Social & Smartphone:
ENG
ITA
ENG
MOUNT SIBYL: THE ENIGMA
MONTE SIBILLA: L'ENIGMA
9 Dec 2017
Mount Sibyl, Hollywood and the Svalbard Islands
In winter, Mount Sibyl is capped with snow, the whole mountain-side shining in white. Below, you can see a typical shot which portrays the Italian mount with its renowned crown and a snowy blanket.

However, what about the second picture? If you look at the mount on the lefthand side, it just seems to be the same cliff, Mount Sibyl, again covered with snow. But what about the two other mountains on the right? They too look like additional Mount Sibyls! How can that be?

Where does this second image come from?

The amazing thing is that it comes out from a motion picture: it is a screenshot taken from “The Golden Compass”, a fantasy adventure film released in 2007 from the British-American producer New Line Cinema (the same of “The Lord of the Rings” series).

The picture is a CGI (Computer-Generated Image) and is the background environment to the fight sequence between the armoured bears (see image), a top sequence in the movie, which takes place on an icy fictitious location called “Svalbard”. Did the animators used Mount Sibyl as a model for their digitally-generated filming set?

The digital matte paintings for the movie were created by Cinesite Studios, a London-based firm providing CGI visual effects to international movie productions. And the answer to our question can be found in an interview with Michael Fink, Cinesite's Senior VFX Supervisor in 2007.

«For the Arctic sequences (Svalbard and Bolvanger)», Finks recalls, «I went to the actual Svalbard, Norway, [...] to shoot and film thousands of stills and hours of digital tape of ice, rocks and glaciers».

So, that's the answer we were looking for: the mountains in the movie are not “copied” from Mount Sibyl, instead they are taken from some reference mount raising at the remote Svalbard Islands, beyond the Arctic Circle: icy islands set in the middle of nowhere, between Greenland and Norway.

But now another question follows: do the Svalbards house a mountain whose shape is very similar to that of Mount Sibyl in Italy?

The answer is yes. Look at the pictures below, coming straight from the Svalbard Islands: there they are, the same mountains used in the movie's bear fight scene! And they look exactly like replicated Mount Sibyls!

Just for information: the group of three crowned peaks is called “Tre Kroner” (“Three Crowns”) and their individual names are Svea, Nora and Dana. They are on the Svalbard's Spitsbergen Island.

So, by following a faint trace retrieved in a movie background, we have just found that Mount Sibyl, Italy, has a number of twin brothers: they raise their snowy cliffs at the Svalbard Islands, Norway.

And if you look at the last picture, taken at Longyearbyen, the biggest settlement in the Svalbard Islands (2,000 residents), wouldn't you think you are looking at Mount Sibyl, Mount Vettore and the Great Plain of Castelluccio di Norcia?

A mysterious correspondence exists between the Italian Apennine - the kingdom of a Sibyl - and far-away islands set in the north, the Svalbards: sometimes, Nature uses the same language in different lands of the world to cast her spell on men's souls and teach them divine beauty through infinity.
Monte Sibilla, Hollywood e le Isole Svalbard
Nella stagione invernale, il Monte Sibilla è ricoperto di neve, i fianchi scintillanti di luminosissimo bianco. Qui sotto potete vedere una tipica immagine che ritrae la montagna con la sua famosa corona e il manto innevato.

Cosa possiamo però dire a proposito della seconda immagine? Se osservate la montagna sulla sinistra, sembra proprio di potere osservare, ancora, il Monte Sibilla, di nuovo ricoperto di neve. E le due ulteriori montagne sulla destra? Sembrerebbe trattarsi proprio di due identici Monti della Sibilla! Ma come può essere possibile?

Da dove viene questa seconda immagine?

La cosa affascinante è che essa è tratta da un film: è infatti un fotogramma estratto da "La Bussola d'Oro" ("The Golden Compass"), un lungometraggio fantasy distribuito nel 2007 dal produttore anglo-americano New Line Cinema (lo stesso della serie "Il Signore degli Anelli").

L'immagine è, in effetti, una CGI (Computer-Generated Image) e dunque totalmente generata al computer: si tratta dello sfondo utilizzato nella sequenza di battaglia tra due orsi corazzati (vedere immagine successiva), una scena fondamentale del film, ambientata in un luogo nordico, polare di fantasia chiamato "Svalbard". È possibile pensare che gli animatori abbiano inteso utilizzare il Monte Sibilla come modello per questo set digitale?

Gli speciali sfondi digitali per "La Bussola d'Oro" sono stati realizzati da Cinesite Studios, una società con sede a Londra specializzata nella fornitura di effetti speciali per le produzioni cinematografiche internazionali. E la risposta alla nostra domanda può essere trovata all'interno di un'intervista rilasciata da Michael Fink, all'epoca supervisore senior agli effetti speciali presso Cinesite.

