

Le righe testuali sono in parte differenti da quelle ben note della versione bolognese; alcune righe risultano mancanti; e ci sono anche righe aggiuntive. Di fatto questo testo è identico all'ESEMPLARE PIU' ANTICO dell'enigmatico indovinello, pubblicato nel 1548 a Venezia da Michelangelo Mari, fino ad oggi l'unico esempio conosciuto di questa versione. Dunque, "Vat Lat 5241" reca la più antica versione disponibile dell'enigma, quella probabilmente più simile alla VERSIONE ORIGINALE DELL'ISCRIZIONE.

Nel manoscritto vaticano, non c'è alcuna menzione di un marito "Lucio Agatho Priscio": l'intero testo manoscritto è relativo alla sola "Aelia Lelia Crispis", la quale "non è uomo, né donna, né androgina".

Chi è "Aelia Lelia Crispis"? E perché l'anonimo collezionista cinquecentesco di iscrizioni dell'antica Roma ha incluso questo testo enigmatico ad una sola pagina di distanza dalla mappa dei luoghi della Sibilla Appenninica?

"Aelia Lelia Crispis" non è "né giovane, né vecchia, ma entrambe le cose, come un'entità che viva una vita eterna e senza fine. "Aelia Lelia Crispis" non è "né casta, né meretrice", ma entrambe le cose, come un essere che sovrintenda a rituali sacri e orgiastici. La sua dimora non è "in cielo, in acqua o in terra", perché lei è "ovunque", come una divinità della natura. Ella è stata "sublata" (sottratta) al mondo, a causa di una minaccia di persecuzione e pericolo, come una sacerdotessa pagana nel momento in cui la nuova era del Cristo ha cominciato a subentrare al mondo classico. "Lelia Crispis" è indicata come dimorante "in cavo acuto", una cavità posta su un picco elevato e scosceso. Ella "conosce e non conosce" coloro ai quali offrirà i propri vaticinii, come accade quando un responso oracolare è offerto ad un visitatore. La sua dimora di pietra "non è tomba", e "non vi è cadavere" al suo interno, ma essa rimane comunque confinata nel proprio sepolcro nascosto.

È possibile ipotizzare che "Aelia Lelia Crispis" possa identificarsi con la Sibilla Appenninica, profetessa e oracolo di Cibele, la quale dimora in una caverna occultata sulla cima di un'alta montagna e rende responsi profetici ai credenti?

Come proposto in un'opera pubblicata nel 1838 da uno studioso italiano (Pietro Luigi Cocchi), è possibile che le parole "Aelia Lelia Crispis" possano essere tradotte dal greco antico con le parole eileos (tana, cavità) or eilar (rifugio, protezione), lailps (tempesta), krypto (sepolta, nascosta) e dunque con il significato di "caverna occultata nelle tempeste"? Potrebbe tutto ciò rivelarsi come un riferimento alla Grotta della Sibilla posta sulla cima dell'omonima montagna? È possibile che l'intero enigmatico indovinello possa riferirsi alla Sibilla Appenninica?

La famosissima iscrizione presente sulla "Pietra di Bologna" ha subìto cambiamenti e modifiche nel corso dei secoli. È molto probabile che la versione originale sia proprio quella contenuta nel manoscritto vaticano "Vat Lat 5241", risalente all'anno 1566: il medesimo testo già pubblicato in un antico volume del 1548. L'antico testo è relativo ad una singola entità, o a un singolo luogo: "Aelia Lelia Crispis".

Lo sconosciuto autore del manoscritto vaticano ha inserito il testo enigmatico ad una sola pagina di distanza dal diagramma relativo alla Sibilla. Conosceva forse qualcosa che noi non sappiamo? Pensava forse che i due enigmi fossero strettamente collegati? Sapeva forse che i due misteri, apparentemente così diversi, fossero in realtà uno solo?

Ecco la nuova, incredibile, straordinaria domanda che viene posta oggi alla nostra attenzione: l'enigma contenuto nella versione originale della "Pietra di Bologna" si riferisce in realtà alla Sibilla Appenninica?

























1 Apr 2017
The Apennine Sibyl and the “Stone of Bologna”: a link between two antique enigmas? (Part I)
We have been talking of the mystery of the Apennine Sibyl as depicted in a sixteenth-century vatican manuscript (Vat Lat 5241). An unsolved enigma. Nonetheless, there is another strange, eerie enigma that busied the minds of scholars, men of letters and investigators of the occult throughout the sixteenth century and beyond: the “Stone of Bologna”.

The stone is an inscribed slate now visible at the Lapidarium of Bologna's Middle-Age Town Museum (see picture). The slate once stood on a wall of the Church of St. Mary of Casaralta in Bologna.