«Per le sequenze artiche (Svalbard e Bolvanger)», ricorda Fink, «mi sono recato nelle vere Isole Svalbard, territori norvegesi, [...] per scattare migliaia di foto e filmare ore ed ore di nastri digitali di ghiacci, rocce e ghiacciai».

E dunque, ecco la risposta che cercavamo: le montagne ritratte nel film non sono state "copiate" dal Monte Sibilla; l'ispirazione è stata tratta da una qualche montagna di riferimento innalzantesi presso le remote Isole Svalbard, al di là del Circolo Polare Artico: isole ghiacciate poste nel bel mezzo del nulla, tra Groenlandia e Norvegia.

A questo punto, però, sorge un'ulteriore domanda: è possibile che le Svalbard ospitino montagne la cui forma è molto simile a quella del Monte Sibilla, in Italia?

La risposta è sì. Osservate le immagini in fondo, provenienti direttamente dalle Isole Svalbard: eccole lì, le stesse identiche montagne utilizzate nella scena di battaglia tra gli orsi! E queste montagne sembrano essere copie quasi identiche del Monte Sibilla!

A titolo di ulteriore informazione: il gruppo di tre montagne coronate si chiama "Tre Kroner" ("Le Tre Corone"), e i nomi dei tre picchi sono Svea, Nora e Dana. Si trovano sull'Isola Spitsbergen, appartenente all'arcipelago delle Svalbard.

E così, seguendo il tenue filo di una traccia reperita all'interno dello sfondo creato per un film, siamo riusciti a scoprire che il Monte Sibilla, in Italia, ha un certo numero di fratelli gemelli: essi innalzano le proprie cime innevate nelle Isole Svalbard, Norvegia.

E se osservate l'ultima foto, presa a Longyearbyen, il più grande insediamento delle Svalbard (2.000 residenti), non vi sembra di vedere apparire il Monte Sibilla, il Monte Vettore e il Pian Grande di Castelluccio di Norcia?

Una corrispondenza misteriosa e affascinante esiste dunque tra l'Appennino italiano, reame di una Sibilla, e remote isole collocate nel distante Nord, le Svalbard: spesso, la Natura utilizza lo stesso linguaggio in terre differenti e lontane del mondo, per lanciare il proprio incantesimo sulle anime degli uomini e per insegnare loro la bellezza divina attraverso la visione dell'infinito.












































































17 Jul 2017
A vivid description of Mount Sibyl: impressions by Fernand Desonay
Belgian philologist Fernand Desonay was so enamoured of the Apennine Sibyl's legend that he travelled many times to Mount Sibyl. We should learn from the passionate words he wrote about his journeys, they fully show the immense attractiveness of the ancient tale centered on this famous peak:

«On August, 26th 1929 I was able to consider, from the back of a small brown donkey, the mists swirling on the mountain-sides of the Apennines... The vision of those mountains seizes your heart; the silence around, it utterly petrifies your soul. You see Mount Vettore at last, with the lake of Pilatus! Up there, the ancestral worship and tales have their roots!... We are setting off in search of a mystery. [...] I have in my pocket the work by Antoine de La Sale; for I intend to check all the geographical information provided in the Chantilly manuscript. After much effort, we have reached the base of the “crown”. La Sale says that it's a cliff some fifteen feet high, “cut in the mount along the whole circumference”. It's right. When seen from a distance, this crown may truly appear as a fortress, or a temple. Sure enough, the vista is so picturesque; and it can hardly be reckoned it is just a natural feature: such a large bulk of rock crushing the mountain-top and shaped as a dome must have striken the mind's eye.»

[in the original French wording: «Le 26 août 1929, je pouvais contempler, du haut de l'échine d'un petit âne brun, les jeux de la 'nebbia' sur le pentes de l'Apennin... [...] L'aspect de ces montagnes vous serre le coeur; le silence d'alentour, on dirait qu'il vous paralyse. Voilà donc le Vettore, avec le lac de Pilate! C'est là-haut qu'ont surgi les cultes antiques et les légendes!... Nous partirons à la découverte du mystère. [...] J'ai dans ma poche le texte d'Antoine de La Sale; car je veux contrôler toutes les indications topographiques du manuscrit de Chantilly. Après de longs efforts, nous sommes arrivés au pied de la “couronne”. La Sale dit qu'il s'agit d'une roche haute de cinq mètres environ, “taillée dans la montagne sur tout le pourtour”. C'est exact. Vue de loin, cette couronne peut donner l'impression d'une forteresse, voire d'un temple. Certes, tout ceci est fort caractéristique; et l'on ne peut croire qu'il s'agisse d'une formation naturelle: pareille masse qui écrase la montagne en forme de coupole a dû frapper l'imagination.»]
Una vivida descrizione del Monte Sibilla: immagini di Fernand Desonay
Il filologo belga Fernand Desonay era così affascinato dalla leggenda della Sibilla Appenninica da recarsi più volte sul Monte Sibilla. Dovremmo lasciarci guidare dalle appassionate parole da lui scritte a proposito delle sue visite, perché ci mostrano quanto intensamente possa operare la magia dell'antico racconto incentrato su questa famosissima montagna:

«Il 26 agosto 1929 ho potuto contemplare, dall'alto del dorso di un piccolo asino bruno, i giochi della nebbia sui versanti dell'Appennino... [...] L'aspetto di queste montagne vi stringe il cuore; il silenzio tutt'attorno, si direbbe che vi paralizzi. Eccolo dunque il Vettore, con il lago di Pilato! È proprio lassù che sono sorti i culti antichi e le leggende!... Stiamo per partire alla scoperta del mistero. [...] Porto con me nella tasca il testo di Antoine de La Sale; perché intendo controllare tutte le indicazioni topografiche contenute nel manoscritto di Chantilly. Dopo molti sforzi, siamo infine arrivati ai piedi della “corona”. La Sale dice che si tratta di una parete di roccia alta circa cinque metri, “tagliata nella montagna lungo tutta la circonferenza”. È esatto. Vista da lontano, questa corona può dare l'impressione di una fortezza, o di un tempio. Di certo, tutto questo è molto pittoresco; e quasi non si può credere che possa trattarsi di una formazione naturale; una tale massa che schiaccia la montagna in forma di cupola deve avere colpito molto l'immaginazione.»

[nel testo originale francese: «Le 26 août 1929, je pouvais contempler, du haut de l'échine d'un petit âne brun, les jeux de la 'nebbia' sur le pentes de l'Apennin... [...] L'aspect de ces montagnes vous serre le coeur; le silence d'alentour, on dirait qu'il vous paralyse. Voilà donc le Vettore, avec le lac de Pilate! C'est là-haut qu'ont surgi les cultes antiques et les légendes!... Nous partirons à la découverte du mystère. [...] J'ai dans ma poche le texte d'Antoine de La Sale; car je veux contrôler toutes les indications topographiques du manuscrit de Chantilly. Après de longs efforts, nous sommes arrivés au pied de la “couronne”. La Sale dit qu'il s'agit d'une roche haute de cinq mètres environ, “taillée dans la montagne sur tout le pourtour”. C'est exact. Vue de loin, cette couronne peut donner l'impression d'une forteresse, voire d'un temple. Certes, tout ceci est fort caractéristique; et l'on ne peut croire qu'il s'agisse d'une formation naturelle: pareille masse qui écrase la montagne en forme de coupole a dû frapper l'imagination.»]

































13 Jul 2017
The most beatiful words ever written about Mount Sibyl: Fernand Desonay
There is a man, in modern times, who had a special dream about Mount Sibyl. He was a philologist, a man who used to live his days among old Italian legends and the tale of Tannhäuser. Fernand Desonay, from Belgium, had journeyed many times up to the peak of Mount Sibyl to take part into the excavations campaigns carried out by his Italian friends.

He left precious, perfectly beautiful words on his dream, which I use to quote in my presentation sessions on the Sibyl's legend. I have recently found the original French wording, which is contained in his article “Les sources italiennes de la legende de Tannhäuser”. Now I want to share them with all the lovers of this ancient legend:

«Je songe à la Sibylle. Mon regard va, va... Il escalade les rampes des montagnes, franchit les précipices... Sous la couronne de rochers, voici la déesse, - c'est elle! - inspiratrice nostalgique du plus beau des songes humains...»

«I am dreaming of the Sibyl... My eyes travel up and further up... My gaze climbs the crests, jumps across the ravines... Beneath the crown of stone, there I see the goddess - there she is! - she, who inspires my longing for the most ravishing among human dreams...».
Le più belle parole mai scritte sul Monte Sibilla: Fernand Desonay
C'è un uomo che, in tempi moderni, ha nutrito un sogno speciale a proposito del Monte Sibilla. Si trattava di un filologo, un uomo che aveva vissuto a lungo in compagnia delle antiche leggende italiane e del mito di Tannhäuser. Fernand Desonay, di origine belga, aveva viaggiato molte volte fino alla cima del Monte Sibilla, partecipando alle campagne di scavo effettuate dai suoi amici italiani.

Desonay ci ha lasciato parole preziose e di perfetta bellezza a proposito del suo sogno, parole che sono solito citare nel corso delle mie presentazioni sulla leggenda della Sibilla. Recentemente, mi è capitato di trovare finalmente le sue parole nel testo francese originale, contenute nell'articolo "Le fonti italiane della leggenda di Tannhäuser". Voglio ora condividerle con tutti gli appassionati di questa antica leggenda:

«Je songe à la Sibylle. Mon regard va, va... Il escalade les rampes des montagnes, franchit les précipices... Sous la couronne de rochers, voici la déesse, - c'est elle! - inspiratrice nostalgique du plus beau des songes humains...»