The stone - a copy of an original one possibly sculpted before 1550 - bears an enigmatic Latin inscription, widely known and copied throughout Europe, which puzzled for centuries legions of artists and scientists, from Sir Walter Scott to Carl Gustav Jung:

                             D.M.
            AELIA LAELIA CRISPIS
NEC VIR NEC MVLIER NEC ANDROGYNA
   NEC PVELLA NEC IVVENIS NEC ANVS
NEC CASTA NEC MERETRIX NEC PVDICA
                       SED OMNIA
                          SVBLATA
NEQVE FAME NEQVE FERRO NEQVE VENENO
                     SED OMNIBVS
     NEC COELO NEC AQVIS NEC TERRIS
                 SED VBIQVE IACET
           LVCIVS AGATHO PRISCIVS
NEC MARITVS NEC AMATOR NEC NECESSARIVS
NEQVE MOERENS NEQVE GAVDENS NEQVE FLENS
                             HANC
NEC MOLEM NEC PYRAMIDEM NEC SEPVLCHRVM
                        SED OMNIA
           SCIT ET NESCIT CVI POSVERIT


The ominous text translates as follows:

"To the Chtonic Deities
Aelia Lelia Crispis
neither a man nor a woman nor a androgynus
neither a maiden, nor a young woman, nor an elderly one
neither virginal, nor prostitute, nor chaste
and yet all that
murdered
neither by hunger, nor by iron, nor by poison
and yet by all that
neither in heaven, nor in water, nor in the ground
and yet everywhere she lies
Lucius Agatho Priscius
neither husband, nor lover, nor relative
neither sad, nor rejoicing, nor weeping
this
which is neither building, nor pyramid, nor grave
and yet it's all that
he knows and knows not to whom he raised it."

These words beguiled generations of scholars (actually hundreds of them), who tried to solve the riddle with no success by conferring to Aelia Lelia Crispis all sorts of fanciful identities: Greek character Niobe, a nymph, the running water, the alchemical philosopher's stone, the entire world, and so on.

An alchemical joke? A word scramble? A magical spell? A symbolic epitaph? No one knows. In his work “Mysterium Coniunctionis”, Jung writes that “the inscription itself seems to be a fantasy sprung from that same paradoxical massa confusa of the collective unconscious”.

But what has it all to do with the Apennine Sibyl? Has it anything to do at all? Apparently, there is no link between the two enigmas.

Apparently.

For “Vat Lat 5241”, the vatican manuscript, tells us a different story.
La Sibilla Appenninica e la “Pietra di Bologna”: esiste un legame tra due antichi misteri? (Parte I)
Abbiamo parlato del mistero della Sibilla Appenninica così come rappresentato in un manoscritto vaticano del sedicesimo secolo (Vat Lat 5241): un enigma ancora irrisolto. Nondimeno, esiste anche un ulteriore, inquietante enigma che ha impegnato le menti di studiosi, letterati e investigatori dell'occulto per tutto il sedicesimo secolo e oltre: la "Pietra di Bologna".

Si tratta di una pietra recante un'iscrizione, oggi vibile nel Lapidario del Museo Comunale Medievale di Bologna (vedere figura). La lastra si trovava un tempo appesa al muro della Chiesa di Santa Maria di Casaralta, sempre a Bologna.

La pietra - la copia di un originale forse scolpito prima del 1550 - riporta una enigmatica iscrizione in latino, notissima e copiata innumerevoli volte in tutta Europa: un testo che ha sconcertato e affascinato per secoli un grande numero di artisti e scienziati, da Sir Walter Scott a Carl Gustav Jung:

                             D.M.
            AELIA LAELIA CRISPIS
NEC VIR NEC MVLIER NEC ANDROGYNA
   NEC PVELLA NEC IVVENIS NEC ANVS
NEC CASTA NEC MERETRIX NEC PVDICA
                       SED OMNIA
                          SVBLATA
NEQVE FAME NEQVE FERRO NEQVE VENENO
                     SED OMNIBVS
     NEC COELO NEC AQVIS NEC TERRIS
                 SED VBIQVE IACET
           LVCIVS AGATHO PRISCIVS
NEC MARITVS NEC AMATOR NEC NECESSARIVS
NEQVE MOERENS NEQVE GAVDENS NEQVE FLENS
                             HANC
NEC MOLEM NEC PYRAMIDEM NEC SEPVLCHRVM
                        SED OMNIA
           SCIT ET NESCIT CVI POSVERIT


Queste frasi sinistre possono essere tradotte nel seguente modo:

"Agli Dèi Mani
Aelia Lelia Crispe
non uomo, né donna, né androgina
non fanciulla, né giovane, né vecchia
non casta, né meretrice, né pudica
ma tutto ciò insieme
uccisa
non dalla fame, né dal ferro, né dal veleno
ma da tutte queste cose
non in cielo, né nell’acqua, né in terra
ma ovunque giace
Lucio Agatho Priscio
non marito, né amante, né parente
non triste, né lieto, né piangente
questo
che non è edificio, né piramide, né sepolcro
ma tutte queste cose
sa e non sa per chi lo avrà innalzato."

Queste parole hanno colpito profondamente generazioni di studiosi (in effetti a centinaia), i quali si sono impegnati nel tentare di trovare una soluzione al rompicapo testuale, senza successo, conferendo ad Aelia Lelia Crispe ogni sorta di fantasiosa identità: il personaggio mitologico Niobe, una ninfa, l'acqua corrente, l'alchemica pietra filosofale, l'intero cosmo, e così proseguendo.

Un gioco di parole alchemico? Un anagramma? Un epitaffio simbolico? Nessuno lo sa. Nel suo saggio "Mysterium Coniunctionis", Jung scrive che "l'iscrizione medesima potrebbe essere un'illusione scaturita dallo stesso paradossale coacervo dell'inconscio collettivo".

Ma cosa ha tutto questo a che fare con la Sibilla Appenninica? Esiste una qualsivoglia relazione, seppure alla lontana? Apparentemente, non è possibile rinvenire alcun tipo di legame tra i due enigmi.

Apparentemente.

Perché "Vat Lat 5241", il manoscritto vaticano, ci racconta una storia diversa.






















28 Mar 2017
The Apennine Sibyl in a sixteenth-century vatican manuscript: the full picture (1500 x 2000 pixels)
The time has come to publish the full, hi-resolution image of the map included in the Vatican manuscript “Vat Lat 5241”: an astounding sixteenth-century diagram connected to the Sibyl's legendary tale.

For the first time ever, you can now download the high-quality version of the map from my website The Apennine Sibyl - A mistery and a legend (The Vatican Map), the only site providing original, first-hand information on the Apennine Sibyl's legend and lore nobody else can retrieve, analyse, process and present the way we do.

Who drew the map? And why? And how did it happen that a map so peculiarly linked to an eerie lore was included in a scholarly collection of Latin inscriptions?

Stay tuned, because in the next post I will submit to the general public and research community a brand-new, unprecedented clue about the legend of the Apennine Sibyl and its potential connection to another sinister enigma of the past, that was once well known to all men of letters: the arcane secret of the Stone of Bologna.
La Sibilla Appenninica in un manoscritto vaticano del sedicesimo secolo: l'immagine completa (1500 x 2000 pixel)
È giunto il momento di rendere pubblica l'immagine completa e ad alta risoluzione ritrovata all'interno del manoscritto vaticano “Vat Lat 5241”: un incredibile diagramma, risalente al sedicesimo secolo, collegato al leggendario racconto della Sibilla Appenninica.

Per la prima volta in assoluto, potete oggi scaricare una versione di qualità elevata della mappa dal mio sito web Sibilla Appenninica - Il mistero e la leggenda (la Mappa Vaticana), l'unico sito in grado di fornire informazioni originali e di prima mano sulla leggenda della Sibilla Appenninica: informazioni che nessun altro può reperire, analizzare, elaborare e presentare nel modo in cui i dati sono presentati al pubblico nel nostro spazio web.

Chi ha disegnato la mappa? E perché? E come è possibile che un diagramma collegato in modo così peculiare ad una sinistra leggenda si trovi ad essere incluso in un'erudita raccolta di antiche iscrizione latine?

Rimanete collegati, perché nel prossimo post sottoporrò all'attenzione del pubblico e dei ricercatori del settore un nuovo indizio inedito concernente la leggenda della Sibilla Appenninica ed il suo possibile legame con un altro sinistro enigma del passato, un tempo ben noto a tutti gli eruditi: l'arcano mistero della Pietra di Bologna.




























27 Mar 2017
The Apennine Sibyl in a sixteenth-century vatican manuscript: the Mountain of the Sibyl
We finally get to the very core of the Sibyl's legend: the ancient manuscript shows a massive mountain stronghold, the Sibillini Range. A handwritten text indicates that “this mount is called the 'chiavetoie' (Vettore?), also known as The Mountain of the Sibyl”.

It is clear that the unknown draftsman depicts a sort of merger of Mount Vettore, Mount Sibyl and other peaks belonging to the Sibillini Range: they all get into one single giant cliff, where the Sibyl's mystery has carved its abode in secrecy.

Looking at the precipices and ravines drawn by the map's unnamed author, our thoughts go back to the words written by Andrea da Barberino in his antique romance “Guerrino the Wretch”:

«This portion of the mountain looks like a walled barbican from all sides... And from the top of this ridge where the land brokens up in such ravines, one cannot tell the darkness that rules at the bottom. And that bottom is surmounted by lofty peaks so that no sunlight can reach any thing down there. And all those peaks are deprived of any trees; only rocks and scanty herbage».
La Sibilla Appenninica in un manoscritto vaticano del sedicesimo secolo: la Montagna della Sibilla
Siamo finalmente giunti al centro della leggenda della Sibilla: l'antico manoscritto ci presenta una grandiosa fortezza montuosa, il Massiccio dei Monti Sibillini. Una nota vergata dall'autore ci informa che “questa montagna dicono de chiavetoie, altramente La montagna della Sibilla”.

È chiaro che lo sconosciuto disegnatore ha inteso rappresentare una sorta di connubio tra il Monte Vettore, il Monte Sibilla e altre vette appartenenti ai Monti Sibillini: essi convergono tutti verso una sola gigantesca montagna, nella quale il mistero della Sibilla ha scavato in segreto la propria dimora.