«Io sogno la Sibilla. Il mio sguardo va, sale ancora... Si inerpica lungo le coste dei monti, scavalca i dirupi... E, sotto la corona di roccia, ecco infine la divinità - è lei! - l'ispiratrice perduta del più bello dei sogni degli uomini...»























5 Jun 2017
Apennine Sibyl: the summoning of the clouds
Anyone who had ever made an attempt at reaching the Sibyl's mountain-top knows well that the legendary prophetess has many ways to prevent undesired visitors from getting to her cliff: suddenly, rolling clouds extend through the sky carried by a cold, damp wind, and heavy lashes of rain start hitting the wayfarer's face: this is the signal that we must go back, and quickly, for the Apennine Sibyl bids no welcome.

Giovanni Battista Lalli, a poet from Norcia who lived in the seventeenth century, had a first-hand experience of this same occurrence, as he himself wrote in his poem “Ruined Jerusalem”:

«And if anyone unwelcomed dares to draw too near, and she chooses to deny herself to him, in various manners he repels him from his venturesome design. Sometimes she fills the sky with gloomy clouds carrying the rain, so that a horrible storm comes to life; sometimes with a mortal threat, any mercy dispelled, she unleashes the savage beasts against the wayfarer.»

[in the original Italian text:
E se quivi appressarsi alcun s'accinge,
Ch'à lei no piaccia, e d'introdur no'l degna;
Con diverse maniere il risospinge
Da quell'impresa, che tentar disegna.
D'atre, e gravide nubi hor l'aria cinge,
Che ria tempesta à partorir ne vegna;
Hor minacciosa, ogni pietà sbandita,
Contro di quel l'horrende belve irrita.]
Sibilla Appenninica: la chiamata delle nubi
Chiunque abbia mai tentato di raggiungere la vetta del Monte Sibilla sa bene come la leggendaria profetessa disponga di molti mezzi per impedire ai visitatori indesiderati di porre il piede sulla sua rupe: all'improvviso, nubi vorticanti cominciano a riempire il cielo, trasportate da un vento freddo e umido, mentre pesanti frustate di pioggia iniziano a colpire il viso del viandante: è il segnale che occorre tornare indietro, e in fretta, perché la Sibilla Appenninica non ha alcuna intenzione di darci il benvenuto.

Giovanni Battista Lalli, un poeta nursino vissuto nel secolo diciassettesimo, ha potuto esperimentare di persona questo fenomeno, come egli stesso ci racconta nel suo poema "Gerusalemme desolata":

«E se quivi appressarsi alcun s'accinge,
Ch'à lei no piaccia, e d'introdur no'l degna;
Con diverse maniere il risospinge
Da quell'impresa, che tentar disegna.
D'atre, e gravide nubi hor l'aria cinge,
Che ria tempesta à partorir ne vegna;
Hor minacciosa, ogni pietà sbandita,
Contro di quel l'horrende belve irrita.»



























4 Dec 2016
A contemporary ascent to Mount Sibyl /2
Follow Lucy Friedlander and Nitsan Morag in their climb to the Sibyl as they retrace the steps of medieval knight-errants. An ancient, forgotten legend is still there. The Sibyl's call has not yielded to time and is still strong.
Una moderna ascensione al Monte Sibilla /2
Seguite Lucy Friedlander e Nitsan Morag nella loro ascesa alla Sibilla sulle orme dei cavalieri erranti del Medioevo. Una leggenda antica e quasi dimenticata è ancora lì. Il richiamo della Sibilla non ha ceduto al tempo, e risuona ancora con forza.
















30 Nov 2016
A contemporary ascent to Mount Sibyl
A magical, daring account of a journey to Mount Sibyl carried out by nomadic-traveller Lucy Friedlander through an earthquake-striken land. A dreaming narrative that will capture your heart, as the Sibyl captured Lucy's.
Una moderna ascensione al Monte Sibilla
Un racconto magico e ardito di una escursione al Monte Sibilla condotta dalla "viaggiatrice nomade" Lucy Friedlander attraverso un territorio squassato dal terremoto. Una narrazione fiabesca che catturerà il vostro cuore, così come ha catturato quello di Lucy.













22 Set 2016
A mystery dating to Roman times
The secret hidden beneath Mount Sibyl needs to be unveiled...
Un mistero che risale all'età romana
The secret hidden beneath Mount Sibyl needs to be unveiled...Il segreto che si nasconde al di sotto del Monte Sibilla deve essere svelato...

