Osservando i precipizi e i baratri tracciati dall'anonimo autore della mappa, i nostri pensieri corrono alle parole scritte da Andrea da Barberino nel suo antico romanzo “Guerrin Meschino”:

«Questo pozio d'alpe pare da ogni parte uno barbachane de muro et per lo mezo... E de la cima de questa schena del pozo donde seschiva la terra de questi dirupamenti; non se poria dire la scurità quanto pare a fondo. E quello fondo è circondato de alpe per modo che la luce del sole non po' nel fondo alcuna cosa. E tute queste alpe sono nude de ogni arboro; solo sassi e alcune herbe e poche».



























25 Mar 2017
The Apennine Sibyl in a sixteenth-century vatican manuscript: necromancers by the Lakes of Pilatus
The vatican manuscript n° 5241 provides a stunning picture of one of Europe's eeriest places as it appeared in 1566: the Lakes of Pilatus, or - as the map calls it - the “Lake Avernus of Norcia”.

“Lake Avernus”: just like the magical lake near Naples, in the vicinity of the Cumaean Sibyl's cave, where the Latin poet Publius Vergilius Maro set the dreadful gateway to the nether world. In the “Guerrin Meschino” the Apennine Sibyl and the Cumaean Sibyl are the very same oracle («I was called chuman by the Romans...»), and in the map they are considered to be so close that their respective lakes bear the same name.

The unknown sixteenth-century draftsman depicts two lakes, with circles of stones laying between them, and people standing by. What does all that mean?

It means that we have the extraordinary chance to observe what used to happen up there, at the lakes set as small gems inside the very core of Mount Vettore: the map is our time-machine, or a camera shot which shows to us the action that once took place there, the way many ancient authors have already described to us.

«In the Apennine in the province of Norcia, a lake is found whose name is the Lake of Norcia» reports Leandro Alberti in his “Description of the entire Italy” in 1575, «this lake has a widespread renown among men, not only Italian but also foreigners, that demons may have their abode here and answer the questions that are submitted to them; men from far-off countries used to travel up to this place to consecrate their wicked, heinous books to the Devil... after drawing a circle on the ground...» «A small islet is at the lake's center», wrote Antoine de La Sale after his journey to the lake in 1420, «made of a boulder which long ago was encircled by a wall; foundations of walls can still be seen in many spots. A narrow passageway goes from the shore to the small island, being some five feet under the water; I was told that by Pope's orders it had been ruined by the locals so as to prevent those who intended to reach the island to consecrate their books and summon the demons to find a way through».

The unnamed author of the map was there in 1566: an extremely rare trace of a legendary heritage that was strong in past centuries. Legends and lore that make our contemporary excursions to the Lakes of Pilatus even more thrilling and exciting, in a place whose picturesque fascination has beguiled men for hundreds and hundreds of years.
La Sibilla Appenninica in un manoscritto vaticano del sedicesimo secolo: i negromanti al Lago di Pilato
Il manoscritto vaticano n° 5241 ci restituisce una visione sorprendente di uno dei luoghi più sinistri d'Europa, così come esso appariva nel 1566: i Laghi di Pilato, o - come essi sono chiamati nella mappa - “il Laco Averno di Norcia”.

“Laco Averno”: esattamente come il magico lago che si trova in prossimità di Napoli, dove si apre la grotta della Sibilla Cumana, e dove il poeta latino Virgilio aveva posto il pauroso ingresso al mondo infero. Nel “Guerrin Meschino”, la Sibilla Appenninica non è altro che la Sibilla Cumana («io fui chiamata da Romani chumana...»), e anche in questa mappa esse sono considerate così simili che ai loro rispettivi laghi viene assegnato il medesimo appellativo.

Lo sconosciuto autore seicentesco della mappa disegna due laghi, con circoli di pietre situati nel mezzo, e alcuni personaggi sulle rive. Cosa significa tutto questo?

Significa che disponiamo oggi della straordinaria possibilità di osservare ciò che frequentemente accadeva in quelle contrade, presso quei laghi incastonati come piccole gemme all'interno dell'anfiteatro glaciale del Monte Vettore: la mappa è la nostra macchina del tempo, o anche un'immagine fotografica capace di mostrarci l'azione che un tempo si svolgeva in quei luoghi, nel modo esatto con il quale altri autori antichi ce lo hanno potuto descrivere.

«Nell'Apennino nel territorio Nursino, vi è il Lago, addimandato Lago di Norcia», scrive Leandro Alberti nella sua “Descrittione di tutta l'Italia” nel 1575. «Essendo volgata la fama di detto Lago appresso gli huomini non solamente d'Italia, ma fuori, cioè che quivi soggiornano i Diavoli, e danno risposta à chi li interroga, si mossero già alquanto tempo alcuni huomini di lontano paese, e vennero a questi luoghi per consagrare libri scelerati, e malvagi al Diavolo... havendo disegnato il circolo...». «Un piccolo isolotto si trova nel centro del lago», scrisse Antoine de La Sale dopo il suo viaggio ai laghi nel 1420, «fatto di una roccia che un tempo era circondata da un muro; la base del muro è ancora visibile in molti punti. Uno stretto passaggio, sommerso dall'acqua per circa un metro e mezzo, conduce dalla riva alla piccola isola; mi è stato detto che per ordine del Papa è stato distrutto dalla gente del luogo per impedire il passaggio a coloro che intendevano raggiungere l'isola di consacrare i loro libri ed evocare i dèmoni».

Lo sconosciuto autore della mappa è stato qui nel 1566: una testimonianza estremamente rara relativa ad una tradizione leggendaria che è stata molto radicata negli scorsi secoli. Leggende e tradizioni che rendono le nostre moderne escursioni ancor più interessanti ed emozionanti, presso luoghi la cui pittoresca fascinazione ha ammaliato gli uomini per centinaia e centinaia di anni.















22 Mar 2017
The Apennine Sibyl in a sixteenth-century vatican manuscript: a serendipitous finding
How can it be that an ancient map of Norcia, Mount Sibyl and the Lakes of Pilatus is included in a sixteenth-century collection of manuscripts? Who found it? And when?

When in 1980s Augusto Campana, a professor and illustrious member of the Vatican Apostolic Library, opened for the first time the leathered cover of the “codex” registered under the number 5241 in the Library's Latin section, his eyes opened wide in full amazement.
Among hundreds and hundreds of accurately drawn ancient Latin inscriptions - the collection of some unknown scholar who worked on it in 1566 - a strange diagram stood definitely out: a sort of 3D geographical map that showed a number of towns and mountainous features Mr. Campana knew very well. He was born in central Italy and he could but acknowledge the presence in the map of the mysterious, ancient enigmas of Mount Sibyl and the Lakes of Pilatus.

Following his serendipitous discovery, the map was first published in 1987, then reprinted in subsequent works by Romano Cordella, Maria Luciana Buseghin and others. This is the first time it is revealed in full detail and high-resolution scale.

Who was the sixteenth-century scholar who drew the map and put it in his collection of Roman inscriptions? Nobody can tell. And yet, one thing we have to take for granted: the unnamed draftsman was there for real, he drew what he actually saw, mountains and towns and lakes of the Sibillini Range.
In 1566, the Sibyl's legend was alive, and strong.
La Sibilla Appenninica in un manoscritto vaticano del sedicesimo secolo: una scoperta fortunata
Come è possibile che un'antica mappa di Norcia, del Monte Sibilla e dei Laghi di Pilato risulti compresa in una collezione di manoscritti cinquecenteschi? Chi fu a trovare quella mappa? E quando?

Quando, negli anni 1980, Augusto Campana, professore universitario e membro illustre della Biblioteca Apostolica Vaticana, aprì per la prima volta la copertina rilegata in cuoio del “codex” identificato con il numero 5241 nella sezione latina della Biblioteca, i suoi occhi si spalancarono per lo stupore.
In mezzo a centinaia e centinaia di antiche iscrizioni latine accuratamente riprodotte - la raccolta di uno sconosciuto studioso che aveva lavorato sulla collezione nel 1566 - si stagliava infatti uno strano diagramma: una sorta di mappa geografica tridimensionale, la quale mostrava città e rilievi montuosi che il Campana ben conosceva. Egli era infatti nato nell'Italia centrale, e non poté che riconoscere la presenza, all'interno della mappa, del misterioso, secolare enigma del Monte Sibilla e dei Laghi di Pilato.

Dopo quella casuale e fortunata scoperta, la mappa venne pubblicata per la prima volta nel 1987, e fu in seguito ristampata nei saggi a cura di Romano Cordella, Maria Luciana Buseghin e altri. Questa, però, è la prima volta che la mappa viene resa pubblica in alta risoluzione e con una elevatissima finezza di dettagli.

Chi era quello studioso del sedicesimo secolo che disegnò la mappa e la inserì nella propria collezione di antiche iscrizioni romane? Probabilmente, non lo sapremo mai. Ma c'è una cosa della quale possiamo dirci certi: lo sconosciuto autore del disegno aveva realmente visitato quei luoghi, egli aveva rappresentato ciò che aveva effettivamente veduto, montagne e città e laghi dei Monti Sibillini.
A quel tempo, nel 1566, la leggenda della Sibilla era viva, e potente.











19 Mar 2017
The Apennine Sibyl in a sixteenth-century vatican manuscript: Castelluccio and the Great Plain
The unknown author of the sixteenth-century map found in a manuscript at the Vatican Apostolic Library continued his venturesome journey: he left Norcia and ascended the ancient trail that led up to Mount Patino through the gorge of Capregna, until he finally got to the lost hamlet of Castelluccio.

The words he wrote on the map convey to our modern spirit all the astonished, bewildered feelings that seized his soul when he first saw the wide, almost endless extent of grassy land that waited for him in this remote corner of Italy: «the plain of Castelluccio - he says - it's two full miles without a single stone». A vision which still in our present days leaves men with their mouth agape.