19 Lug 2016
Montemonaco, the village beneath the Sibyl's cliff
Montemonaco is a small village sitting just beneath Mount Sibyl. In past centuries many travellers in search of the sibilline legend, like French gentleman Antoine de La Sale in 1420, used to come to this remote hamlet to start their climb along the steep mountain-side up to the renowned cavern. Some scholars maintain that the name "Montemonaco" is not to be connected to the presence of benedictine monks in the area; instead, it may derive from the corruption of the Latin sentence "Mons Demonicus" - meaning Mount Sibyl, the evil mountain, which looms over the village and its inhabitants.
Montemonaco, il paese all'ombra della Sibilla
Montemonaco è una piccola città posta al di sotto del Monte Sibilla. Nei secoli passati, molti viaggiatori in cerca della leggenda sibillina – come il gentiluomo francese Antoine de La Sale nel 1420 – si spingevano fino a questo angolo remoto d'Italia per effettuare la scalata del ripido versante del monte fino alla famosa caverna. Alcuni studiosi ritengono che il nome “Montemonaco” non sia riferirsi alla presenza di monaci benedettini nella zona: piuttosto, si pensa che il nome possa derivare dalla corruzione della locuzione latino “Mons Demonicus”, il Monte della Sibilla, la montagna che incombe in modo sinistro sul villaggio e sui suoi abitanti.



















12 Lug 2016
Magical place
There is a place on earth where a mountain trail is known to lead towards an age-old mystery: it's Mount Sibyl in Italy, a location where heavenly and subterranean potencies seem to join their sinister magic. And a legend has been told by peasants and men of letters for uncounted centuries.
Un luogo magico
C'è un posto sulla terra dove un sentiero di montagna conduce verso un antico mistero: è il Monte Sibilla, un luogo dove le potenze del cielo e della terra sembrano intrecciare la propria sinistra magia. E dove una leggenda è stata raccontata nei secoli da contadini e letterati.




















1 Lug 2016
A mountain for a Sibyl
Mount Sibyl, the mountain after which the Sibillini Range is named. The legend about the cavern on the top is mentioned in various fifteenth-century works, but it can be imagined that the cave was well known in Roman times as well among the worshippers of ancient gods.
Una montagna per una Sibilla
Monte Sibilla, la montagna che dà il nome al massiccio dei Monti Sibillini. La leggenda che racconta della grotta posta sulla cima è menzionata in diverse opere del quindicesimo secolo, ma si può comunque immaginare che la caverna fosse ben nota anche in epoca romana, come luogo di culto di antichi dèi pagani.
























25 Jun 2016
A biker on the Sibyl's peak
Professional biker Giampiero Masciocchi reports live from the Sibyl's mountain-top in Italy on June 25th 2016! From the fifteenth century up to our present days the mountain is still a selected destination for trekkers and lovers of mystery and traditional lore. Giampiero is treading the same trail along the crest that was used by French gentleman Antoine de La Sale in 1420.
Un biker sulla cima della Sibilla
Il biker professionista Giampiero Masciocchi in diretta dalla cima del Monte della Sibilla il 25/06/2016! Dal quindicesimo secolo fino ai nostri giorni la montagna è ancora una destinazione di grande fascino per escursionisti e amanti del mistero e delle antiche leggende. Giampiero sta percorrendo lo stesso sentiero lungo le creste utilizzato nel 1420 dal gentiluomo francese Antoine de La Sale.




















28 May 2016
Flight to the Sibyl's cave
What is the appearence of the Sibyl's cave today? Let's fly over the Sibillini Mountains, rush ourselves across the grim crests of Mount Vettore, heading north beyond the sinister Lakes of Pilatus; let's follow the call of the legendary tale up to the very peak of Mount Sibyl, then land on the mountain-top, on the slope looking south.
There we are: now look at the remnants of the famed cavern, a heap of collapsed rocks, rusted scaffolding tubes, and rotten planks. What happened to the cave?
Who ravaged the place, when and why? What were they looking for? The story of the Sibyl's cave is more fascinating than ever.
In volo verso la grotta della Sibilla
Qual è l'aspetto della Grotta della Sibilla oggi? Proviamo a volare al di sopra del massiccio dei Monti Sibillini, precipitiamoci attraverso le paurose creste del Monte Vettore, dirigendoci a nord verso i sinistri Laghi di Pilato; seguiamo il richiamo del leggendario racconto fino alla cima del picco della Sibilla, e infine atterriamo sulla vetta della montagna, sul pendio che guarda verso sud.
Ecco, siamo qui: ora osserviamo i resti della famosa caverna, un mucchio di pietre crollate, impalcature arrugginite e assi marcite.
Cosa è accaduto a quella grotta? Chi ha ridotto l'ingresso in questo stato? Cosa stavano cercando? La storia della Sibilla sembra essere sempre più affascinante.

















5 Jan 2016
The Sibyl and the winter
The mystery of the Sibyl's cave is currently concealed by a blanket of white snow. At the far end of the image, the Sibyl's peak with its kingly crown.
L'inverno e la Sibilla
In questa foto, il mistero della grotta della Sibilla è nascosto al di sotto di un manto di candida neve. All'orizzonte, è visibile il picco del Monte Sibilla, circondato dalla sua corona regale.














19 Dic 2015
Vista from the Sibyl's mountain-top
Throughout the centuries, the cave on the top of Mount Sibyl has been the target of manifold efforts to break into its secret meanders. Entrance was not an easy matter, because the cave had been sealed by the order of the Popes. As many ancient writers report, the town of Norcia was forced to close the entrance to the cave lest enchanters and necromancers gain access to the inner rooms "to stage their abominable rituals". In "The Paradise of Queen Sibyl", Antoine de La Sale narrates that in the fourteenth century Pope Urban commanded that the path leading to Mount Sibyl's crown be destroyed, and "the entrance to the cave sealed", as magicians from all over Europe were used to attain the Sibyl's peak to consecrate their spellbooks to the powers of darkness.
A power that - at sunset, in a lonely trip to the mountain-top, with the stars beginning to shine above your head - you can still feel today (below: vista from Mount Sibyl's top towards the Marche's hills and the Adriatic Sea at the far end).
Panorama dalla cima della Sibilla
Attraverso i secoli, la grotta posta sulla cima del Monte della Sibilla è stata oggetto di numerosissimi sforzi tesi a penetrare i suoi più segreti recessi. Entrare, però, non è mai stato facile, perché in passato l'ingresso alla caverna è stato occluso per ordine diretto dei Pontefici romani. Come riportato da vari autori, la città di Norcia fu costretta a chiudere l'accesso alla grotta affinché incantatori e negromanti non potessero entrare nelle sale interne per mettere «in opra l’esecranda dottrina». Nel “Paradiso della Regina Sibilla”, Antoine de La Sale racconterà come nel quattordicesimo secolo Papa Urbano avesse disposto che il sentiero il quale conduceva verso la corona del Monte Sibilla fosse distrutto, e che l'ingresso alla caverna fosse “serrato”, per impedire ai maghi provenienti da ogni parte d'Europa di venire alla Sibilla per consacrare i loro libri alle potenze delle tenebre.
Potenze che – al calar del sole, durante un'escursione solitaria alla vetta, con le stelle che già cominciano ad occhieggiare sulla vostra testa – potete percepire ancor oggi (sotto: vista dalla cima del Monte Sibilla verso le colline marchigiane e il Mare Adriatico all'orizzonte).















7 Nov 2015
How to get to the Sibyl's cliff
Today's tourists can still experience the shiver of an excursion to Mount Sibyl and its historical cave, leaving somewhat behind everyday's life and troubles, and setting off to a journey into myth and legend.
The most impressive way to get to Mount Sibyl is to take the path that leaves the small hamlet of Castelluccio di Norcia, sitting on its hillock which provides an astonishing view on the Great Plains. The trail winds its way up across the sides of Mount Vettore, whose impending vision is both breathtaking and frightening; then it ascends with increased decision to the high ridges of Mount Palazzo Borghese and Mount Porche, a place of sheer beauty where no leaving soul is to be found and the potency of wind and sun rules among the crests. You are already in the realm of the Sibyl, and feel that you have to speak in a low tone, not to disturb the fairies which are part of her hidden retinue.
A long walk along the crest lines then follows: in the airy distance, Mount Sibyl's peak awaits you. This will be an encounter you will never forget.
Come raggiungere il picco della Sibilla
Oggi i turisti possono ancora provare il brivido di un'escursione al Monte Sibilla e alla sua storica grotta, lasciando dietro di sé la vita e le preoccupazioni di tutti i giorni e lanciandosi in un viaggio all'interno del mito e della leggenda.
La via più impressionante per giungere al Monte Sibilla è quella che parte da Castelluccio di Norcia, il villaggio posto sull'elevazione che sovrasta il fantastico panorama del Pian Grande. Il sentiero si arrampica accanto alle pendici del Monte Vettore, la cui visione incombente è allo stesso tempo mozzafiato e terribile; la pista prosegue poi in quota con decisione fino alle selle del Palazzo Borghese e di Monte Porche, un luogo di straordinaria bellezza e totalmente isolato dal mondo, dove solamente il vento e la luce solare dominano le alte creste. Vi trovate già, a questo punto, nel regno della Sibilla: sentirete la necessità di parlare a bassa voce, per non disturbare gli esseri soprannaturali che fanno parte del suo magico seguito.
Seguirà infine una lunga camminata lungo le linee di cresta: nella distanza azzurrina, il Monte Sibilla vi starà aspettando. E sarà un incontro che non dimenticherete mai.














18 Oct 2015
Near the entrance
The wind, the sunlight, the mystery beneath your hiking boots: you are on the Sibyl's mountain-top. The mystery lies just a few yards from where you stand: the entrance to the Mount Sibyl's cave.
Vicino all'ingresso
Il vento, la luce del sole, il mistero al di sotto degli scarponi da montagna: siete sulla vetta del Monte Sibilla. L'enigma giace a pochi metri da dove vi trovate: l'ingresso alla grotta della Sibilla.
