In the map, the unnamed explorer draws a small party of riding men equipped with long spears heading to Castelluccio, which sits on its hillock overlooking the verdant plain. We may effectively figure out their emotions by reporting the words of another author, Father Fortunato Ciucci, who lived a century later:

«At its foot [of Mount Vettore] stands, on a charming hill named “the Paintings”, its graceful child: prosperous Castelluccio, dread of the wizards, watch over the appalling Cave of the Sibyl, adornment of the Mount, pleasure of the Countryside, crown to the Hills, abode of Goddesses, throne of half-gods, refreshment to the hearts, delight for the souls, delectation for the Peers and Field of Springtime; provided with water Springs, endowed with Grasslands, encircled by Woods and made strong by its Mount Vettore, which surmounts the village like a splendid Tower».

Certainly the latter are verbose, baroque expressions; and yet - as any lover of the place knows in his heart - they provide a perfect description of the magical spell which lives in Castelluccio. A spell that thoroughly enthralled both Father Ciucci and the unknown author of the vatican map.
La Sibilla Appenninica in un manoscritto vaticano del sedicesimo secolo: Castelluccio e il Pian Grande
L'ignoto autore della mappa cinquecentesca reperita in un manoscritto appartenente alla Biblioteca Apostolica Vaticana continua il suo viaggio avventuroso: dopo avere lasciato Norcia, egli ascende l'antico sentiero che conduceva, attraverso la gola di Capregna, fino al Monte Patino, finché non raggiunge infine il borgo perduto di Castelluccio.

Le parole da lui vergate sulla mappa ci permettono oggi di percepire tutta la stupefatta meraviglia esperimentata da questo viaggiatore nel momento in cui, per la prima volta, viene a trovarsi di fronte alla distesa erbosa senza fine, nascosta in questo remoto angolo d'Italia: «il piano del Castelluccio - scrive - son due miglia senza una pietra». Una visione che anche ai nostri giorni lascia ogni visitatore a bocca aperta.

Nella mappa, l'esploratore senza nome disegna un piccolo drappello di uomini a cavallo, equipaggiati con lunghe lance, diretti verso Castelluccio, adagiato sulla piccola collina che domina la pianura verdeggiante. Possiamo rappresentarci adeguatamente le emozioni di questi viaggiatori richiamando le parole scritte da un altro autore, Padre Fortunato Ciucci, il quale visse nel secolo successivo:

«Tiene pié delle sue radici [del Monte Vettore] sopra un bellissimo colle chiamato le Pitture quel suo parto felice, il fortunatissimo Castelluccio, terror de' Maghi, guardia dell'orrenda Grotta Sibillina, bellezza del Monte, gioia della Campagna, corona de' Colli, Albergo delle Dee, Trono de' semidei, ristoro de' cori, allegrezza dell'alma, spasso de' Signori e Campo di Primavera; adorno de Fonti, arricchito de Prati, circondato di Selve e fortificato dal suo Monte Vittore, che quasi superba Torre li soprasta vicino».

Parole barocche e ridondanti, le quali però - come ben sa chi ama questi luoghi - ben descrivono l'atmosfera magica di Castelluccio, dalla quale sia il Ciucci che l'anonimo disegnatore furono totalmente stregati.
















17 Mar 2017
The Apennine Sibyl in a sixteenth-century vatican manuscript: exploring Norcia
An ancient manuscript retrieved in the Vatican Apostolic Library renders a vision of Norcia as the town appeared to daring, adventurous visitors in 1566.

A road leads from the ancient hamlet of Cascia, visible in the background, to the town of St. Benedict. In the map, Cascia appears with its old name and character of “Castrum Cassiae”, surmounted by the stronghold built by Pope Paul II in 1465 (actually destroyed before the 1566).

Norcia itself is portrayed as a rich, walled city, with towers and domed churches - the latter a feature which is not confirmed by other sources.

Sure enough, the unknown traveller who sketched the map had really the chance to visit Norcia: the bellfry of the Basilica of St. Benedict, dominating the whole town, is just identical to the bell tower drawn by Dutch cartographer Ioannes Blaeu in his most famous sixteenth-century map (bottom image). Its elongated, pencil-like shape did not survive the appalling earthquakes that struck the town in 1703 and 1730, but still to occur when the Vatican drawing was sketched.
La Sibilla Appenninica in un manoscritto vaticano del sedicesimo secolo: l'apparizione di Norcia
Un antico manoscritto ritrovato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana ci fornisce una visione di Norcia, così come essa poteva mostrarsi al viaggiatore coraggioso ed intrepido che vi si fosse recato nel 1566.

Una strada conduce alla città di San Benedetto passando vicino all'antico insediamento di Cascia. Nella mappa, Cascia appare con il suo antico appellativo e aspetto di “Castrum Cassiae”, sormontato dalla fortezza costruita da Papa Paolo II nel 1465 (in realtà distrutta prima del 1566).

La stessa Norcia è raffigurata come una città ricca, circondata da mura, con torri e chiese dal tetto a cupola - circostanza, quest'ultima, non confermata da altre fonti.

Certamente, però, lo sconosciuto viaggiatore che disegnò la mappa deve avere realmente avuto la possibilità di visitare Norcia: infatti il campanile della Basilica di San Benedetto, che domina l'interà città, è esattamente identico alla torre campanaria disegnata dal cartografo olandese Ioannes Blaeu nella sua famosissima mappa seicentesca (immagine in fondo). La sua forma allungata, a matita, non sopravvisse ai terrificanti terremoti che colpirono la città nel 1703 e 1730, non ancora avvenuti al momento della realizzazione del disegno vaticano.


















16 Mar 2017
EXCLUSIVE: “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” releases high-definition image of sixteenth century drawing of Mount Sibyl and the Lakes of Pilatus from Vatican manuscript
Rome, the Vatican, the Apostolic Library, an ancient manuscript that unexpectedly unveils its hidden treasure: the legend of the Apennine Sibyl suddenly appears amid a collection of hundreds of handwritten sheets dedicated to antique Roman inscriptions, dating to the sixteenth century.

In 1566, a detailed cartographic map of the Sibillini Mountain Range was sketched by an unknown hand belonging to a man who lived in the late Renaissance: Norcia, Castelluccio, Montemonaco, Mount Sibyl, the Lakes of Pilatus emerge from the codex as if it had been written in our present days. This is an outstanding example of the vigour of the Sibyl's legend and the magical renown of the Sibillini Range across the centuries.

For the first time ever, “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend” is proud to present a high-definition copy of the manuscripted pages. The map has already been published in earlier publications, but only in black-and-white, smaller-scale printing.

This is a significant contribution to the study of the sibilline legend we have the pleasure to present today to a wider audience, by releasing a number of dedicated posts that will come after this first one in the next days. A unique, unprecedented occasion only available on “The Apennine Sibyl - A Mystery and a Legend”.
ESCLUSIVO: "Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda" pubblica l'immagine in alta definizione del disegno risalente al sedicesimo secolo del Monte Sibilla e dei Laghi di Pilato tratto da un prezioso manoscritto vaticano
Roma, il Vaticano, la Biblioteca Apostolica, un antico manoscritto che rivela inaspettatamente il suo tesoro segreto: la leggenda della Sibilla Appenninica appare improvvisamente all'interno di una collezione di centinaia di schizzi realizzati a mano dedicati alle antiche epigrafi latine, databile al sedicesimo secolo.

Nel 1566, una mano ignota, appartenente ad un uomo del tardo Rinascimento, ha tratteggiato una dettagliata cartografia dei Monti Sibillini: Norcia, Castelluccio, Montemonaco, il Monte Sibilla e i Laghi di Pilato emergono dal codice con una freschezza quasi contemporanea. Si tratta di una testimonianza significativa del vigore del mito della Sibilla e della magica fama dei Monti Sibillini attraverso i secoli.

"Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda" è orgogliosa di presentare, per la prima volta in assoluto, una immagine in alta definizione delle pagine manoscritte. La mappa è già stata pubblicata in precedenza, ma solamente in bianco e nero e con una definizione significativamente inferiore.

Abbiamo dunque il piacere di presentare oggi ad un pubblico più vasto questo importante contributo agli studi sulla leggenda sibillina, pubblicando una serie di post dedicati a questo tema, e che seguiranno nei prossimi giorni quello che state leggendo. Un'occasione di approfondimento unico disponibile esclusivamente su "Sibilla Appenninica - Il Mistero e la Leggenda".


















4 Oct 2016
Castelluccio and the French scientists in search of the Sibyl / 2
In 1897, Gaston Paris, a famous French philologist, undertook a journey to Mount Sibyl, in Italy, but he was forced to stop in Castelluccio. His words seem to depict today's Pian Grande:

«After passing a somber day in Castelluccio and having lost all hopes for the sky to brighten up, we resolved to depart. Our decision was made easier by the tirelessness of the icy wind which was expected to be the more stronger on the peaks. The next morning we retraced our steps towards Norcia, wishing we might be back in a future time, when we might find the Sibyl - now so embittered and unkind to us - in a more welcoming mood».

[Original French version: «après avoir passé à Castelluccio une journée morose, et n'espérant plus que le temps se rassérénât, nous nous résignâmes à repartir, d'autant plus que le froid et le vent duraient toujours et qu'on nous les disait plus âpres encore sur les hauteurs. Nous reprîmes donc, le lendemain matin, le chemin de Norcia, souhaitant de renouveler quelque jour notre visite, et de trouver la Sibylle, en ce moment si revéche, plus accueillante une autre fois»]
Castelluccio e gli scienziati francesi in cerca della Sibilla /2
Nel 1897, Gaston Paris, il famoso filologo francese, intraprese un viaggio verso il Monte Sibilla; egli fu costretto però a fermarsi a Castelluccio. E le sue parole sembrano descrivere il Pian Grande dei nostri giorni:

«dopo avere trascorso a Castelluccio una giornata uggiosa, e non potendo sperare in un rasserenamento del tempo, ci rassegnammo a ripartire, anche perché il freddo e il vento continuavano ancora e, ci dicevano, sarebbero risultati ancora più intensi in altitudine. Riprendemmo dunque, l'indomani mattina, il cammino verso Norcia, augurandoci di poter rinnovare un giorno la nostra visita, e di trovare la Sibilla, in quel momento così ostile, più accogliente in un prossimo futuro».