21 Set 2015
The shadow of the Sibyl
There is a picture posted on the web a few days ago. It provides an eerie feeling about the strange renown that the Sibillini Range in Italy has acquired during the centuries, a renown that has firm roots in our present day as well.
In July 2015, on a mountain facing the Sibyl's peak, named Monte Porche, a large shadow was projected on the mountain-side by adjacent cliffs, in the warm hours of the late afternoon. If you look at the picture, a shiver will run down your spine: the shadow, as huge as the mount itself, is shaped like a veiled woman. A scream is being emitted by the shadow's gaping mouth, in a sort of centuries-old, blood-curdling cry of agony.
The veil. The ghastly scream. The face, seemingly not completely human. This is the shadow of a woman. This is the shadow of the ancient dweller of the Sibillini Range. This is the shadow of the Apennine Sibyl.
A mere chance? Just a figment of imagination and the setting sun? You can find your own answer. And yet, this is only one of the many examples telling us that the myth of the Sibyl is still alive amid those peaks, in our present age of smartphones and Facebook. The Sibyl, in this very minute, is still waiting for the souls of men responding to her call.
L'ombra della Sibilla
Questa immagine è stata postata nel web alcuni giorni fa, e contribuisce a rinnovare quei sentimenti inquieti che hanno caratterizzato la fama sinistra acquisita dai Monti Sibillini nel corso dei secoli, una fama che trova ancora radici nel nostro presente.
Nel luglio 2015, sulla montagna che fronteggia il picco della Sibilla, il Monte Porche, una vasta ombra veniva proiettata sul fianco della vetta dai crinali adiacenti, nelle ore torride del tardo pomeriggio. Se si considera l'immagine, un brivido corre lungo la schiena dell'osservatore: l'ombra, grande quanto la montagna stessa, ha la forma di una donna velata. Un urlo sembra fuoriuscire dalla bocca spalancata dell'apparizione, in una sorta di agghiacciante, immemore grido di sordo dolore. Il velo. Il grido raccapricciante. Il volto, che sembra non essere completamente umano. Questa è l'ombra di una donna. Questa è l'ombra dell'antica abitatrice dei Sibillini. L'ombra, forse, della Sibilla Appenninica.
Un mero caso fortuito? Solamente un parto dell'immaginazione e del sole al tramonto? Ognuno può trovare la propria risposta. E si tratta solamente di uno dei molti esempi i quali vogliono comunicarci che il mito della Sibilla è ancora vivo tra queste vette, nella nostra età di smartphone e social network.
La Sibilla, proprio in questo stesso momento, sta ancora attendendo, come un tempo, che le anime degli uomini rispondano al suo antico richiamo.














2 Set 2015
The fascination of the place
Mount Sibyl is an eerie place. The legendary potency of the tales encircling its lofty cliff is strong. And it's still powerful, despite the centuries that have elapsed since the hearsay about a Sibyl's cave started to spread across Italy and Europe.
Today the spell is even greater. People with enhanced sensitiveness can easily sense the vibrations surrounding the area of the peak. In these very days, a party of Buddhist monks has established their temporary residence near the mountain-top to pray and achieve enlightement. They come from a far-off country, just like Antoine de La Sale, and Tannhäuser, and the host of knights and adventurers that have been reaching the cave for hundreds of years. They left their monastery in Bangalore (India) to reach Mount Sibyl and perform meditation on the mysteries of life, nature and deity.
Is there any better place than this?
Il fascino di un luogo unico
Il Monte Sibilla è un luogo oscuro e sinistro. La leggendaria potenza dei racconti che circondano la vetta solitaria è ancora presente. Ed è ancora attiva, malgrado i secoli trascorsi sin da quando la strana dicerìa a proposito di una grotta sibillina aveva cominciato a diffondersi attraverso l'Italia e l'Europa.
Oggi, l'incantesimo sembra essere ancora più forte. In questi giorni, un gruppo di monaci buddisti si è recato presso la cima della montagna per pregare e ricercare un'illuminazione. Essi giungono da paesi remoti, come Antoine de La Sale, come Tannhäuser, come le schiere di cavalieri e avventurieri che si sono recati alla grotta per molte centinaia di anni. I monaci hanno lasciato il proprio monastero di Bangalore (India) per raggiungere il Monte Sibilla ed esercitarsi nella meditazione a proposito dei misteri della vita, della natura e della divinità.
C'è forse un luogo migliore di questo?