4 Ott 2016
Castelluccio and the French scientists in search of the Sibyl
In June 1897, philologist Gaston Paris left France to reach Castelluccio on the footsteps of the Sibyl's legend. The following is a fresh account of his arrival to the Great Plain, together with his Italian colleague and friend Pio Rajna:

«We journeyed at a slow pace across the 'pian grande', a true glory of Castelluccio. That is an expanse of grassland, which has retained the smooth appearance - so unfrequent at this elevation - of the lake that once was there and it seems to re-create itself from time to time under the blanket of the snow: it is covered by a thick carpet of green grass which, under the sunlight, takes on a pale emerald glaze typical of the grassy highlands. On the very edge of this vast plateau, a rocky hillock is visible - in the form of a reversed hoof - on whose top stands Castelluccio. This 'small nasty castle' (this is the meaning of the word 'Castelluccio'), once a papal stronghold, is just a dilapidated hamlet in the present days. We got there frozen stiff, and we were absolutely happy to warm up in the kitchen of the welcoming house of Mr. Calabresi, the landlord of the region, who was so kind as to open his place to us, courtesy of the ever caring attitude of our friend, Pio Rajna...».

[Original French version: «...nous traversons lentement le piano grande qui fait l'orgueil de Gastelluccio. C'est une immense prairie, qui a conservé l'égalité de surface, bien rare à cette altitude, du lac qu'elle était jadis et qu'elle redevient à la fonte des neiges; elle est couverte d'un épais lapis de velours vert qui, sous les nuages gris de ce jour, apparaît mat et foncé, mais qui prend au soleil les transparences d'émeraude pâle des gazons alpestres. Tout au bout de cette vaste plaine se dresse le rocher, en forme de sabot renversé, dont Castelluccio occupe le haut. Ce « mauvais petit château» (c'est le sens propre de Caslelluccio), jadis forteresse papale, est aujourdhui un pauvre village. Nous y arrivons tout transis, et nous sommes heureux de nous réchauffer dans la cuisine de la maison hospitalière que M. Calabresi, le grand propriétaire du pays, a bien voulu, — toujours grâce aux soins vigilants de notre ami Rajna, — mettre à notre disposition...».]
Castelluccio e gli scienziati francesi in cerca della Sibilla
Nel giugno del 1897, il filologo Gaston Paris partì dalla Francia per recarsi a Castelluccio in cerca della Sibilla. Ed ecco il vivace, freschissimo resoconto del suo arrivo al Pian Grande, assieme al suo amico e collega Pio Rajna:

«... Traversammo lentamente il 'piano grande', che costituisce l'orgoglio di Castelluccio. È una prateria immensa, la quale ha conservato l'uniformità di superficie - molto rara a queste altitudini - del lago che vi era una volta e che periodicamente sembra riformarsi sotto le coltri di neve: è coperta da uno spesso tappeto di velluto verde il quale, sotto il manto grigio di nuvole, sembra scuro ed opaco, ma che assume ai raggi del sole la luminosità pallidamente smeraldina dei prativi alpestri. Proprio sul limitare di questa vasta pianura si erge la mole rocciosa - in forma di zoccolo rovesciato - del quale Castelluccio occupa la cima. Questo 'piccolo castello cattivo' (questo è il significato della parola 'Castelluccio'), un tempo fortezza pontificia, è oggi un povero villaggio. Noi siamo giunti lì quasi congelati, e siamo stati ben felici di poterci riscaldare nella cucina dell'ospitale abitazione che il Signor Calabresi, il grande proprietario del luogo, ha voluto mettere a nostra disposizione grazie alle cure sempre attente del nostro amico Pio Rajna...».

















16 Sep 2016
A rumour runs across the Sibillini Range
In the early fifteenth century, a rumour had spread - in the cragged mountain ridges raising in the vicinity of Norcia, between the Umbrian hills and the Adriatic sea, amid the dreadful abysses and ravines, somewhere in the middle of this desolate and frightful scenery - that an enchantress, a fairy queen had established her dwelling; and the peasants called her by the name of SIBYL.
Una voce che corre tra le vette dei Sibillini
All'inizio del quindicesimo secolo, una strana dicerìa si era diffusa tra le vette impervie poste nelle vicinanze di Norcia, tra le colline umbre ed il mare Adriatico, in mezzo agli spaventosi precipizi di roccia. Si diceva che, da qualche parte, proprio nel mezzo di quel panorama così remoto e desolato, avesse stabilito la propria dimora un'incantatrice, una regina semidivina: e i contadini del luogo la chiamavano con l'appellativo di SIBILLA.




















17 Aug 2016
Gaston Paris, a French philologist in search of the Sibyl
The riveting chronicle of the journey to Norcia and Mount Sibyl attempted by French philologist Gaston Paris in 1897 and achieved by his Italian colleague Pio Rajna.
Gaston Paris, un filologo francese in cerca della Sibilla
L'entusiasmante cronaca di un viaggio a Norcia e al Monte della Sibilla tentato dal filologo francese Gaston Paris nel 1897, ed effettuato poi dal suo collega italiano Pio Rajna.








MICHELE SANVICO
ITALIAN WRITER
michele.sanvico@italianwriter.it