1 Set 2015
A shrine on the mountain-top
The legend of Mount Sibyl is as ancient as the mountains themselves. What was to be found on the mountain-top in antiquity, in Roman times? A huge cavern existed on the cliff: could it have been a place of worship for a deity of the rocks, woods and mountains, such as Cybele? In ancient Central Italy, the wild nature was actually sacred to Cybele, the Great Mother. She was worshipped amidst the slopes and ravines of the Apennines and many spots have been uncovered by the archeologists where her name was honoured and ritual gifts were offered to her. Was a shrine dedicated to Cybele present on the peak of Mount Sibyl more than two thousand years ago? Remnants of lintels carved in stone were unearthed by excavators in August, 1929: such artifacts could not be mistaken for the remaining fragments of rough stone scattered all about, «due to the apparent symmetry in their cut and overall shape».
The shrine would provide access to the cave's entranceway, from which gloomy paths went down into the hidden core of the mountain: the realm of the Apennine Sibyl.
In this picture, we propose an artist's impression of what a shrine on the mountain-top could have looked like. It stands there no more. But the enigma is still there. And it must undergo investigation.
Un luogo di culto sulla cima della montagna
La leggenda del Monte della Sibilla è antica quanto le montagne stesse. Cosa esisteva sulla cima del monte nell'antichità, al tempo dei Romani? Forse, una grande caverna: poteva trattarsi di un luogo di culto dedicato ad una divinità delle rocce, dei boschi e delle montagne, come Cibele? Nell'Italia centrale dei millenni passati, la natura selvaggia era sacra alla dea Cibele, la Grande Madre. La divinità era celebrata tra i versanti e i precipizi degli Appennini, e molti luoghi sono stati scoperti dagli archeologi dove il suo nome veniva onorato con offerte rituali. È possibile che un santuario dedicato a Cibele fosse presente, più di duemila anni fa, sulla vetta del Monte della Sibilla? Resti di architravi tagliati nella roccia furono effettivamente rinvenuti nel corso degli scavi condotti nell'agosto del 1929: secondo le testimonianze dell'epoca, questi ritrovamenti non potevano «confondersi con le restanti pietre grezze che loro stanno attorno per una innegabile regolarità nel taglio e nella forma».
Il santuario avrebbe fornito l'accesso all'ingresso vero e proprio della caverna, dal quale una serie di oscuri cunicoli avrebbero condotto il visitatore verso le profondità segrete della montagna.
In questa immagine, proponiamo una visione di fantasia di come sarebbe potuto apparire un santuario posto sulla cima della montagna. Certamente, oggi nulla di tutto ciò esiste più. Ma il mistero è ancora lì. E deve essere investigato.















27 Aug 2015
An Italian mystery
Mount Sibyl. A rocky peak in Italy. One of the many cliffs belonging to the Sibillini Range, in central Italy. And so what?

However, there is something with that peak. It's not simply like the others. It IS different. And people know that. People have been aware of that ever since the fifteenth century, the age of Early Renaissance in Italy. And we are not talking of illiterate Italian peasants. Not only them. We are talking of aristocrats and knights and men of letters. We are talking of scientists and adventurers and treasure hunters. And necromancers.

Mount Sibyl is different. Because of its shape. Because of what is to be found on the mountain-top. Because of the legends which surround that solitary peak. It is different. And eerie.
Un mistero italiano
Il Monte Sibilla: un inaccessibile picco roccioso posto nell'Italia centrale. Una delle molte vette appartenenti ai Monti Sibillini.

E allora?

E allora, c'è qualcosa che riguarda quella cima. Non è semplicemente come tutte le altre. È diversa, peculiare. E la gente lo sa, sin dal quindicesimo secolo, l'età del primo Rinascimento italiano. E non stiamo parlando di contadini ignoranti e illetterati. O, quantomeno, non solo di loro. Parliamo infatti di nobili, cavalieri, letterati. Parliamo di scienziati, avventurieri, cercatori di tesori. E negromanti.

Il Monte Sibilla è diverso. A causa della sua forma, così particolare. A causa di ciò che esiste – o esisteva – sulla cima del monte. A causa delle leggende che circondano quel picco così solitario. Così differente. E così sinistro.













26 Aug 2015
A legendary mountain in Italy
The mystery of Mount Sibyl in Italy is an ancient one and is still unsolved. The mountain raises its peak between Umbria and Marche. The cave on the mountain-top has been visited for centuries by men from all over Europe in search of the legendary subterranean realm of the Sibyl of the Apennines. A quest that definitely is not over. This web page will provide you with all the information you need on Mount Sibyl's legend and lore, as well as updates and accounts on past and present searches. Get ready for your personal visit to Mount Sibyl's peak and cavern.
Una leggendaria montagna italiana
L'antico segreto del Monte della Sibilla, la montagna che si erge tra l'Umbria e le Marche, è ancora oggi inviolato. La grotta posta sulla cima è stata per secoli e secoli la meta di uomini provenienti da ogni angolo d'Europa, in cerca del leggendario regno sotterraneo abitato dalla Sibilla Appenninica. Una ricerca che è ancora oggi in corso. Questa pagina renderà disponibili tutte le informazioni relative alla leggenda che circonda il Monte della Sibilla, con tutti gli aggiornamenti e le narrazioni delle ricerche passate e presenti. Preparatevi alla vostra visita personale al picco della Sibilla e alla sua grotta.


MICHELE SANVICO
ITALIAN WRITER
michele.sanvico@italianwriter.it